©2023 Federazione Italiana Rugby

È di Alyssa D’Incà la meta più bella del Sei Nazioni Femminile 2024

Sei Nazioni ha annunciato oggi la vincitrice del premio “Try Of The Championship” per l’edizione 2024 del Guinness Women’s Six Nations 2024. A trionfare è la trequarti centro/ala di in forza a Villorba Alyssa D’Incà (26 caps in Azzurro), con la seconda meta segnata lo scorso 14 aprile a Parigi, nella sfida con la Francia.
La corsa di D’Incà, abile a ricevere un passaggio da Emma Stevanin all’interno dei propri 10 metri e a schiacciare in meta dopo uno slalom di sessanta metri, è stata dunque premiata con un ambito riconoscimento che fa il paio con quello vinto da Lorenzo Pani nell’edizione al maschile dello stesso riconoscimento (il trequarti delle Zebre con la meta segnata a Cardiff nell’ultimo turno del Guinness Men’s Six Nations).

La meta di Alyssa D’Incà, vincitrice del premio Try of the Championship

Le altre candidate per il premio Try of the Championship del Guinness Women’s Six Nations erano Annaëlle Deshaye (Francia), per la meta segnata con l’Italia; Ellie Kildunne (Inghilterra) per la sua marcatura contro il Galles e Abby Dow (Inghilterra) per la meta segnata all’Irlanda. A vincere alla fine però è stata la ventiduenne azzurra, autrice di tre mete nel corso del Torneo.

Benetton, un successo storico contro la fisicità Sudafricana. Le Zebre cedono alla distanza: l’analisi del 16esimo turno di URC

Per la prima volta il Benetton vince in Sudafrica, e lo fa nella giornata forse più importante della sua storia recente, in una sfida che valeva tantissimo per la corsa ai playoff: i biancoverdi soffrono la grande fisicità degli Sharks, vanno sotto nel punteggio ma restano sempre attaccati alla partita, fino alla strepitosa rimonta finale. Decide Jacob Umaga, prima col calcio di punizione che ha riportato la squadra di Bortolami sotto break, poi con la meta al 79’ (propiziata da una bella giocata di Zanon) che è valsa il -1, infine con la trasformazione del sorpasso per il 25-24 finale. A Durban il Benetton ottiene 4 punti d’oro e resta tra le prime 8 dello United Rugby Championship a 2 giornate dalla fine. Nulla da fare per le Zebre, che restano in partita per 60 minuti contro un Edimburgo che schiera la miglior formazione possibile e dilaga nel finale vincendo 40-14.

Un successo strepitoso

Il Benetton ha dimostrato come a volte si possano superare anche i propri limiti. Gli Sharks – imbottiti di Springboks e di campioni del mondo – hanno puntato tutto sulla propria fisicità, per poi allargare al momento giusto sfruttando le gambe di giocatori come Kok, Fassi e Mapimpi. La strategia è parsa funzionare per un’ora, ma il Benetton non ha mai mollato nonostante le energie si riducessero ad ogni assalto dei sudafricani. La squadra di Bortolami ha saputo ancorarsi ai propri punti di forza: una maul avanzante (e a segno con Lucchesi), una disciplina pazzesca (solo 2 calci di punizione concessi in tutta la partita) e la solita capacità di restare sempre attaccata alla partita, anche quando la doppietta di Kok sembrava aver chiuso i giochi.

La coppia Brex-Menoncello e l’ingresso di Zanon

Tanti i biancoverdi che si sono distinti nel durissimo pomeriggio di Durban, in particolare i centri: l’intesa della coppia Brex-Menoncello ha rappresentato un pericolo costante per la difesa degli Sharks, che ha ceduto proprio di fronte a una giocata congiunta dei due che ha portato alla meta del miglior giocatore del Sei Nazioni 2024. Ottimo ingresso ancora una volta di Marco Zanon, che nonostante la concorrenza dei due Azzurri e di Fekitoa è riuscito quest’anno a ritagliarsi spazi importanti facendosi trovare sempre pronto: è sua la giocata che porta alla meta di Umaga al 79’, e già prima si era più volte reso pericoloso. Bene come sempre Niccolò Cannone con 14 placcaggi e Sebastian Negri, chiamato a un compito durissimo contro un pacchetto di avanti pesantissimo. Menzione anche per l’esordiente Destiny Aminu, passato in una settimana da Mogliano a Durban, entrato già nel primo tempo per l’infortunio di Zani e bravo a reggere contro una mischia fortissima, e per l’immortale Dewaldt Duvenage, che ha gestito alla perfezione gli ultimi 20 minuti dopo una stagione da allenatore-giocatore.

Zebre altalenanti a Edimburgo

Sulla carta, soprattutto vedendo la formazione schierata da Edimburgo, sembrava una partita proibitiva per le Zebre, che però in Scozia hanno dato tutto mettendo in difficoltà la squadra di casa. La squadra di Roselli è stata brava a limitare Van Der Merwe e in generale a tenere gli scozzesi nel gioco aperto ma ha ceduto davanti, concedendo ben 3 mete direttamente da maul. Questa è stata la chiave della vittoria di Edimburgo, che era stata messa in difficoltà dalle fiammate delle Zebre, a segno con una grande imbucata di Prisciantelli nel primo tempo e con Trulla nella ripresa, dopo un gran passaggio di Montemauri. Proprio i 3 citati sono stati tra i migliori delle Zebre, insieme a Zambonin e Licata. La squadra di Roselli ha ceduto alla distanza pagando il gap fisico tra le due formazioni e soprattutto i troppi errori quando la partita era ancora aperta.

Serie A Elite Maschile: Rugby Petrarca supera Rovigo 24-22 ed è in Finale Scudetto

Rovigo – Lo Stadio Battaglini di Rovigo ha emesso questo pomeriggio il secondo verdetto del week end.

Rugby Petrarca supera i padroni di casa della Femi-CZ Rugby Rovigo 24-22 e strappa il lasciapassare per la Finale del 2 giugno: allo Stadio Lanfranchi di Parma affronterà il Rugby Viadana 1970 per la conquista del Titolo di Campione d’Italia Assoluto Maschile 2023/24.

Grande emozione per l’ingresso in campo solitario di Capitan Ferro, celebrato per le 200 partite in maglia rossoblù con un applauso di tutto lo stadio, parte petrarchina compresa.

Primi minuti con gli ospiti molto aggressivi sul breakdown, la difesa rodigina resta però sul pezzo e non regala metri facili agli avversari.

Al 9’ il primo strappo è di segno nero: gli avanti di casa recuperano palla attorno alla metà campo, ma non recuperano sul gioco al piede favorendo una exit tra Lyle e Bellini che la stessa ala trasforma nella prima marcatura pesante pressando sul tentativo mal riuscito di liberazione al piede di Sarto. Lyle converte, 0-7.

Padova non alza il piede dall’acceleratore annusando nell’aria il momento difficile dei Bersaglieri, che sono iper-sollecitati difensivamente sulle percussioni verticali avversarie.

Al 17’ il dominio patavino porta ulteriori punti in cassaforte: incursione degli avanti nei 22 in attacco, palla sventagliata larghissima da Lyle su Scagnolari che lascia sul posto il difensore tuffandosi in bandierina per la

seconda meta. Lyle è impeccabile dall’angolo, 0-14.

Per la Femi-CZ lo schiaffo fa da sveglia, e allo scavallo del primo quarto per la prima volta i rossoblù muovono palla efficacemente in territorio patavino sfiorando la marcatura e piantando la bandierina oltre la metà campo.

Alla mezz’ora il carattere rodigino salta fuori su una serie di iniziative uno-contro-uno che spezzano la gabbia difensiva ospite spedendo in meta Diederich Ferrario, bravissimo a pestare sulle gambe fino al tocco vincente sotto i pali resistendo a quattro placcatori. Dogliani converte, 7-14.

Il momentum è tutto per i padroni di casa, spinti da un Battaglini incendiato sulle tribune straripanti: Rovigo trova sempre più confidenza sul breakdown, con la coppia Chillon-Dogliani a dettare i tempi per il lancio di una linea veloce guidata da un Diederich Ferrario indemoniato: proprio il centro argentino al 36’ decide di sezionare la difesa con una corsa basculante che toglie gli appoggi all’opposizione, segnando una meta spettacolare poi trasformata da Dogliani per il 14 a 14 che manda le squadre al riposo.

Il flow della prima frazione non cambia, con la Femi-CZ a macinare metri sfiancando una difesa che sembra già in apnea: una meta sfiorata nei primissimi minuti diventa poi il penalty che al 47’ manda Dogliani a centrare i pali da una trentina di metri centrali. Primo vantaggio rodigino e match che in questa fase resta saldo in mano rossoblù, 17-14.

La panchina padovana cambia le carte davanti cercando di girare l’inerzia in fase di possesso, ma la difesa di casa è lucida e non registra cedimenti rilevanti, trovando campo in attacco fino al fallo forzato a terra dei patavini al 47’ che però Dogliani spedisce fuori.

Al 56’ il Petrarca torna a giocare nei 22 in attacco con un multifase ben costruito, che porta le maglie nere a cinque metri dalla meta, con azione disinnescata, però, dal bel lavoro degli avanti polesani.

Anche la panchina dei Bersaglieri dà ampio spazio ai cambi e al 58’ il Petrarca ottimizza la pressione nei 22 rodigini con una bella combinazione al largo, per la meta di  De Masi sotto l’acca che Lyle converte facilmente, 17-21.

Padova è nuovamente al 100% dentro la partita, che le due squadre affrontano in un ultimo quarto a viso aperto in tutte le fasi di gioco.

Rovigo tiene il possesso e al 66’ si guadagna un penalty che la squadra decide di giocare in touche: il drive è potente e ben timonato, spinto dall’urlo del Battaglini fino alla meta firmata da Cadorini, mentre Dogliani sbaglia da posizione facile per il parziale di 22 a 21.

Al 73’ fase di ping pong al piede, con Rovigo che non riesce a uscire dalla pressione commettendo poi un in-avanti davanti ai propri pali: mischia chiusa ad ingaggio ospite, i rossoblù non tengono e Piardi assegna il penalty che 3’ più tardi Lyle consegna morbido in mezzo ai pali per il nuovo contro-sorpasso, 22-24.

Ultimi minuti al cardiopalmo: Rovigo attacca palla in mano esplorando il doppio fronte, Padova fatica nei ripiazzamenti ma riesce a tenere la linea, poi l’ultimo minuto, con un in-avanti petrarchino che regala l’ultima palla buona all’attacco di casa.

Palla agli avanti, che lavorano un lunghissimo multifase nei 22 padovani: col fiato sospeso in extra-time la palla esce dalla parte rossoblù ma un passaggio gestito male lascia al Petrarca l’ultimo possesso buono per calciare fuori liberando tutta la gioia che merita la qualificazione alla Finale del 2 giugno.

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – domenica 12 maggio 2024, ore 17.00
PlayOff Serie A Elite, Terza giornata – diretta RaiSport & DAZN
FEMI-CZ Rovigo v Petrarca Rugby 22–24 (14-14)

Marcatori p.t. 9’ m. Bellini tr. Lyle (0-7), m. Scagnolari tr. Lyle (0-14), 30’ m. Diederich Ferrario tr. Dogliani (7-14), 36’ m. Diederich Ferrario tr. Dogliani (14-14); s.t. 47’ c.p. Dogliani (17-14), 58’ m. De Masi tr. Lyle (17-21), 67’ m. Cadorini (22-21), 76’ c.p. Lyle (22-24)
FEMI-CZ Rovigo: Sperandio; Vaccari (65’ Lertora), Diederich Ferrario, Uncini, Sarto; Dogliani, Chillon (57’ Bazan Vélez); Casado Sandri (65’ Cosi), Sironi (68’ Casado Sandri), Meggiato (71’ Lubian), Ferro (cap.) (54’ Zottola), Steolo; Swanepoel (62’ Lastra Masotti), Giulian (54’ Cadorini), Leccioli (62’ Quaglio).
all. Lodi
Petrarca Rugby: Lyle; Scagnolari (75’ De Sanctis), De Masi, Broggin, Bellini; Fernandez (54’ Citton), Tebaldi; Trotta (cap.), Nostran (62’ Vunisa), Casolari (47’ Romanini); Ghigo (54’ Michieletto), Galetto; Hughes (47’ Montilla T.), Luus (47’ Bizzotto), Borean (56’ Brugnara).
all. Marcato
Arb. Andrea Piardi
AA1 Franco Rosella, AA2 Alex Frasson
Quarto Uomo: Francesco Meschini
Quinto Uomo: Mirco Sergi
TMO: Claudio Blessano
Calciatori: Dogliani (FEMI-CZ Rovigo) 3/5; Lyle (Petrarca Rugby) 4/4
Cartellini:
Note: Campo in buone condizioni, giornata calda circa 28°. 200 presenze in maglia rossoblù per il Capitano Matteo Ferro. Presenti allo Stadio 2950 spettatori.
Punti conquistati in classifica: (FEMI-CZ Rovigo) 1, (Petrarca Rugby) 4
Player of the Match: Tito Tebaldi (Petrarca Rugby)

Serie A Elite maschile – play off 2023/24

Girone 1
I Giornata: Rugby Viadana  – Rugby Colorno 1975, 33-10 (Riposa Valorugby Emilia)
II Giornata: Valorugby Emilia – Rugby Colorno 1975, 22-17 (Riposa Rugby Viadana)
III Giornata: Rugby Viadana – Valorugby Emilia, 18-16 (Riposa Rugby Colorno 1975)
Classifica: Rugby Viadana  9; Valorugby Emilia 5; Rugby Colorno 1975 1

Girone 2
I Giornata: Femi-CZ R. Rovigo – Mogliano Veneto Rugby, 29-12 (Riposa Rugby Petrarca)
II Giornata: Rugby Petrarca – Mogliano Veneto Rugby, 31-21 (Riposa Femi-CZ R. Rovigo)
III Giornata: Femi-CZ R. Rovigo – Rugby Petrarca, 22-24 (Riposa Mogliano Veneto)
Classifica: Rugby Petrarca 9; Femi-CZ R. Rovigo 5; Mogliano Veneto Rugby 0

Serie A Femminile, squilli di Volvera e Puma Bisenzio e nell’andata delle semifinali

Le Semifinali di andata di Serie A Femminile regalano spunti importanti e mettono due squadre in testa ai pronostici per l’accesso alla finale che assegnerà il titolo il prossimo 2 giugno.
A Frascati è Volvera ad avere la meglio, schiantando la squadra di casa con un netto 7-46.
Nella seconda semifinale a spuntarla sono Le Puma Bisenzio, che tra le mura amiche battono con il risultato di 20-18 le ragazze del Neapolis Campania Felix.
Volvera dunque mette una seria ipoteca sull’accesso alla finale, mentre bisognerà aspettare il match di ritorno per capire chi, tra Bisenzio e Neapolis sorriderà e passerà il turno.
Le semifinali di ritorno si disputeranno la prossima settimana.

Qui il quadro delle semifinali di andata:

Lupi Frascati v Volvera Rugby 7-46
Le Puma Bisenzio v Neapolis Campania Felix 20-18

Serie A Elite Maschile: Viadana conquista la finale Scudetto

Termina con il punteggio di 18 a 16 per i padroni di casa il terzo turno delle semifinali play off (Girone 1) disputato oggi allo Zaffanella tra Viadana Rugby ed il Valorugby. Gli uomini di Pavan conquistano l’accesso alla finale per il Titolo di Campione d’Italia Assoluto Maschile 2023/24 in programma allo Stadio Lanfranchi di Parma il prossimo 2 giugno.

Il successo di oggi segna per i gialloneri il ritorno ad una finale dopo ben 14 anni.

Partita che regala grandi emozione: dopo aver sofferto per tutta la partita Viadana passa in vantaggio negli ultimi 10 minuti con la meta di Ciardullo. Onore a Valorugby che ha giocato il tutto per tutto per poter accedere alla finale. Viadana dovrà attendere il verdetto di domani per conoscere la prossima avversaria:  allo Stadio Battaglini di Rovigo si deciderà chi accederà alla Finale tra Femi-CZ Rovigo e Rugby Petrarca.

“E’ stata una partita dura, intesa, decisa sui dettagli”– commenta il pilone Antonio Denti, bandiera del Rugby Viadana – “Una partita combattuta da due squadre che volevano andare in finale, si è visto, è andata bene per noi. Complimenti davvero al Valorugby che ha messo tanta testa, tanto cuore e tanto spirito”.

Serie A Elite maschile – play off 2023/24

Girone 1
I Giornata: Rugby Viadana  – Rugby Colorno 1975, 33-10 (Riposa Valorugby Emilia)
II Giornata: Valorugby Emilia – Rugby Colorno 1975, 22-17 (Riposa Rugby Viadana)
III Giornata: Rugby Viadana – Valorugby Emilia, 18-16 (Riposa Rugby Colorno 1975)
Classifica: Rugby Viadana  9; Valorugby Emilia 5; Rugby Colorno 1975 1

Girone 2
I Giornata: Femi-CZ R. Rovigo – Mogliano Veneto Rugby, 29-12 (Riposa Rugby Petrarca)
II Giornata: Rugby Petrarca – Mogliano Veneto Rugby, 31-21 (Riposa Femi-CZ R. Rovigo)
Classifica: Rugby Petrarca 5; Femi-CZ R. Rovigo 4; Mogliano Veneto Rugby 0

III Giornata, 12/05/24 – h.17.00
Rovigo, Stadio Battaglini
Femi-CZ R. Rovigo – Rugby Petrarca, arb. Andrea Piardi (Brescia)
Gdl Franco Rosella (Roma) e Alex Frasson (Treviso)
TMO Claudio Blessano (Treviso)
Diretta simulcast RAI Sport / DAZN

Viadana, Stadio “L.  Zaffanella” –  Sabato 11 maggio 2024
Serie A Elite, III° giornata PlayOff
Rugby Viadana 1970 v Valorugby Emilia (6-13) 18-16
Marcatori: p.t. 7’ m. Sbrocco tr. Ledesma (0-7), 16’ c.p. Ledesma (0-10), 18’ c.p. Roger Farias (3-10), 21’ c.p. Ledesma (3-13), 25’ c.p. Roger Farias (6-13); s.t. 58’ m. Sauze (11-13), 64’ c.p. Ledesma (11-16), 67’ m. Ciardullo tr. Roger Farias (18-16), 
Rugby Viadana 1970: Sauze (59’ Ciardullo), Bronzini, Morosini, Jannelli (C), Ciofani, Roger, Baronio, Ruiz, Wagenpfeil (49’ Boschetti), Locatelli, Lavorenti (56’ Catalano), Schinchirimini, Mignucci (59’ Oubina), Luccardi (54’ Denti), Mistretta (49’ Fiorentini).
All. Gilberto Pavan
Valorugby Emilia: Farolini, Lazzarin (20’ Mastandrea), Resino, Bertaccini (70’ Tavuiara), Colombo, Ledesma, Renton (C) (65’ Schiabel), Amenta (48’ Cenedese), Sbrocco, Paolucci, Du Preez (65’ Gerosa), Dell’Acqua, Favre (59’ Mattioli), Silva (44’ Mariniello), Diaz (59’ Rimpelli).
All. Marcello Violi, David Fonzi
Arb. Clara Munarini (Parma)
AA1 Federico Vedovelli (Sondrio), AA2 Riccardo Angelucci (Livorno)
Quarto Uomo: Alberto Favaro (Venezia), Federico Boraso (Rovigo)
TMO: Stefano Roscini (Milano)
Calciatori: Maximo Ledesma (Valorugby Emilia) 4/4, Martin Roger Farias (Rugby Viadana 1970) 3/4
Note: giornata calda e soleggiata, circa 27°, campo in perfette condizioni. Spettatori 4000 circa.
Punti conquistati in classifica: Rugby Viadana 1970 4 – Valorugby Emilia 1
Player of the Match: Tommaso Jannelli (Rugby Viadana 1970)

Serie A Elite Maschile, domani al Battaglini il 179esimo Derby d’Italia fra Rovigo e Petrarca

In palio l’accesso alla finalissima del 2 giugno e l’Adige Cup

Andrà in scena domani, domenica 12 maggio alle 17.00, presso lo storico impianto rodigino, lo Stadio Mario Battaglini, il 179esimo Derby d’Italia fra i Bersaglieri della Femi-CZ Rugby Rovigo ed il Rugby Petrarca.

Il match, terzo ed ultimo turno delle semifinali play off, definirà la seconda finalista che il prossimo 2 giugno a Parma scenderà in campo allo Stadio Lanfranchi per la conquista del Titolo di Campione d’Italia Assoluto Maschile 2023/24.

In palio non solo il lasciapassare per la finalissima del 2 giugno ma anche l’Adige Cup, trofeo per due società amiche ma storicamente rivali che prende il nome dal fiume che divide le due province di Padova e Rovigo. Istituito nel 2013, è stato assegnato l’ultima volta (la 36esima) in occasione del 16esimo turno (24 marzo), match ad appannaggio del Rovigo.

A dirigere l’incontro sarà il fischietto bresciano Andrea Piardi, assistito da Franco Rosella (Roma) ed Alex Frasson (Treviso). TMO Claudio Blessano (Treviso).

RAI Sport e DAZN garantiranno la copertura televisiva.

A guidare le due formazioni Matteo Ferro che scenderà in campo con la maglia rosso-blu per la 200esima volta ed Andrea Trotta.

Serie A Elite maschile – play off 2023/24

Girone 1
I Giornata: Rugby Viadana  – Rugby Colorno 1975, 33-10 (Riposa Valorugby Emilia)
II Giornata: Valorugby Emilia – Rugby Colorno 1975, 22-17 (Riposa Rugby Viadana)
Classifica: Rugby Viadana  5; Valorugby Emilia 4; Rugby Colorno 1975 1

III Giornata, 11/05/24 – h.17.00
Viadana (MN), Campo Zaffanella
Rugby Viadana – Valorugby Emilia, arb. Clara Munarini (Parma)
Gdl: Federico Vedovelli (Sondrio) e Riccardo Angelucci (Livorno)
TMO Stefano Roscini (Milano)
Diretta simulcast RAI Sport / DAZN

Girone 2

I Giornata: Femi-CZ R. Rovigo – Mogliano Veneto Rugby, 29-12 (Riposa Rugby Petrarca)
II Giornata: Rugby Petrarca – Mogliano Veneto Rugby, 31-21 (Riposa Femi-CZ R. Rovigo)
Classifica: Rugby Petrarca 5; Femi-CZ R. Rovigo 4; Mogliano Veneto Rugby 0

III Giornata, 12/05/24 – h.17.00
Rovigo, Stadio Battaglini
Femi-CZ R. Rovigo – Rugby Petrarca, arb. Andrea Piardi (Brescia)
Gdl Franco Rosella (Roma) e Alex Frasson (Treviso)
TMO Claudio Blessano (Treviso)
Diretta simulcast RAI Sport / DAZN

Femi-CZ R. Rovigo – Rugby Petrarca, le ultime dalle sedi

Femi-CZ Rugby Rovigo: Sperandio; Vaccari, Diederich Ferrario, Uncini, Sarto; Dogliani, Chillon; Casado Sandri, Sironi, Meggiato, Ferro (cap.), Steolo; Swanepoel, Giulian, Leccioli.
A disposizione: Cadorini, Quaglio, Lastra Masotti, Zottola, Lubian, Cosi, Bazan Vélez, Lertora.
Head Coach Alessandro Lodi
Il Commento di Davide Giazzon, allenatori avanti: “Questo Derby sarà unico. Noi, staff e giocatori, vogliamo essere una cosa sola. Dovremo dare quel qual qualcosa in più per superare i nostri standard e per ambire a qualcosa di speciale. Mi piace pensare in grande e spero che i ragazzi giochino senza paura, divertendosi e senza porsi limiti perché quando lo fanno è un piacere vederli in campo.”

Rugby Petrarca: Lyle; Scagnolari, De Masi, Broggin, Bellini; Fernandez, Tebaldi; Trotta (cap.), Nostran, Casolari; Ghigo, Galetto; Hughes, Luus, Borean.
A disposizione: Brugnara, Montilla T., Bizzotto, Michieletto, Romanini, Vunisa, Citton, De Sanctis.
Head Coach Andrea Marcato
Il commento di Marcato: “Non vediamo l’ora di scendere in campo. Sappiamo bene l’importanza di questa partita, e siamo contentissimi di giocare ancora una volta al Battaglini, dove nell’ultimo derby c’è stata una cornice di pubblico meravigliosa. L’immagine di questa partita è come quella degli scalatori che stanno affrontando una montagna. Strada impervia ma siamo ben attrezzati e ben allenati. Abbiamo esperienza per arrivare in cima. Siamo consapevoli di non essere favoriti, ma dobbiamo giocare a viso aperto. Ci arbitrerà il miglior fischietto italiano. Ci conosce, ha già diretto l’ultimo derby, dovremo adeguarci ai suoi standard. Sarà una partita decisa dalla disciplina. Un match da dentro o fuori. Chi farà meno errori vincerà la partita. Ci siamo allenati bene, siamo sereni, il clima è ottimo. Servirà il miglior Petrarca della stagione, quello che sfrutta ogni errore degli avversari”.

Zebre in partita fino al 66′: A Edimburgo gli Scozzesi allungano nel finale

Edimburgo (Scozia) – 10 maggio 2024
BKT United Rugby Championship 2023/24, Round 16

Edinburgh Rugby v Zebre Parma 40-14 (p.t. 19-7)

Marcatori: 17’ m. Ashman (5-0), 24’ m. Prisciantelli tr Dominguez (5-7), 31’ m. Ashman tr Healy (12-7), 38’ m. Nel tr Healy (19-7);s.t. 57’ m. Trulla tr Montemauri (19-14), 66’ m. Dean tr Healy (26-14), 77’ m. Vellacott tr Healy (33-14), 80’ m. Sebastian tr Scott (40-14)

Edinburgh Rugby: Goosen, Currie, Bennett (61’ Dean), Lang, van der Merwe, Healy (78’ Scott), Price (61’ Vellacott), Mata, Watson (69’ Crosbie), Ritchie, Gilchrist, Skinner (56’ Sykes), Nel (56’ Sebastian), Ashman (56’ Cherry), Schoeman (56’ Venter); All. Everitt

Zebre Parma: Prisciantelli, Trulla, Paea (67’ Mazza), Lucchin, Gesi, Montemauri (67’ Pani), Dominguez (56’ Garcia), Licata (Cap), Fox-Matamua (49’ Stavile), Ferrari, Zambonin, Canali (49’ Sisi), Pitinari (56’ Genovese), Ribaldi (70’ Di Bartolomeo), Hasa (59’ Taddei); All. Roselli

Arbitro: Ben Breakspear (Welsh Rugby Union)
Assistenti: Ru Campbell (Scotish Rugby Union) e David Sutherland (Scotish Rugby Union)
TMO: Ian Davies (Welsh Rugby Union)

Calciatori: Ben Healy (Edinburgh Rugby) 4/5; Thomas Dominguez (Zebre Parma) 1/1; Giovanni Montemauri (Zebre Parma) 1/1; Cammy Scott (Edinburgh Rugby) 1/1
Cartellini:
Player of the match: Ewan Ashman (Edinburgh Rugby)
Punti in classifica: Edinburgh Rugby 5, Zebre Parma 0

Note: Cielo parzialmente nuvoloso. Temperatura 15°. Terreno in ottime condizioni. Spettatori 6.792

Cronaca: All’Hive Stadium di Edimburgo le Zebre rimangono in partita e a distanza di break fino al 66’ grazie a una prova che, per buoni tratti, è di grande attitudine e sacrificio.

Gli Scozzesi, chiamati a fare bottino pieno per entrare in zona playoff, fanno valere la propria fisicità ed esperienza in mischia chiusa, ottenendo diversi calci di punizione e segnando tre mete in rapida sequenza nel finale di gara a partita oramai conclusa.

I gialloblù hanno i loro momenti di gioco, ma non riescono a concretizzare le opportunità create in attacco. Due mete per Licata e compagni che al 24’ si portano addirittura in vantaggio dopo il bel break di Prisciantelli, bravo a bucare la difesa dei padroni di casa dopo aver recuperato un calcio di liberazione.

Gli Scozzesi, che al 15’ sbloccano lo score dopo un primo quarto d’ora di grande equilibrio, chiudono la prima frazione con due marcature segnate da touche e una con un raccogli-e-vai di potenza.

Nella ripresa sono le Zebre le prime a marcare. Lo fanno al 57’ con Trulla, pescato a largo dall’assist di Montemauri.

Gli Italiani si portano pericolosamente sul 19-14, senza però riuscire a sfruttare l’inerzia della partita a proprio favore.

Al 66’ Edimburgo segna col neo-entrato Dean. È la meta che spacca la partita e che fa scivolare la sfida nelle mani dei padroni di casa che allungano impietosamente nell’ultimo quarto d’ora di gioco.

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 13 maggio in vista del 17° turno di BKT United Rugby Championship in programma venerdì 17 maggio al Lanfranchi contro i Gallesi Scarlets.

Serie A Elite Maschile: nel week end i nomi delle finaliste Scudetto

Il fine settimana che si apre domani decreterà le due squadre che il prossimo 2 giugno, allo Stadio Lanfranchi di Parma, si contenderanno il Titolo di Campione d’Italia Assoluto Maschile 2023/24.

Sono, infatti, in calendario tra sabato e domenica le gare del terzo turno di semifinale Scudetto; in lizza per il Titolo rimangono quattro squadre: Rugby Viadana, Valorugby Emilia, Rugby Petrarca e Femi-CZ Rovigo.

Le quattro formazioni daranno vita ad un doppio derby. Il “Derby del Po”, in programma domani, sabato 11 maggio, allo Stadio Zaffanella, aprirà l’ultimo turno di playoff:  il XV di casa, il Rugby Viadana, riceverà il Valorugby Emilia. Il fischio d’inizio (ore 17) è affidato a Clara Munarini (Parma), assistita per l’occasione da Federico Vedovelli (Sondrio) e Riccardo Angelucci (Livorno). TMO Stefano Roscini (Milano).

Lo Stadio Battaglini di Rovigo ospiterà il giorno seguente, domenica 12 maggio, alle 17.00 il Derby d’Italia tra i Bersaglieri della Femi-CZ Rovigo ed il Rugby Petrarca, match diretto da Andrea Piardi (Brescia), affiancato da Franco Rosella (Roma), Alex Frasson (Treviso). TMO Claudio Blessano (Treviso)

RAI Sport e DAZN garantiranno in simulcast la diretta televisiva dei due match.

Serie A Elite maschile – play off 2023/24

Girone 1
I Giornata: Rugby Viadana  – Rugby Colorno 1975, 33-10 (Riposa Valorugby Emilia)
II Giornata: Valorugby Emilia – Rugby Colorno 1975, 22-17 (Riposa Rugby Viadana)
Classifica: Rugby Viadana  5; Valorugby Emilia 4; Rugby Colorno 1975 1

III Giornata, 11/05/24 – h.17.00
Viadana (MN), Campo Zaffanella
Rugby Viadana – Valorugby Emilia, arb. Clara Munarini (Parma)
Gdl: Federico Vedovelli (Sondrio) e Riccardo Angelucci (Livorno)
TMO Stefano Roscini (Milano)
Diretta simulcast RAI Sport / DAZN

Girone 2
I Giornata: Femi-CZ R. Rovigo – Mogliano Veneto Rugby, 29-12 (Riposa Rugby Petrarca)
II Giornata: Rugby Petrarca – Mogliano Veneto Rugby, 31-21 (Riposa Femi-CZ R. Rovigo)
Classifica: Rugby Petrarca 5; Femi-CZ R. Rovigo 4; Mogliano Veneto Rugby 0

III Giornata, 12/05/24 – h.17.00
Rovigo, Stadio Battaglini
Femi-CZ R. Rovigo – Rugby Petrarca, arb. Andrea Piardi (Brescia)
Gdl Franco Rosella (Roma) e Alex Frasson (Treviso)
TMO Claudio Blessano (Treviso)
Diretta simulcast RAI Sport / DAZN

Rugby Viadana – Valorugby Emilia, le ultime dalle sedi

Rugby Viadana: Sauze, Bronzini, Morosini, Jannelli (C), Ciofani, Roger, Baronio, Ruiz, Wagenpfeil, Locatelli, Lavorenti, Schinchirimini, Mignucci, Luccardi, Mistretta.
A disposizione: Fiorentini, Denti, Oubiña, Boschetti, Catalano, Gregorio, Madero, Ciardullo
Head Coach: Gilberto Pavan
Il commento di Pavan “Questa è la partita decisiva, importantissima per entrambe le squadre perché in caso di vittoria segnerà la prima finale scudetto per i Reggiani o il ritorno dopo ben 14 anni ad finale per i gialloneri, riscrivendo per entrambi la storia del club. Penso che questo descriva a pieno l’importanza di questa partita. Partita che ci vede leggermente avvantaggiati perché giocheremo in casa nostra, davanti al nostro pubblico, giocare le ultime partite con lo stadio gremito ci ha dato una spinta in più, una spinta in più per questo giovane gruppo che ha saputo farsi apprezzare da tutta la città. Queste due settimane di stop ci sono servite per prepararci a questa partita e per recuperare alcuni acciacchi. Siamo pronti, la squadra è pronta, daremo il massimo.”

Valorougby Emilia: Farolini; Lazzarin, Resino, Bertaccini, Colombo; Ledesma, Renton (cap); Amenta, Sbrocco, Paolucci; Du Preez, Dell’Acqua; Favre, Silva, Diaz.
A disposizione: Marinello, Daniele Rimpelli, Mattioli, Gerosa, Tavuyara, Cenedese, Schiabel e Mastandrea. 
Coach: Marcello Violi/David Fonzi/Guido Randisi
Il commento di Violi: “Non vediamo l’ora che siano le 17 di domani,. In settimana ci siamo allenati e preparati nel migliore dei modi, i ragazzi sono carichi, io sono carico. Nella mia ancora giovane carriera di allenatore quella di domani è sicuramente la partita più importante. Giochiamo conto quella che si è dimostrata fin qui la squadra migliore del campionato e quindi siamo consapevoli che dovremo giocare al meglio delle nostre potenzialità. Sappiamo cosa dobbiamo fare, abbiamo un solo risultato a disposizione per regalare a noi stessi, alla proprietà, ai tifosi e alla città di Reggio un traguardo storico”.

Zebre Parma, il XV per la gara a Edimburgo

Parma, 9 maggio 2024 – Superato il weekend di sosta per le semifinali di EPCR Challenge Cup, lo United Rugby Championship ritorna per il 16° turno del torneo che, questo fine settimana, celebrerà il “Kids Round” in omaggio alle future generazioni di giovani e adulti.

Venerdì 10 maggio le Zebre affronteranno l’Edinburgh Rugby alle ore 20:35 italiane all’Hive Stadium della capitale scozzese. La gara sarà trasmessa in diretta su Sky Sport Arena e in streaming sulla piattaforma NOW; in alternativa, sarà possibile seguire la cronaca testuale del match sull’account Twitter delle Zebre con l’hashtag #EDIvZEB.

Gli Scozzesi, eliminati ai quarti di finale di coppa dagli Sharks, hanno anch’essi riposato lo scorso weekend e sono attualmente noni nella classifica di URC a 43 punti, ad una lunghezza di distanza dal Benetton Rugby e dalla zona playoff.

I gialloblù non muovono il tabellone dalla trasferta di Newport del 29 marzo, giorno in cui sono scesi all’ultimo posto a 15 punti, dietro Dragons e Scarlets.

Una vittoria a Edimburgo permetterebbe al XV di coach Roselli di scavalcare le due compagini gallesi. In vista della gara di venerdì sera, lo staff tecnico della franchigia ducale si affida a nove cambi nella formazione titolare.

Rientrano in gruppo Pierre Bruno, Luca Morisi, Alessandro Fusco in gestione del carico di lavoro e Giovanni Montemauri, quest’ultimo in campo dal primo minuto.

Prisciantelli scivola a estremo, Hasa con la maglia n° 1, Thomas Dominguez confermato titolare per la seconda partita consecutiva. Simone Gesi, capitan Licata e Andrea Zambonin tornano in azione dopo il turno di riposo di due settimane fa contro Glasgow.

Si rivedono anche Riccardo Genovese, Bautista Stavile, Damiano Mazza e Gonzalo Garcia, pronti a subentrare a gara in corso.

Si aggiungono alla lista degli infortunati Luca Andreani, il quale ha patito un’infiammazione dei tendini della caviglia, ma anche Iacopo Bianchi, Guido Volpi e Dylan De Leeuw reduci da tre differenti traumi subiti nel corso della gara con i Glasgow Warriors. Maggiori dettagli sulle loro condizioni seguiranno in una nota separata. Out anche Marco Manfredi per un trauma al braccio in settimana in allenamento.

Le dichiarazioni del capo allenatore Fabio Roselli: “Nonostante i tanti infortuni seri in quest’ultimo periodo, la squadra ha fatto un’ottima settimana dimostrando grande capacità di saper reagire in modo efficace alle difficoltà. Edimburgo ha bisogno di 5 punti: conosciamo i suoi punti di forza e sappiamo bene come poterli mettere in difficoltà. La squadra è molto unita, sa di dover essere più accurata in alcuni dettagli e non vede l’ora di giocare la partita. Tutti insieme faremo il meglio per chiudere la stagione come meritiamo”.

Dirigerà l’incontro il Gallese Ben Breakspear al debutto nella lega. Gli assistenti di gara saranno gli Scozzesi Ru Campbell e David Sutherland, mentre il TMO designato Ian Davies della federazione gallese.

I convocati per la sfida tra Zebre Parma e Edinburgh Rugby in programma venerdì 10 maggio alle ore 20:35 italiane all’Hive Stadium di Edimburgo e valevole per il 16° turno di BKT United Rugby Championship 2023/24:

15. Geronimo Prisciantelli (34)

14. Jacopo Trulla (54)

13. Fetuli Paea (9)

12. Enrico Lucchin (65)

11. Simone Gesi (38)

10. Giovanni Montemauri (9)

9. Thomas Dominguez (10)

8. Giovanni Licata (Cap) (69)

7. Taina Fox-Matamua (27)

6. Giacomo Ferrari (19)

5. Andrea Zambonin (48)

4. Matteo Canali (10)

3. Juan Pitinari (31)

2. Giampietro Ribaldi (33)

1. Muhamed Hasa (24)

A disposizione:

16. Tommaso Di Bartolomeo (3)

17. Samuele Taddei (2)

18. Riccardo Genovese (10)

19. David Sisi (101)

20. Bautista Stavile (7)

21. Gonzalo Garcia (18)

22. Damiano Mazza (10)

23. Lorenzo Pani (28)

All. Fabio Roselli

Non disponibili per infortunio: Luca Andreani, Iacopo Bianchi, Luca Bigi, Paolo Buonfiglio, Ben Cambriani, Dylan De Leeuw, Marco Manfredi, Ion Neculai, Matteo Nocera, Luca Rizzoli, Guido Volpi

Arbitro: Ben Breakspear (Welsh Rugby Union)

Assistenti: Ru Campbell (Scotish Rugby Union) e David Sutherland (Scotish Rugby Union)

TMO: Ian Davies (Welsh Rugby Union)

Serie A Elite Maschile, al via le votazioni per l’MVP del Campionato

Roma – La stagione 2023/24 della Serie A Elite Maschile è entrata nel vivo con la fase play-off che ufficializzerà i nomi delle due finaliste che si contenderanno il titolo domenica 2 giugno allo Stadio Lanfranchi di Parma alle 17.30 con diretta prevista su Rai 2 e DAZN. 

Con la corsa allo Scudetto che si appresta a vivere il momento clou, la palla passa ai fans della Serie A Elite Maschile chiamati a votare online per eleggere il miglior giocatore della stagione 2023/24.

Tutti gli appassionati potranno esprimere la propria preferenza tramite il sito ufficiale FIR – Federugby.it – dalle 12 di oggi, giovedì 9 maggio, fino alle 12 di martedì 14 maggio.

Tre i giocatori candidati per contendersi il premio come miglior giocatore del massimo campionato maschile, scelti tra coloro che hanno ricevuto maggiori nominations da parte di una rosa di giornalisti specializzati.

Nel 2023 il più votato dagli appassionati era stato Giovanni Montemauri, trequarti attualmente in forza alle Zebre Parma e convocato in azzurro per alcuni raduni durante la gestione di Kieran Crowley dopo aver conquistato il titolo con la Femi-CZ Rovigo: a contendersi la successione al trequarti romano come MVP del massimo campionato un altro rossoblù, l’apertura della Femi-CZ Jacob Atkins, l’utility back del Petrarca Scott Cameron Lyle e il capitano del Rugby Viadana 1970, rivelazione della Serie A Elite, Samuele Locatelli.

I candidati

Jacob Atkins è approdato nella Serie A Elite Maschile nel luglio del 2023 per sostituire proprio Giovanni Montemauri, campione in carica del trofeo. Mediano di apertura classe 1997, dopo una lunga permanenza nei London Irish è approdato a Rovigo contribuendo in modo importante, con i suoi calci piazzati, ai successi in campionato dei Bersaglieri.

Samuele Locatelli, così come Atkins, è alla prima nomination per il premio di miglior giocatore della Serie A Elite Maschile. Classe 2001, nato a Lecco, la terza linea del Rugby Viadana 1970 è stato uno dei punti fermi della formazione giallonera guadagnandosi anche la convocazione con la Selezione Italiana U23 guidata da German Fernandez negli incontri giocati nell’inverno scorso con i pari età irlandesi.

Scott Cameron Lyle è alla seconda nomination consecutiva per il premio. Utility back del Petrarca, si è confermato giocatore di esperienza e il suo talento nel gioco al piede è stata una opzione più che valida per la formazione di Andrea Marcato durante la stagione. E’ alla quinta stagione in Italia – terza nel Petrarca – e uno dei giocatori più decisivi del campionato. 


Albo d’Oro MVP Serie A Elite Maschile
2011 Marco Barbini (Petrarca Padova)
2012 Marco Di Massimo (L’Aquila Rugby)
2013 Nicola Benetti (Fiamme Oro Rugby)
2014 Matteo Ferro (Femi-CZ Rovigo)
2015 Carlo Canna (Fiamme Oro Rugby)
2016 Edward Thrower (Sitav Lyons Piacenza)
2017 Federico Conforti (Petrarca Padova)
2018 Michele Lamaro (Petrarca Padova)

2019 Danilo Fischetti (Kawasaki Robot Calvisano)

2020 Non assegnato – campionato sospeso per pandemia Covid-19

2021 Alessandro Ciofani (Rugby Viadana 1970)

2022 Simone Gesi (HBS Colorno)

2023 Giovanni Montemauri (FEMI-CZ Rovigo)