©2023 Federazione Italiana Rugby

Featured

BKT United Rugby Championship: Benetton torna in zona playoff. Zebre, che peccato.

Un successo sofferto, ottenuto allo scadere, ma fondamentale per il Benetton che batte 18-14 Connacht e si riporta tra le prime 8 nella classifica di United Rugby Championship. Il match di Monigo è sembrato seguire lo stesso copione della sfida della settimana scorsa contro gli Scarlets, con una bella partenza dei biancoverdi alla quale è seguita una grande beffa nel finale. Questa volta, però, la squadra di Bortolami è riuscita a contro-rimontare quando tutto sembrava finito: ci aveva provato prima Umaga, con un drop terminato a lato di pochissimo, poi ci è riuscito Alessandro Izekor che con la sua falcata è andato via sull’out di destra e ha schiacciato in bandierina la meta che vale una vittoria pesantissima. Peccato invece per le Zebre, sconfitte 20-13 dai Dragons in una partita parsa però alla portata dei ragazzi di Roselli.

Benetton: difesa e placcaggi

Ancora una volta il player of the match è stato Nacho Brex, dopo i due premi conquistati nelle vittorie azzurre al Sei Nazioni contro Scozia e Galles. L’Italo-argentino è stato come sempre decisivo in difesa, con alcuni dei suoi tipici placcaggi “a tagliola” fondamentali per interrompere le lunghe azioni d’attacco di Connacht. Grande partita anche da parte di Toa Halafihi, con 20 placcaggi e tanto lavoro in mezzo al campo. Proprio la difesa è stata come sempre la chiave del successo che interrompe una striscia negativa di 3 sconfitte. Da rivedere ancora invece l’attacco: bene i biancoverdi durante il multifase, poi però al momento di allargare il gioco e sfruttare i pochi spazi concessi da Connacht la troppa frenesia ha impedito ai giocatori di Bortolami di chiudere prima la partita, con un paio di occasioni sprecate prima da Niccolò Cannone e poi da Menoncello.

Zebre, che peccato

Gli ultimi 20 minuti del match di Newport rappresentano un doppio rimpianto: le Zebre hanno sfiorato il pareggio, che avrebbe completato una bella rimonta, e soprattutto hanno fatto capire che la partita contro i Dragons poteva essere assolutamente portata a casa. Il bel lavoro degli avanti ha compensato le imprecisioni in mediana, anche se nel finale l’ingresso di Fusco ha reso più dinamico il gioco delle Zebre. Alla fine la meta di Hasa ha permesso alla franchigia di Parma di portare a casa un punto di bonus che ha evitato il sorpasso in classifica dei Dragons, ma resta il rimpianto di aver mancato un successo che sarebbe stato un importante viatico verso gli ottavi di Challenge Cup.

E adesso le Coppe

Domenica 7 aprile le Zebre affronteranno infatti gli Sharks, stavolta in Sudafrica, nella sfida degli ottavi di Challenge Cup. In URC, a Parma, la squadra di Roselli si era imposta 12-6, ma in terra sudafricana è dura per tutti. La possibilità di giocarsi il passaggio del turno ci sono tutte, ma servirà più calma e soprattutto meno nervosismo rispetto a quanto visto a Newport. Il giorno prima, sabato 6 aprile, il Benetton ospiterà a Treviso i Lions, battuti 15-10 nella sfida di novembre in campionato: i biancoverdi potranno quindi contare anche sulla forza di un Monigo sempre caldo, 16esimo uomo nei momenti più difficili. Sono due sfide alla portata delle franchigie italiane, che possono e devono sognare uno storico doppio accesso ai quarti di finale.

Featured

Sei Nazioni U20: Italia battuta in rimonta a Cardiff. Il Galles passa 27-15

Si chiude con una sconfitta il Sei Nazioni Under 20 dell’Italia, battuta dal Galles 27-15 all’Arms Park di Cardiff. Gli Azzurrini avevano chiuso il primo tempo in vantaggio per 15-0, per poi cedere nella ripresa ai padroni di casa che trovano la seconda vittoria del loro Torneo, ma restano dietro all’Italia in classifica per differenza punti. Partita molto spezzettata che alla lunga è finita nelle mani dei gallesi, bravi a sfruttare il loro drive avanzante. La squadra di Brunello chiude al quarto posto un Sei Nazioni Under 20 comunque positivo, con due vittorie contro Francia e Scozia.

La cronaca di Galles-Italia

L’Italia parte bene con 2 calci di punizione conquistati nel breakdown nei primi 90 secondi che le consentono di entrare per la prima volta nei 22 gallesi. I padroni di casa commettono un altro fallo e Pucciariello mette dentro i 3 punti. Dopo una fase di studio sale in cattedra la mischia azzurra, che a 5 metri dalla linea di meta comincia a mettere sotto una pressione furiosa il Galles: arriva un calcio di punizione, Botturi chiede di nuovo mischia, l’Italia gioca il pallone per un paio di fasi e poi Gallorini trova il varco per marcare. Il Galles risponde affidandosi a una bella maul avanzante, arriva a un metro dalla linea ma è strepitoso Bellucci a mettere le mani sul pallone strappandolo dalle mani di Wood.

Tante interruzioni e gioco spezzettato nella seconda parte della prima frazione. Il Galles continua ad affidarsi ad un ottimo drive che però non concretizza il proprio avanzamento, mentre dall’altra gli Azzurrini sfruttano l’indisciplina gallese per riportarsi in attacco. A fare la differenza è ancora una volta la mischia: Gallorini e Pisani e mettono in croce Morse e Hire, e al 36′ il pacchetto azzurro tracima e conquista direttamente la meta tecnica. Morse paga la sofferenza di un intero primo tempo con il cartellino giallo, ed è 15-0 Italia. Il Galles ha un’ultima occasione per segnare prima dell’intervallo, la maul è ancora avanzante ma – dopo una battaglia furiosa dove volano scarpe e caschetti – Botturi e Siciliano mettono le mani sul pallone e conquistano il turnover.

A inizio ripresa è la mischia gallese a prendere il sopravvento e a guadagnare due calci di punizione di fila che portano i padroni di casa ai 5 metri. La maul è ancora avanzante e Mirenzi, autore dell’ultimo fallo, paga per tutti con il cartellino giallo. Il Galles insiste andando di nuovo in rimessa e stavolta va fino in fondo con Harry Thomas: Ford non trasforma e si resta 15-5, proprio quando Morse rientra in campo. L’Italia supera bene i 10 minuti di inferiorità numerica, ma paga ancora una volta contro la forte maul gallese, che al 60′ frutta la seconda meta con il capitano Beddall.

La squadra di casa prende coraggio e continua a spingere, al 66′ rinuncia ai pali per cercare la meta del sorpasso e la trova in bandierina con Kodi Storne dopo un gran passaggio di Davies. Ford trasforma da posizione difficile e il Galles è davanti 19-15. La partita gira e al 72′ il Galles trova la quarta meta, ancora una maul avanzante e una bella azione degli avanti, poi Davies gioca su Ford che allarga bene su Matty Young per il 24-15. Nel finale sono ancora i padroni di casa a spingere, con Ford che chiude la partita dalla piazzola. Finisce 27-15, con il Galles che grazie alla rimonta del secondo tempo conquista la seconda vittoria del suo Sei Nazioni Under 20 e chiude appaiata all’Italia in classifica, anche se gli Azzurrini rimangono davanti per una miglior differenza punti.

Cardiff, Arms Park, 15 marzo 2024
U20 Men’s Six Nations– V Giornata
Galles U20 v Italia U20 27-15 (0-15)
Marcatori: p.t.3’ cp. Pucciariello (0-3); 15’ m. Gallorini (0-8)36’ pt. Meta di Punizione Ita (0-15)  s.t. 6’ m. Thomas (5-15);  19’ m. Beddall tr. Ford (12-15); 27’st. m.Stone tr. Ford (19-15); 31’ m. Young (24-15); 36’st. cp. Ford (27-15)
Galles U20: Young; Anderson (39 pt- 6’ st. Morris, 7’ st. Stone), Evans, Page, Boschoff; Ford (36’st Price), Lewis (21’ st’ Davies); M.Morse (36’ st. Cannon), Beddall, De La Rua; Thomas, Green (9’st. Thomas); Hire (10’st. Scott), Wood (3’ st. Thomas), J.Morse (10’st. Morris)
all. 
Richard Whiffin
Italia U20: Belloni; Scalabrin, Zanandrea (72′ De Villiers), Bozzo, Elettri (36’ st. Imberti); Pucciariello, Casilio (30’ st. Jimenez); Botturi (Cap), Bellucci, Zucconi (67′ Milano); Gritti, Mirenzi (16’st Midena) Gallorini (5’st Ascari), Siciliano (20’st. Gasperini), Pisani (67′ Pelliccioli)
all. Massimo Brunello
arb: Reuben Keane (RA)
gdl: Jeremy Rozier (FFR); Saba Abulashvili (GRU)
TMO: Andrew McMenemy (SRU)
Cartellini: 36’ pt. Giallo J.Morse (WAL); 6’ st. Giallo Mirenzi (ITA)
Calciatori: Pucciariello (1/2); Ford (3/5)
Player of the match: Morgan Morse (WAL)

Featured

Sei Nazioni U20: l’Italia batte anche la Scozia. A Treviso finisce 47-14

L’Italia Under 20 trova la seconda vittoria consecutiva nel Sei Nazioni battendo nettamente la Scozia 47-14, nonostante un primo tempo difficile e chiuso in svantaggio 7-14. Nella ripresa la squadra di Brunello ha cambiato marcia, segnando 4 mete in 12 minuti e portando a casa il bottino pieno da una partita che sembrava essersi messa male nella prima frazione. Azzurrini a segno con le doppiette di Gritti e Gasperini e con Belloni, Scalabrin e De Villiers, con Pucciariello che mette dentro 6 trasformazioni su 7.

La cronaca

L’Italia parte forte, mette le tende nei 22 scozzesi e dopo 8 minuti di assalto passa in vantaggio con la carica vincente di Piero Gritti, dopo un bel break di Jimenez. La Scozia risponde provando a mettere pressione al piede, con alcuni calci di Patterson che però vengono ben letti dalla difesa azzurra, mentre Hocking e Coates si rivelano più efficaci e trovano degli angoli importanti per restare in attacco. Proprio un calcio di Coates riporta l’Italia sulla linea dei 5 metri, Jimenez prova a liberare ma viene stoppato da McVie, che marca la meta del pareggio con trasformazione dello stesso Coates.

L’Italia sfiora la meta del nuovo vantaggio, poi la Scozia sul ribaltamento di fronte trova la seconda marcatura. Offload di Gwynn per Watson che apre il gas, si libera di 3 avversari sul lato sinistro e marca in bandierina. Coates trasforma per il 7-14. I troppi errori di handling (9 nel primo tempo) condizionano gli Azzurrini, che faticano a trovare spazi e chiudono il primo tempo in svantaggio, nonostante una mischia che come sempre si dimostra dominante.

La ripresa comincia con una lunga battaglia tattica al piede tra le due squadre, poi l’Italia accelera, spinge e comincia a mandare in affanno una difesa scozzese che gradualmente perde l’ordine che l’aveva contraddistinta nel primo tempo. Gli scozzesi provano ad arginare l’offensiva azzurra con due falli di fila, poi Piero Gritti sorprende tutti partendo dalla base del raggruppamento e trovando la meta del 14-14. La squadra di Brunello prende coraggio e continua a spingere, e gli ingressi di Casilio, Pisani e Gallorini danno una marcia in più: Pucciariello gioca un calcio di punizione veloce a metà campo e poi apre su Scalabrin, gli Azzurrini tornano nei 22 e guadagnano un altro calcio di punizione. Sugli sviluppi dell’azione Scalabrin si accende e arriva corto, poi Gasperini raccoglie e marca per il 21-14, con trasformazione di Pucciariello dalla linea laterale.

Adesso il match è nelle mani degli Azzurrini. Lorenzo Casilio trova uno splendido 50:22 che riporta ancora una volta l’Italia in attacco: la maul avanza fino ai 5 metri, poi gli avanti iniziano una serie di raccoglie e vai che porta Gasperini a marcare la meta della doppietta personale e soprattutto del bonus offensivo. Pucciariello trasforma per il 28-14. L’Italia spinge ancora, mette ancora una volta a ferro e fuoco i 22 scozzesi e segna per la quinta volta con l’imbucata di Mirko Belloni. La squadra di Brunello gestisce senza affanni il finale di partita e segna la sesta meta con Marco Scalabrin, che conquista al volo un calcio di Lorenzo Casilio. Pucciariello trasforma per il 40-14. A tempo scaduto c’è gloria anche per Patrick De Villiers, che servito da un bell’offload di Bini trova una grande accelerazione, rompe due placcaggi e segna la settima meta. Pucciariello mette dentro anche questa e fissa il punteggio sul definitivo 47-14: 5 punti per l’Italia, che sale a quota 10 in classifica.

Treviso, Stadio Comunale di Monigo, 8 marzo 2024
U20 Men’s Six Nations– IV Giornata
Italia U20 v Scozia U20 47-14 (7-14)
Marcatori: p.t. 7’ m. Gritti tr. Pucciariello (7-0); 16’ m. Mcvie tr. Coates (7-7); 25’ m. Watson tr. Coates (7-14)s.t. 10’ m. Gritti tr. Pucciariello (14-14); 15’ st. m. Gasperini tr. Pucciariello (21-14); 19’ st. m. Gasperini tr. Pucciariello (28-14); 22’ st. m. Belloni (33-14); 37’ m. Scalabrin tr. Pucciariello (40-14); 40’ m. De Villiers tr. Pucciariello
Italia U20: Belloni (24’ st. Bini); Scalabrin, Fusari, Bozzo (24’st. De Villiers), Imberti; Pucciariello, Jimenez (11’ st. Casilio); Botturi (Cap, 24’st. Milano), Bellucci (28’ st. Paganin), Zucconi; Gritti, Midena; Ascari (9’ st. Gallorini), Gasperini (24’ st. Padoan), Pelliccioli (11’st. Pisani)
all. Massimo Brunello
Scozia U20: Hocking; Doyle, Gwynn, Thomson, Watson (1’st. Ventisei); Coates (16’ st. Urwin), Patterson (11’ st. Lock); Currie, Douglas (24’ st. Morris), Hart (Cap, 24’ st. Coulston); Burke, Mcvie; Norrie (25’ st. Whitefield); Blyth-Lafferty (25’ st. Parry); Deans (16’ st. Smyth)
allKenny Murray
arb: Saba Abulashvili (GRU)
gdl: Eoghan Cross (IRFU); Ben Breakspear (WRU)
TMO: Ian Davies (WRU)
Cartellini: Luke Coulston (SCO)
Calciatori: Pucciariello (6/7); Coates (2/2)
Player of the match: Piero Gritti (ITA)
Note: Serata fresca, 5000 spettatori 

Serie A maschile: i tabellini del XIX turno

Di seguito i tabellini della diciannovesima giornata di Serie A maschile.

Girone 1

ASR MILANO – VII TORINO 38-14 (25-7) – MILANO: Dotti (12’-18’ st Dapaah); Arena (1’ st Romano), Battegazzorre (6’ st Trentani), Delcarro, Fumagalli; G. Lucchin, Krsul (6’ st Crivellone); M. Ferrari, Sbalchiero, Innocenti (17’ pt Corona); Kawau, Ferraresi (9’ st Niero); Betti (25’ st Dapaah), Cetti (18’ st Deregibus), Odorisio (25’ st Actis). All. Varriale. VII TORINO: Constantinescu; Librera (26’ st De Meyer), Minardi (8’ st Russo), Ma. Monfrino, Nabalarua (16’ st Pelozzi); Apperley, De Razza; Mi. Monfrino, Tione, E. Eschoyez; Mirenzi (8’ st Ciraulo; 24’ st Serra Garrido)), S. Lo Greco; Angotti (27’ st Cavallero), Cherubini (1’ st Scatigna), Montaldo Lo Greco (27’ st Gallo). All. A. Eschoyez. Arbitro: Merli di Ancona. Marcatori: 5’ m. Cetti tr. Krsul, 15’ cp Krsul, 18’ m. Angotti tr. Apperley, 24’ m. Dotti, 32’ cp Krsul, 40’ m. Battegazzorre tr. Krsul; st: 1’ m. Battegazzorre, 9’ m.tecnica VII Torino, 25’ m. Ferrari, 31’ cp Romano. Note: esp.temp. di Mi. Monfrino (28’ pt), Angotti (39’ pt), Kawau (6’ st) e Betti (9’ st).

ALGHERO – BIELLA 21-25 (13-12) – ALGHERO: Delli Carpini; Calabrò, Delrio, Deligios (28′ st Mauriziano), J. May; Cipriani, E. Fusco; Donovan, Canulli, F. Esposito; Stavile, Quiroga (20′ st Capozzucca); Cincotto, Spirito (1′ st Marchetto), Chalonec. All. Anversa. BIELLA: Ghelli; Vaccaro, Ramaboea (8′ st Negro), Grosso, Nastaro; Gilligan (14′ st F. Righi), Della Ratta (5′ st Loro); Vezzoli, J. Ledesma, Mondin (5′ st M. Righi); G. Loretti, Panaro (5′ st Perez Caffè); De Lise (23′ st L. Loretti), Lipera, M. Ledesma. All. Benettin. Arbitro: Vidackovic di Milano. Marcatori: 2’ m. M. Ledesma tr. Gilligan, 11’ m. Nastaro, 20’ e 27’ cp Delli Carpini, 37’ m. Spirito tr. Delli Carpini; st: 5’ m. Stavile, 15’ cp Delli Carpini, 20’ cp Loro, 27’ m. M. Righi, 36’ m. M. Ledesma. Note: esp.temp. di Cipriani e F. Righi (39’ st).

NOCETO – PARMA 18-16 (13-13) – NOCETO: Leituala; Amadasi, Greco (19’ st Carritiello), De Villiers (16’ st Gabelli), Savina; Pagliarini, Bacchi (13’ st E. Taddei); Pop, Serafini, Benchea; Boggiani (19’ st Boccalini), Devodier; Triviño (1’ st Muciaccia ), Ferro (13’ st L. Buondonno), Bruzzi (1’ st Quaranta). All. F. Ferrarini. PARMA: Gennari (37’ st Manca); Abdelaziz Atalla, Bianconcini, Piccioli, Marani; Frati, Bosi; Borsi, Slawitz (19’ st Andreoli), Alvarez; Granieri (28’ st Osnago), Caselli; Quiroga (37’ st Babbo), Maggiore (37’ st Bonofiglio), Veronesi (19’ st Calì). All. Du Preez e Frati. Arbitro: Locatelli di Bergamo. Marcatori: 6’ cp Leituala, 9’ m. Abdelaziz tr. Gennari, 12’ cp Leituala, 19’ m. Serafini tr. Leituala, 31’ e 36’ cp Gennari; st: 18’ cp Gennari, 29’ m. Muciaccia. Note: esp.temp. di Marani (38’ pt) e Quaranta (8’ st).

CUS TORINO – CALVISANO 30-18 (15-7) – CUS TORINO: E. Reeves; E. Monfrino, Torres, G. Reeves, Imberti (30’ st Bolognesi); Zanatta (8’ st Groza), M. Cruciani (13’ st Malavasi); Quaglia, Mastrodomenico, Piacenza; Di Fiore (18’ st Riccardi), Ciotoli (9’ st Andreica); Barbotti (1’ st Lombardo), Cataldi (6’ st Caputo), Valleise (13’ st Liguori). All. D’Angelo. CALVISANO: Ga. Bronzini; Romei (29’ st Morini), Regonaschi, Christian-Goss, Susio (29’ st Gustinelli); F. Consoli, Lazzaroni (30’ st Raveggi); Barbi (30’ pt Bau-Milki), Gabana, Berardi; Zanetti (24’ st Boselli), Shevchuk; G. Ferrari (30’ st Leali), Caravaggi (21’ st Nappi), Cristini (21’ st Triunfo). All. Dal Maso e Zappalorto. Arbitro: Vinci di Rovigo. Marcatori:5’ m. E. Reeves, 20’ m. E. Reeves tr. Zanatta, 28’ cp Zanatta, 40’ m. Lazzaroni tr. Lazzaroni; st: 5’ e 17’ cp Lazzaroni, 22’ m. Monfrino tr. G. Reeves, 31’ m. Caputo, 35’ cp Bolognesi, 39’ m. Bronzini.

UNIONE MONFERRATO – PARABIAGO 12-28 (12-7)  – MONFERRATO: Carnino; Parrino, De Klerk, En Naour (24′ st Pozzato), Dapavo; Muzzi (25′ st Quiroga), Truffa (25′ st Brumana); Ameglio (37′ pt Bettiol), Miotto, Di Prima; Beccaris,

Armanino (25′ st Marciale); Onulescu (25′ st Turco), Ferrario, De Sarro. All. Thomsen. PARABIAGO: Grassi; Pasini, Sala, Silva Soria, Albano (1′ st Moioli); Joubert (1′ st A. Schlecht), Coffaro (22’st Grassi); Paganin (25′ st Catalano), Toninelli (35′ pt Mikaele), Messori; Caila, Bertoni; Zecchini (1′ st Bettini), Cornejo (35′ pt Ceciliani), De Vita (1′ st Antonini). All. Porrino. Arbitro: Vagnarelli di Milano. Marcatori: 10′ m. Carnino tr. Muzzi, 26′ m. Dapavo, 39′ m. Coffaro tr. Silva Soria; st: 3′ m. Bettini tr. Silva Soria, 9′ m. Sala tr. Silva Soria, 22′ m. Silva Soria tr. Silva Soria.

AMATORI&UNION MILANO – CUS MILANO 13-39 (3-22) – AMATORI&UNION: R. Curti (3′ st Trivillin); Dunde, Casarin, Mazzotta, G. Bertossi (3′ st Ronza); Riva, Maresca (33′ st Elemi); Mastromauro, Demolli, Grossi (16′ st Marroccoli); Garbelotto (33′ st Gueye), Selimovic (20′ st Carozzo); Pisani, Guidetti (1′ st Zoli), V. Curti (21′ pt Rolla). All. Pisati. CUS MILANO: Manciulli (17′ st Pucciariello); Randazzo, L. Cederna, E. Cederna (17′ st Milani), Bolzoni; R. Borzone, Ascantini (17′ st Colombo); Alagna, Nadali (8′ st Cambareri), Borgonovo (10′ st Ostoni); Mantovani, Tevdoradze (10′ st Toscano); Nucci (17′ st Nadali), Perini (10′ st Parisi), Oubina (33′ st Patruno). All. Boggioni. Arbitro: D’Elia di Bari. Marcatori: 2′ m. Bolzoni, 18′ cp Riva, 23′ cp Borzone, 31′ m.tecnica Cus Milano, 39′ m. Oubina tr. Borzone; st: 2′ cp Borzone, 8′ m. Mastromauro, 30′ e 37′ m. Milani tr. Pucciariello, 39′ m. Marroccoli. Note: esp.temp. di Nucci (7′ st Nucci).

Girone 2

VIADANA B – VERONA 24-39 (17-19) – VIADANA B: Cafarra (24′ st Minasi); Russo, C. Paternieri, Sanchez (29′ st Arena), Crivaro (31′ st Sonica); M. Paternieri, Maestri; Sarzi Amadè (37′ pt Cocconi), Zanatta, Casasola (31′ st Al. Artoni); Marchiori, Loretoni; Halalilo (31′ st C. Gamboa), Dorronsoro (29′ st Marcoleoni), Bartolini (15′ st Vallesi). All. Madero. VERONA: Venter (15′ st Palazzoni); Sardo, Reale, Quintieri (31′ st Parolo), M. Belloni; Ormson, Balzi (11′ st Fagioli); L. Rossi, Ale. Rossi (10′ st Libralon), M. Zago; Tonetta (26′ st Bezzolato), Eschoyez; Galanti (11′ st Chistolini), Zorzetto (11′ st L. Bertucco), Pisani (10′ st Schiavon). All. Good. Arbitro: Pompa di Chieti. Marcatori: 1′ m. Belloni, 8′ m. Belloni tr. Ormson, 20′ m. Maestri tr. M. Paternieri, 22′ m. Sardo tr. Ormson, 35′ m. Dorronsoro tr. M. Paternieri, 40′ cp M. Paternieri; st: 8′ m. Ormson tr. Ormson, 15′ m. Casasola tr. M. Paternieri, 61′ cp Ormson, 31′ m. Belloni tr. Ormson, 38′ cp Ormson.

PAESE – PATAVIUM UNION 31-30 (17-12) – PAESE: Albornoz; Mi. Lazzaron, M. Visentin, Sartori (17’ st Stella), Gasparini (34’ pt F. Semenzato); Cinquegrani, De Rovere; Serrotti, Riato (19’ st Cavallo), Artico (5’ st Carraretto); Sottana, Bocchi (19’ st Scattolin); Moretti Calanchini (5’ st A. Michelini), Zanatta (5’ st Kudin), L. Dissegna (5’ st Cenedese). All. Bosco. PATAVIUM: Paluello; R. Fincato, Marini (8’ pt Trombaiolo), Venturini (34’ pt Bortolami), Dapit; Fanton, Prati (38’ st Grisotto); Simonato, Ferraresi (11’ st Arena), Masetto (2’ st Brusamolin); Marcolongo, Vecchiato (38’ st Zambon); Ceolin (11’ st Gemelli), Michelotto, Giuratti (11’ st Ghiraldo). All. Gottardo. Arbitro: Cagnin di Venezia. Marcatori: 13’ m. Sartori tr. Cinquegrani, 17’ m. Marcolongo, 21’ m. Marcolongo tr. Paluello, 37’ cp Cinquegrani, 39’ m. Sartori tr. Cinquegrani; st: 9’ m. Semenzato tr. Cinquegrani, 17’ cp Paluello, 28’ m. Fanton tr. Paluello, 35’ m. Kudin tr. Cinquegrani, 39’ cp Paluello, 41’ m. Grisotto. Note: esp.temp. di  Michelini (21’ pt) e Marcolongo (34’ pt).

TARVISIUM – CASALE 28-38 (25-17) – TARVISIUM: G. Giabardo (12′ st Biral); D’Anna, Filippetto, Figuccia (30′ st Micolini), Dell’Oglio; A. Giabardo, I. Francescato (20′ st Guerretta); Bolzon (30′ st Baseggio), Massolin (12′ st Gasparotto), Ongaro; Sponchiado, Sharku; Montivero (25′ st Fagotto), Bonan (15′ st Toso), Andrigo (25′ st Ridolfi). All. Dalla Nora. CASALE: Cloete; T. Menegaldo, Pivato, Ed. Ceccato (15′ st Girotto), Trabucco (20’ pt Viotto); Mezzaroba, Pellizzon; Zanella, Barbato (8′ st Spreafichi), L. Menegaldo; Marafatto, Camata (20′ st Kazanakly), Manente (20’ st Michielan), Cavallaro (8’ st Padoan), Ragogna. All. Wright. Arbitro: Bruno di Udine. Marcatori: 7’ m. Sharku, 10’ m. Cavallaro tr. Mezzaroba, 12′ cp A. Giabardo, 13′ cp Mezzaroba, 14’ m. Filippetto, 27’ m. Filippetto tr. A. Giabardo, 35’ m. G. Giabardo, 38’ m. Cloete tr. Mezzaroba; st: 8’ cp A. Giabardo, 29’, 31’ e 40’ m. Zanella tr. Mezzaroba. Note: esp.temp. di Bolzon (29’ pt) ed Ed. Ceccato (4′ st).

VILLORBA – VALSUGANA 31-36 (14-29) – VILLORBA: Terzariol; Russo, Abad, Salvi, Adam; Fiacchi, Colladon (10′ st Mazzariol); Bernardi (14′ st Bisetto), Zanatta, Scalco; De Vidi, Manzan (10′ st Marchesin); Filippetto (1′ st Al-Abkal), Vettori (14′ st Falletti), Vlad (1′ st Naka). All. Orlando. VALSUGANA: Selmi; Bizzotto, A. Dell’Antonio, Gritti, Citton; Sorgato, E. Dalle Palle (1′ st Pocher); Girardi, Zulian (16′ st Sturaro), Minazzato; Dalan (10′ st Albertarrio), Ferraresi; Granzotto (3′ st Paparone), Pivetta (35′ pt Cesaro), Zanin (3′ st Fioravanzo). All. Boccalon. Arbitro: Baldazza di Forlì. Marcatori: 2′ cp Sorgato, 7′ m. Granzotto tr. Sorgato, 19′ m. Gritti tr. Sorgato, 22′ m. Russo tr. Abad, 27′ m. Pivetta tr. Sorgato, 34′ m. Scalco tr. Abad, 43′ m. Cesaro; st: 12′ m. De Vidi tr. Abad, 18′ m. Falletti tr. Abad, 33′ m. Bizzotto tr. Sorgato, 37′ cp Abad. Note: esp.temp. di Manzan (26’ pt).

PESARO – BADIA 24-31 (14-17) – PESARO: Azzolini; De Angelis, Paletta, Sacchetto (15’ st Dell’Acqua), Larrecharte; Joubert, Boccarossa (5’ st Dabalà); Mariani (20’ pt Villarosa), Antonelli (15’ st Jaouhari), Tontini; Caroli (5’ st Ruffini), L. Venturini; Donkor (1’ st Franco), Fusco (1’ st Badone), Acerra (1’ st Leva). All. Panzieri. BADIA: Catini; Bordin (6’ pt Zulato), Pellegrini (38’ st Baccini), Masiero, Bassin; Gardinale, Pedrini; Chimera, Bettarello, Marcadella (30’ st Callegari); Chinedozi, Carballo (10’ st Rossoni); Magro (10’ st Bisan), Stevanin (35’ st Milani), Berto (35’ st Marra). All. Van Niekerk. Arbitro: Sacchetto di Rovigo. Marcatori: 16’ m. Tontini tr. Joubert, 20’ m. Masiero tr. Gardinale, 22’ m. Pellegrini tr. Gardinale, 25’ m. Tontini tr. Joubert, 30’ cp Gardinale; st: 10’ m. Sacchetto tr. Joubert, 15’ m. Masiero tr. Gardinale, 22’ m. Zulato tr. Gardinale, 28’ cp Joubert.

PETRARCA B – VALPOLICELLA 40-31 (21-12) – PETRARCA B: Della Silvestra; Raccanello (16’ st La Terza), Navarra, Zulian, Franceschi; Destro (34’ st Guglielmi), Jimenez; Scappato (29’ st Sala), Goldin, Tognon (9’ st Giaccarello); Bertuzzi (18’ st Minozzi), Bonfiglio; Monti (9’ st Bernardinello), Goat (10’ st Fioriti), Frattolillo (21’ st Bovo). All. Maistri. VALPOLICELLA: Borelli; Massarente (31’ st Veneruso), N. Zanon, Hendricks, Adami; Musso, Righetti; Fortunato, Sandrini, Campagnola (10’ st Reggiani); Nicolis (10’ st Zenorini), Semprebon (10’ st Bullio); Bozzolan (18’ st Pietropoli), M. Bellettato (20’ pt-10′ st Gasparini), Baietta (26’ st F. Bellettato). All. Previato. Arbitro: Bertocchi di Sassari. Marcatori: 2’ m. Della Silvestra tr. Jimenez, 9’ m. Bonfiglio tr. Jimenez, 14’ m. Jimenez tr. Jimenez, 21’ m. Fortunato, 38’ m. Adami tr. Borelli; st: 1’ m. Scappato tr. Jimenez, 5’ m. Jimenez tr. Jimenez, 8’ m. Fortunato tr. Borelli, 23’ m. Hendricks, 28’ m. Zenorini tr. Borelli, 36’ m. Franceschi. Note: esp.temp. di Bellettato (9′ pt).

Girone 3

PRIMAVERA – VILLA PAMPHILI 29-21 (7-7) – PRIMAVERA: Loiacono (30’ pt-5’ st Pierini; 6’-8’ st Belcastro); Alessi (32’ st Lo. Palombi), V. Marocchi, U. Marocchi, Zorzi; Francorsi (4’ st Giombetti), Milardi (25’ st Triolo); G. Di Giacomo (6’ st Roscioli), Santantonio, Malaspina; G. Palombi, Gasperini Zacco (17’ st Cesaretti); Cavallin (25’ st Belcastro), E. Venturoli (10’ st Giunta), Zuliani (17’ st Pierini). All. Alverà. VILLA PAMPHILI: Grasso (25’ st Maturi); Daddi (6’-8’ st Almonti; 13’ st Teodori), Selvi, Alberti, Ricci; G. Piergentili (15’ st Fuina), Bartolini; Lavalle, Ceccotti (7’ st De Simone), Strampelli; Borraccino, D’Alessio (13’ st Cordella); Mirabella (25’ st Almonti), Marcantognini (13’ st Zhorzholiani), De Filippis (25’ st Bassetto; 32’ st Mirabella). All. Zangrilli. Arbitro: Chirnoaga di Roma. Marcatori: 5’ m. Loiacono tr. U. Marocchi, 10’ m. Ricci tr. Piergentili; st: 3’ m. Zorzi tr. U. Marocchi, 6’ m. Milardi, 9’ m. Zuliani tr. U. Marocchi, 12’ m. Bartolini tr. Piergentili, 20’ cp U. Marocchi, 27’ m. Alberti tr. Fuina. Note: esp.temp. di Zuliani (27’ pt), Mirabella  Cavallin (38’ pt).

UNIONE FIRENZE – LIVORNO 15—15 (7–10) – FIRENZE: T. Biagini (23’ st F. Lo Gaglio); Mattoccia, P. Lo Gaglio (3’ st Zappitelli), Menon (27’ st De Castro), Di Puccio; Chiti, Gomez Artal; Baggiani, Stefanini (3’ st Burattin), Gatta; Pracchia, Biagini; Trechas, Guidotti (8’ st Cozza), Gozzi (23’ st Manigrasso). All. L. Ferraro e Lo Valvo. LIVORNO: Meini; N. Zannoni, Pirruccio, Martinucci, Stiaffini (21’ st Citi); Baraona Prat, J. Tomaselli (27’ st A. Rossi); Piras (32’ pt Ra. Chiti), De Biaggio, Ianda (17’ st L. Freschi); Gragnani, Liperini (6’ st Bitossi); Boggero (26’ pt Giammattei), Quarta (1’ st Ficarra), Echazu Molina. All. Squarcini. Arbitro: Taggi di Roma. Marcatori: 28’ m. Echazu Molina tr. Prat, 31’ m. N. Biagini tr. Ri. Chiti, 35’ cp Prat; st: 16’ m. T. Biagini, 31’ cp Ri. Chiti, 40’ m. Meini. Note: esp.temp. di Stefanini e Stiaffini (11’ pt), Pirruccio (37’ pt), Lo Valvo (11’ st), Squarcini (25’ st) e Manigrasso e Freschi (36’ st).

PAGANICA – RUGBY ROMA 0-34 (0-17) – PAGANICA: S. Del Zingaro (20’ st Ianni); Belsito (13’ st Zugaro), Buli, Soldati, L. Del Zingaro; Cialente (20’ st Feneziani), Lostia (1’ st Anitori); Galeota (13’ st Fabiocchi), F. Liberatore, Paolini (22’ st Rosati); Pasqualone, Corridore; Alessandro Liberatore, Lattanzio (38’ st Mammone), Alibi, Rosati. All. Se.  Rotellini. RUGBY ROMA: Adriani (16’ st Lupo); A. Pastore Stocchi (10′ st Fabio), Battarelli, Zorobbio (1’ st Gualdambrini), Siragusa; Valsecchi, Casasanta; Bellucci, Falcini (10’ st Rivas), Perissa (10’ st Cioni); Elias, Fatucci; Vivaldi (1’ st Lo Guzzo), Trivilino, Ralaimaroavomanana (1’ st Chiotti). All. Montella. Arbitro: Palombi di Perugia. Marcatori: 2’ m. Elias tr. Valsecchi, 16’ cp Valsecchi, 21’ m. Adriani tr. Valsecchi; st: 12’ m. Gualdambrini tr. Valsecchi, 32’ m. Siragusa tr. Valsecchi, 39’ cp Valsecchi. Note: esp.temp. di Corridore (8’ pt), Alessandro Liberatore (15’ st) e Anitori (22’ st).

LAZIO – PRATO SESTO 12-17 (5-14) – LAZIO: Giovannini; Herrera, Cioffi (7′ st Mi. Bianco), T. Cruciani, Santarelli (21′ st Ma. Bianco); D. Donato, Albanese (17′ st Cristofaro); J. Donato, Pilati (17′ st Tomasini), Cannata (1′ st Mat. Colangeli; 35′ st Pilati); Cicchinelli, Sommer; Silla (11′ D’Aleo), Gisonni (11′ st Hliwa), Moscioni (11′ st Criach Montilla). All. De Angelis. PRATO SESTO: Puglia (20′ st Fondi); Pesci, Marioni, Pancini, Vi. Fattori (15′ st Nistri); Magni, Renzoni (25′ st Marzucchi); Morelli, Zucconi (36′ pt Dalla Porta), Righini; Casciello (17′ st Mardegan), Ciampolini; Pesucci (1′ st Sassi), Giovanchelli (25′ st Di Leo), Rudalli (15′ st Sansone). All. Chiesa. Arbitro: Negro di Como. Marcatori: 5’ m. Giovanchelli tr. Puglia, 22’ m. Pesci tr. Puglia, 36’ m. Silla; st: 7’ m. Herrera tr. D. Donato, 30’ cp Magni. Note: esp.temp. di Righini.

AVEZZANO – CIVITAVECCHIA 31-24 (28-14) – AVEZZANO: Du Toit; Capone, Nxele, Di Matteo, Pallotta (32′ st Della Cagna); Natalia, Cuesta (1′ st Speranza); Rettagliata, Ponzi, Costantini (24′ st Potocar; 34′ st Trozzola); Martini, Giangregorio; Carones, Mammone, Mocerino (34′ pt Di Roberto). All. V. Troiani. CIVITAVECCHIA: Tremulo (24′ st Borgna); Santoro, Vender, Vella, Levantaci;  Alegiani, Robazza; G. Duca (36′ st Simeone), Asoli, Auriemma; Manuelli (21′ st Fraticelli), Bollo; Moreno, Castelnuovo, Nicita (21′ st Centracchio). All. Lo Greco. Arbitro: Tavassi di Napoli. Marcatori: 3′ m. Rettagliata tr. Natalia, 7′ m. Pallotta tr. Natalia, 15′ m. Tremulo tr. Tremulo, 24′ m. Moreno tr. Tremulo, 37′ m. Pallotta tr. Natalia, 40′ m. Du Toit tr. Natalia; st: 7′ m. Moreno tr. Tremulo, 23′ cp Natalia, 35′ m. Moreno tr. Tremulo.

UNIONE CAPITOLINA – NAPOLI AFRAGOLA 39-18 (17-13) – CAPITOLINA: Mastrangelo; Tibo, Colitti (15’ st Simoncelli), Bonini, Severini; Buchalter (22’ st Corvisieri), Gambarelli (1’ st Tarantini); Colafigli, Magnini, T. Ferrari (9’ st Mazza); Ragaini (26’ st Terribili), Trapasso; Ungaro (9’ st Sterlini), Trona (9’ st Cini), Parlati (6’ st Coletti). All. Cococcetta. NAPOLI: Cioffi; Panella, Laperuta (12’ st Iazzetta), Di Fusco, Borsa (30′ st Marinelli); Scaldaferri, Di Tota; Lauro (20’ st Brusca), Quarto, Errichiello; Peradze (35’ st Boscatto), Russo (26’ st Esposito); Careri (28’ st Guerriero), Campoccio (30’ st Laezza), Tenga (30’ st Muro). All. De Gregori. Arbitro: Grosso di Torino. Marcatori: 10’ cp Scaldaferri, 12’ m. Bonini tr. Buchalter, 23’ m. Trona, 25’ m. Scaldaferri tr. Scaldaferri, 33’ cp Scaldaferri, 37’ m. Tibo; st: 4’ m. Campoccio, 7’ m. Coletti tr. Buchalter, 23’ cp Severini, 28’ m. Cini, 34’ m. Colafigli tr. Severini. Note: esp.temp. di Panella (39′ pt) e Bonini (28′ st).

Finale Serie A Elite Maschile, diretta Rai 2 e DAZN il 2 giugno dal “Lanfranchi”

La Finale della Serie A Elite Maschile tornerà anche nel 2024 in diretta in chiaro su Rai2 e su DAZN il prossimo 2 giugno alle 17.30 dallo Stadio “Sergio Lanfranchi” di Parma, ripetendo la positiva esperienza di simulcasting che aveva portato a totalizzare oltre 400.000 telespettatori e uno share del 2.3%.

Il Consiglio Federale, nella riunione del 26 marzo scorso, ha deliberato di posticipare al 2 giugno l’appuntamento con la sfida che assegnerà lo scudetto di Campione d’Italia numero novantatré, in accoglimento delle necessità di palinsesto dei due broadcaster del massimo campionato.

Anche per la Finale maschile 2024 la produzione potrà contare su almeno dodici telecamere, portando sui teleschermi ogni più piccolo dettaglio della gara che vale una stagione e dietro le quinte dell’avvicinamento al fischio d’inizio, offrendo una copertura mai così accurata della sfida per il tricolore nel giorno della Festa della Repubblica.

Nazionale U20, definita l’agenda verso il Mondiale 2024: via ai raduni il 22 aprile, test contro la Spagna a San Benedetto del Tronto il 15 giugno

(Photo by Ryan Hiscott/Federugby via Getty Images)

Roma – Lo staff tecnico della Nazionale Under 20 ha reso noto il programma di avvicinamento al Mondiale di categoria, il World Rugby U20 Championship, in programma per il secondo anno consecutivo in Sudafrica dal 29 giugno al 19 luglio.

Gli Azzurrini si ritroveranno per la prima volta dopo il match contro il Galles che ha chiuso il Sei Nazioni 2024 dal 22 al 25 aprile alla Cittadella del Rugby di Parma, per il raduno che inaugura la serie di quattro in l’avvicinamento all’esordio iridato in una Pool B condivisa con Irlanda, Australia e Georgia.

Sede del secondo appuntamento Treviso, dal 13 al 15 maggio, quindi nuovamente Parma dal 3 al 6 giugno, prima dell’ultimo e decisivo ritrovo di San Benedetto del Tronto dal 12 al 16 giugno, al termine del quale sarà diramata la lista dei convocati per il Torneo, con il gruppo Azzurro in partenza il 23 giugno dall’Aeroporto Internazionale “Marco Polo” di Venezia.

La località marchigiana farà da scenario all’unico test ufficiale in agenda, fissato per il pomeriggio di sabato 15 giugno contro la Spagna sul terreno del rinnovato “Nelson Mandela”, casa dell’Unione Rugby San Benedetto. Una conferma azzurra per il Comitato rappresentato dal Presidente Vittorio Petretti, che non nasconde la propria soddisfazione a nome di tutto il movimento regionale: “Siamo davvero orgogliosi di essere stati nuovamente scelti dalla FIR per un test internazionale, in quella che è la principale tappa di avvicinamento al prossimo Mondiale Under 20. Dopo la partita della Nazionale Maggiore contro la Romania dello scorso agosto, le Marche ospitano questa volta gli Azzurrini contro i pari-età della Spagna, scegliendo il rinnovato impianto Nelson Mandela di San Benedetto del Tronto in un’organizzazione condivisa con il Club Unione Rugby San Benedetto, realtà in grande crescita sia tecnica che strutturale. Sono molto contento di questa scelta, che conferma la bontà del lavoro fatto dall’intero movimento rugbistico marchigiano, e siamo pronti a fare un grande lavoro di squadra per garantire alle due Nazionali e al pubblico un’esperienza speciale prima, durante e dopo la partita”.

Un filo rosso, quello di un orgoglioso senso di appartenenza, che torna anche nel commento del Presidente del Club ospitante Edoardo Spinozzi, già coinvolto ad agosto 2023 nell’organizzazione del test pre-Mondiale dell’allora c.t. Kieran Crowley contro la Romania: “Siamo felicissimi di poter ospitare nuovamente una Nazionale Italiana nella nostra città, questa volta addirittura nel nostro impianto, dove abbiamo sede e dove operiamo quotidianamente. Sono fiducioso che il pubblico risponderà alla grande, per quella che di fatto è la prima volta della Nazionale U20, selezione da anni lustro del rugby italiano, nella nostra zona. Un evento che vorremmo utilizzare come volano per il rugby marchigiano, che tanto si sta impegnando nella promozione e nella crescita della nostra amata disciplina. Assieme al Comitato Regionale stiamo già lavorando per organizzare una giornata di sport, di mare e di promozione del territorio, faremo il massimo per renderla un grande evento”.

Conferma l’entusiasmo Cinzia Campanelli, Assessore allo Sport: “La città di San Benedetto accoglie con grande entusiasmo un nuovo importante appuntamento sportivo che ha come protagonista il rugby. Dopo i successi degli anni passati siamo orgogliosi di questa nuova collaborazione con la FIR, che il prossimo 15 giugno porterà in dote il match tra Italia e Spagna Under 20. Scenografia dell’appuntamento sarà lo stadio Nelson Mandela, arricchito da una nuova tribuna e diventato uno degli impianti sportivi fiore all’occhiello della città. Ringrazio la FIR e l’Unione Rugby San Benedetto per un nuovo, grande incontro internazionale di cui potrà godere tutta la città”.



ITALIA U20 – verso il Mondiale
22-25 aprile: Raduno a Parma
13-15 maggio: raduno a Treviso
3-6 giugno: raduno a Parma
12-16 giugno: raduno a San Benedetto del Tronto
15 giugno: warm-up test Italia U20 v Spagna U20 – Stadio Mandela San Benedetto del Tronto
21 giugno: raduno pre-Mondiale
23 giugno: partenza da Venezia per Capetown

WORLD RUGBY U20 CHAMPIONSHIP 
Pool A: Francia, Nuova Zelanda, Galles, Spagna

Pool B: Irlanda, Australia, Italia, Georgia 

Pool C: Sudafrica, Inghilterra, Argentina, Fiji

Fase di qualificazione
Giornata 1: Sabato 29 giugno Italia U20 v Irlanda U20  
Giornata 2: Giovedì 4 luglio Italia U20 v Australia U20  
Giornata 3: Martedì 9 luglio Italia U20 v Georgia U20

Fase ad eliminazione diretta
Giornata 4: Domenica 14 luglio (Playoff)

Giornata 5: Venerdì 19 luglio (Finali)

Serie A Elite Maschile, Viadana chiude la stagione regolare al primo posto

Roma – Il Rugby Viadana passa a Roma per 20-35, nega alle Fiamme Oro un posto ai playoff e conclude in prima posizione la stagione regolare della Serie A Elite Maschile 2023/24: i leoni gialloneri di Gilberto Pavan respingono il tentativo di sorpasso a distanza da parte dei Campioni d’Italia in carica della Femi-CZ Rovigo, che vincono facilmente davanti al pubblico di casa contro il Rangers Vicenza per 54-7 ma devono accontentarsi del secondo posto. 

La vittoria viadanese nella Capitale spiana la strada dei playoff al Mogliano Veneto, che chiude in sesta posizione e si qualifica alla post-season nel Girone 2, interamente composto da formazioni venete con Rovigo e Petrarca.

Nel Girone 1 spazio invece, oltre al Viadana, al Valorugby Emilia e all’HBS Colorno.

Primo turno dei gironi di play-off, con gare di sola andata, il prossimo 27 aprile: tre fine settimana consecutivi per dare un nome alle due finaliste che si contenderanno lo scudetto numero 93.

Serie A Elite – XVIII giornata
13.04.24

Sitav Lyons v HBS Colorno 23-26 (1-4)
Petrarca Rugby v Mogliano Veneto 38-28 (5-1)
14.04.24
Femi-CZ Rovigo v Rangers Vicenza 54-7 (5-0)
Fiamme Oro Rugby v Rugby Viadana 20-35 (0-5)

Classifica: Rugby Viadana 1970 punti 61; Femi-CZ Rovigo 60; Petrarca Rugby 54; Valorugby Emilia 47; HBS Colorno 46; Mogliano Veneto Rugby 33; Fiamme Oro Rugby 31; Sitav Rugby Lyons 28; Rangers Vicenza 3

Girone 1: Rugby Viadana 1970, Valorugby Emilia, HBS Colorno
Girone 2: Femi-CZ Rovigo, Petrarca Rugby, Mogliano Veneto Rugby
Retrocesse in Serie A: Sitav Lyons Piacenza, Rangers Vicenza

Calendario Play-Off
Play-off – I giornata
Girone 1 – 27.04.24 – ore 16.15

Rugby Viadana 1970 v HBS Colorno
Girone 2 – 28.04.14 – ore 16.00
Femi-CZ Rovigo v Mogliano Veneto Rugby

Play-off – II giornata
Girone 1 – 04.05.24 – ore 14.15
Valorugby Emilia v perdente I giornata
Girone 2 – 05.05.24 – ore 17.30
Petrarca Rugby v perdente I giornata

Play-off – III giornata
Girone 1 – 11.05.24 – ore 17.00

Vincente I giornata v Valorugby Emilia
Girone 2 – 12.05.24 – ore 17.00
Vincente I giornata v Petrarca Rugby

Roma, Campo “Renato Gamboni” – domenica 14 aprile 2024
Serie A Élite, XVIII giornata
Fiamme Oro Rugby v Rugby Viadana 1970 20-35 (10-21)
Marcatori: p.t. 3’ cp Canna (3-0), 4’ m. Ciardullo tr Madero (3-7), 7’ m. Orellana tr Madero (3-14), 24’ m. Baronio tr Madero (3-21), 26’ m. Pensieri tr Canna (10-21); s.t.: 46’ cp Canna (13-21), 47’ m. Denti tr Madero (13-28), 56’ m. Canna tr Canna (20-28), 75’ m. Roger tr Madero (20-35)
Fiamme Oro Rugby: Menniti-Ippolito; Lai, Vaccari (70’ Di Marco), Gabbianelli (58’ Tomaselli), Pensieri (44’ Drudi); Canna (cap.), Marinaro; De Marchi, Vian, Angelone (44’ D’Onofrio U.); Fragnito (51’ Piantella), Stoian; Romano (58’ Iacob), Moriconi (71’ Mancini-Parri), Barducci (58’ Iovenitti)
all. Gianluca Guidi
Rugby Viadana 1970: Ciardullo; Crea (38’ – 43’ Mignucci), Orellana, Gigli (65’ Roger), Ciofani; Madero, Baronio (55’ Gregorio); Ruiz (54’ Locatelli), Wagenpfeil (cap), Catalano; Lavorenti (54’ Schinchirimini), Boschetti; Oubina (54’ Mignucci), Denti Ant. (60’ Luccardi), Fiorentini (60’ Mistretta)
all. Gilberto Pavan
Arb. Alberto Favaro
AA1 Franco Rosella AA2 Leonardo Masini
Quarto Uomo: Francesco Pier’Antoni
TMO: Emanuele Tomò
Cartellini: al 33’ giallo a Rodrigo Oubiña (Rugby Viadana 1970)
Calciatori: Carlo Canna (Fiamme Oro Rugby) 4/4, Benjamin Madero (Rugby Viadana 1970) 5/5
Player of the match: Exequiel Orellana (Rugby Viadana 1970)
Punti conquistati in classifica: Fiamme Oro Rugby 0 – Rugby Viadana 1970 5
Note: Giornata soleggiata. Spettatori: 300.

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – domenica 14 aprile 2024
Serie A Elite, XVIII giornata 
FEMI-CZ Rovigo v Rangers Vicenza 54–7 (35-0)
Marcatori p.t. 7’ m. Vaccari tr. Dogliani (7-0), 16’ m. Bazan Vélez tr. Dogliani (14-0), 22’ m. Lubian tr. Dogliani (21-0), 30’ m. Moscardi tr. Dogliani (28-0), 36’ m. Uncini tr. Dogliani (35-0); s.t. 49’ m. Moscardi tr. Dogliani (42-0), 59’ m. Uncini tr. Dogliani (49-0), 64’ m. Lubian (54-0), 79’ m. Peron tr. Bruniera (54-7)
FEMI-CZ Rovigo: Sperandio (60’ Lertora); Vaccari (47’ Diederich Ferrario), Moscardi, Uncini, Sarto; Dogliani, Bazan Vélez (47’ Chillon); Cosi (55’ Casado Sandri), Lubian (cap.), Meggiato; Steolo, Zottola (41’ Munro); Lastra Masotti (41’ Swanepoel), Giulian (25’ Leccioli), Quaglio (41’ Lugato).
all. Lodi
Rangers Vicenza: Williams; Gelos, Sanchez-Valarolo, Lisciani (cap.) (28’ Galliano), Poletto (41’ Ruzza); Bruniera, Casilio (48’ Pozzobon); Gomez, Tonello, Urraza (41’ Pontanari); Pontarini (48’ Peron), Andreoli; Avila-Recio (71’ Messina), Franchetti (60’ Ceccato), Braggiè (60’ Gutierrez).
all. Cavinato/Minto
Arb. Francesco Meschini
AA1 Dario Merli, AA2 Lorenzo Imbriacco
Quarto Uomo: Filippo Bertelli
TMO: Vicenzo Schipani
Calciatori: (FEMI-CZ Rovigo) 5; (Rangers Vicenza) 0
Note: Campo in buone condizioni, giornata calda circa 29°, presenti allo Stadio circa 1000.
Punti conquistati in classifica: Dogliani(FEMI-CZ Rovigo) 7/8, Bruniera (Rangers Vicenza) 1/1
Player of the Match: Paolo Uncini (FEMI-CZ Rovigo)


Sei Nazioni Femminile, Raineri e Stefan: “In queste partite gli errori si pagano cari, ora testa e impegno per la Scozia”

Riflettono sulla sconfitta con la Francia dello Stade Jean Bouin di Parigi la Capitana Sofia Stefan e il commissario tecnico Giovanni Raineri. E in effetti nel 38-15 finale c’è tanto da analizzare. “Abbiamo giocato una gara molto intensa contro una squadra che ci ha messo in grande difficoltà nel punto d’incontro e in mischia chiusa”, dice Raineri, a cui fa eco Stefan “A questo livello gli errori si pagano, specie con squadre come la Francia. Abbiamo comunque dimostrato di essere in partita, rientrando nel secondo tempo con più concentrazione e con più forza d’animo”.
Gli oltre 13500 spettatori dello stadio parigino hanno sospinto la Francia in una partita in cui l’intensità l’ha fatta da padrone. “Ci aspettavamo una squadra forte e abile davanti, e così è stato – spiega Stefan – . La Francia ha lavorato molto bene in mischia e nel breakdown, sapendo sfruttare le nostre incertezze a largo e giocando molto bene coi trequarti. Sicuramente rispetto allo scorso anno è stata una partita diversa, ma c’è anche da considerare che nel 2023 giocavamo a Parma, mentre quest’anno il calore del pubblico francese si è fatto sentire”.
Sui prossimi step fa il punto Raineri: “Ad ora non sembra ci siano problemi fisici per le nostre atlete. Ora ripartiremo subito per preparare la gara con la Scozia. Giocando di Sabato avremo un giorno in meno di tempo, ma sappiamo su cosa lavorare per arrivare al meglio alla sfida di Parma.

Sei Nazioni femminile: l’Italia cede 38-15 a Parigi contro la Francia

L’Italia cede 38-15 alla Francia nella terza giornata del Sei Nazioni femminile 2024. A Parigi le padrone di casa conquistano 5 punti con una grande prestazione che riscatta l’opaca prova contro la Scozia e vale il secondo posto in classifica. Azzurre messe sotto pressione fin da subito e che riescono a marcare nel primo tempo solo con un piazzato di Rigoni, Francia che invece segna con Konde, Deshayes, Escudero e Llorens nel primo tempo. Nella ripresa marcano Khalfaoui (premiata anche player of the match) e Fall. Italia in meta due volte con Alyssa D’Incà.

La cronaca di Francia-Italia

La Francia parte fortissimo: calcetto di Queyroi per l’inserimento di Vernier, poi cariche verticali di Deshayes e Sochat prima della seconda apertura al largo da parte della mediana francese, con Konde che marca la meta del 7-0. Le padrone di casa continuano ad insistere: Vernier attacca la linea e trova ancora una volta il sostegno delle avanti, poi Escudero forza troppo l’offload e spreca una buona occasione a pochi metri dalla linea di meta. Dopo 10 minuti di grande sofferenza la squadra di Raineri esce dalla pressione e prova a rispondere prima con una buona maul – vanificata da un in avanti – poi con un lungo multifase concluso con un calcetto di Madia ben intercettato da Bourdon, che chiama il mark e salva tutto.

L’Italia continua ad insistere: al 20′ è Khalfaoui a salvare conquistando un tenuto e pochi metri della linea di meta, poi però Fedrighi recupera l’ovale sulla penaltouche francese regalando un’altra azione alle Azzurre, che accorciano le distanze col piede di Rigoni dopo l’avanti volontario di Queyroi. La Francia risponde subito, mettendo pressione all’Italia e rubando palla con Konde, poi Deshayes trova il varco, rompe due placcaggi e segna la meta del 14-3.

La risposta italiana arriva con la bella imbucata di Vittoria Ostuni Minuzzi, che trova un bell’offload per D’Incà ma l’ala del Villorba non riesce a tenere il pallone. Dall’altra parte la Francia trova un altro avanzamento con la maul, fatta crollare irregolarmente: Tounesi paga per tutte e viene ammonita, le padrone di casa insistono sullo stesso binario, la difesa italiana tiene in maul ma poi non può nulla contro le cariche prima di Khalfaoui e poi di Escudero, che segna la terza meta. Al 37′ arriva anche la marcatura del bonus con Llorens, che riceve un bel cross-kick di Queyroi e schiaccia per la quarta meta che chiude il primo tempo sul 26-3.

Nella ripresa la Francia riparte forte e marca subito con la carica vincente di Khalfaoui, dopo un pallone recuperato da Escudero in rimessa laterale. L’Italia reagisce con una bella maul avanzante e si riporta ai 5 metri: lungo multifase con le avanti, poi Stevanin e Rigoni innescano la corsa di D’Incà che trova la meta in mezzo ai pali, 33-10. Al 62′ la Francia segna con una bella imbucata di Fall per il 38-10. Nel finale le Azzurre accorciano le distanze ancora con D’Incà, che apre il gas dopo essere stata servita dal bell’offload di Stevanin. Finisce 38-15 per la Francia, che conquista 5 punti e si conferma al secondo posto dopo 3 giornate del Sei Nazioni femminile, l’Italia scende invece in quarta posizione, superata dall’Irlanda.

Parigi, Stade “Jean Bouin” – domenica 14 aprile 2024
Guinness Women’s Six Nations, III giornata

Francia v Italia 38-15
Marcatrici: p.t. 3’ m. Kondè tr. Queyrol (7-0); 22’ cp. Rigoni (7-3); 23’ m. Deshayes tr. Queyroi (14-3); 32’ m. Escudero tr. Queyroi (21-3); 38’ m. Llorens (26-3);  s.t. 4’ m. Khalfaoui tr. Queyroi (33-3); 15’ m. D’Incà tr. Rigoni (33-10); 25’ m. Fall (38-10); 37’ m. D’Incà 
Francia: Boulard (13’ st. Bourgeois); Menager M., Konde, Vernier (23’ st. Tuy), Llorens; Queyroi, Bourdon (21’ st. Chambon); Menager R., Gros, Escudero (20’ st. Feleu); Fall, Feleu (19’ st. Hermet); Khalfaoui (12’ st. Joyeux), Sochat (12’ st. Rifonneau), Deshayes (10’ m. st. Mwayembe)
all. Mignot/Ortiz
Italia: Ostuni-Minuzzi; Muzzo, Rigoni (26’ st. Capomaggi), Stevanin, D’Incà; Madia (12’ st. Granzotto), Stefan (cap); Arrighetti (19’ st. Veronese), Locatelli, Tounesi (29’ st. Pilani); Duca (26’ st. Frangipani), Fredrighi; Seye (13’ st. Gai), Vecchini (22’ st. Gurioli), Maris (13’ st. Stecca)
all. Raineri
arb. Neville (Irlanda)
Cartellini: 29’ pt. Tounesi (Italia)

Sei Nazioni femminile: la presentazione di Francia-Italia

Terza giornata del Sei Nazioni femminile 2024: a Parigi si gioca Francia-Italia, seconda contro terza della classifica del Torneo. Le Azzurre arrivano a Parigi con grande entusiasmo dopo aver vinto in Irlanda per la prima volta nella loro storia, e di fronte c’è una Francia che ha vinto due partite su due ma non ha brillato come al solito.

Come arriva la Francia

La Francia, almeno sulla carta, ha fatto quello che doveva fare, battendo Irlanda e Scozia e consolidando almeno il secondo posto, nell’ottica di giocarsi il tutto per tutto all’ultima giornata contro l’Inghilterra. Le prestazioni francesi però non sono state esaltanti come ci si aspettava: se contro l’Irlanda le due mete subite nel finale potevano essere un semplice calo di concentrazione, la partita contro la Scozia è stata davvero complicata. Alla fine la Francia ha avuto la meglio per 15-5 grazie alla propria superiorità tecnica e fisica, ma i tanti errori commessi in attacco hanno tenuto in partita la Scozia fino alla fine. A scanso di equivoci, la Francia è e resta una squadra fortissima, dotata di grandi individualità e di un gioco pieno di opzioni, ma l’Italia deve porre l’attenzione sui campanelli d’allarme che sono suonati in queste prime due partite.

Come arriva l’Italia

L’Italia si presenta al giro di boa del Sei Nazioni forte di una vittoria con bonus con l’Irlanda e di un importante terzo posto in classifica. I 5 punti conquistati a Dublino, contro una squadra notoriamente ostica per le Azzurre e in trasferta, rappresentano un viatico importante verso la seconda parte del Torneo, soprattutto se sommati all’ottimo primo tempo contro l’Inghilterra, dove si è vista un’ottima difesa. Per fare l’impresa a Parigi, però, serviranno 80 minuti di altissimo livello e senza cali: a Dublino le Azzurre hanno faticato nei primi 15 minuti e nel finale di partita, rischiando più di quello che sarebbe stato necessario, e avranno bisogno di maggiore continuità contro una squadra che – pur nelle sue difficoltà – rimane fortissima.

Tutte le informazioni per seguire Francia-Italia

Il match tra Francia e Italia valido per la terza giornata del Sei Nazioni femminile 2024 sarà trasmesso in diretta tv su Sky Sport Arena e in streaming su NOW e sul canale YouTube di Sky Sport. Il match sarà diretto dall’irlandese Joy Neville, alla sua ultima apparizione internazionale. Le assistenti saranno l’inglese Holly Wood e la portoghese Maria Heitor. Al TMO l’irlandese Leo Colgan.

Le formazioni di Francia-Italia

Francia: 15 Emilie Boulard, 14 Marine Menager, 13 Nassira Konde, 12 Gabrielle Vernier, 11 Mélissande Llorens, 10 Lina Queyroi, 9 Pauline Bourdon Sansus, 8 Romane Menager, 7 Emeline Gros, 6 Charlotte Escudero, 5 Madoussou Fall, 4 Manae Feleu, 3 Assia Khalfaoui, 2 Agathe Sochat, 1 Annaelle Deshayes

A disposizione: 16 Élisa Riffonneau, 17 Ambre Mwayembe, 18 Clara Joyeux, 19 Gaëlle Hermet, 20 Teani Feleu, 21 Alexandra Chambon, 22 Lina Tuy, 23 Morgane Bourgeois

Italia: 15 Vittoria Ostuni Minuzzi, 14 Aura Muzzo, 13 Beatrice Rigoni, 12 Emma Stevanin, 11 Alyssa D’Incà, 10 Veronica Madia, 9 Sofia Stefan (c), 8 Ilaria Arrighetti, 7 Isabella Locatelli, 6 Sara Tounesi, 5 Giordana Duca, 4 Valeria Fedrighi, 3 Sara Seye, 2 Vittoria Vecchini, 1 Gaia Maris

A disposizione: 16 Laura Gurioli, 17 Emanuela Stecca, 18 Lucia Gai, 19 Alessia Pilani, 20 Beatrice Rigoni, 21 Alessandra Frangipani, 22 Francesca Granzotto, 23 Beatrice Capomaggi

Serie A Elite Maschile, Mogliano alla finestra per l’ultimo posto ai play-off

Colorno vince il derby contro i Sitav Lyons e condanna Piacenza alla retrocessione

Roma – Gli anticipi della diciottesima e ultima giornata di regular season della Serie A Elite Maschile esprimono i primi verdetti del weekend, condannando alla retrocessione nella Serie A 2024/25 i Sitav Lyons Piacenza.

Ai tuttineri di coach Urdaneta non basta una prestazione coraggiosa sul campo di casa del “Beltrametti” per avere la meglio sull’HBS Colorno, che nel derby emiliano non concede sconti ai cugini di Piacenza, superandoli 23-26 in fondo a ottanta, vibranti minuti: già certi del quinto posto e del passaggio ai play-off, i biancorossi alleanti da Umberto Casellato decidono le sorti del match e la retrocessione dei Lyons tra il ventiseiesimo e il trentesimo della ripresa, con due mete di Ferrara e Pavese che ribaltano il risultato a favore degli ospiti prima che una meta del capitano piacentino Bruno, a tre minuti dal termine, tenga vive sino al fischio finale le speranze dei padroni di casa, che scendono di categoria dopo quattro stagioni.

Nell’altro derby di giornata, al “Memo Geremia” di Padova, il Petrarca ribalta a proprio favore il punteggio nei minuti finali contro il Mogliano che – già certo della salvezza dopo lo stop dei Lyons – vede comunque sfuggire nelle battute finali un successo con bonus che sarebbe valso agli uomini di Costanzo la certezza matematica dei play-off, mentre i padovani confermano la terza posizione.

Battuti per 38-28, i Leoni biancoblù dovranno attendere l’esito di Fiamme Oro v Rugby Viadana di domenica 14 aprile (ore 15.30, diretta DAZN) per sapere se parteciperanno o meno alla corsa scudetto: un appuntamento, quello del “Gamboni” di Roma, decisivo anche per il Rugby Viadana capolista, chiamato a vincere ad ogni costo per difendere la prima piazza dalla Femi-CZ Rovigo che, in casa contro il già retrocesso Rangers Vicenza, potrà contare sui favori del pronostico.

Decisivi, dunque, gli ultimi due posticipi domenicali per definire la classifica finale della Serie A Elite Maschile e la composizione dei due gironi di playoff al via il prossimo 27 aprile e dai quali, il prossimo 12 maggio, emergeranno le due squadre che si contenderanno il novantatreesimo titolo di Campione d’Italia.

Serie A Elite – XVIII giornata
13.04.24

Sitav Lyons v HBS Colorno 23-26 (1-4)
Petrarca Rugby v Mogliano Veneto 38-28 (5-1)
14.04.24 – ore 15.30
Femi-CZ Rovigo v Rangers Vicenza (DAZN)
Fiamme Oro Rugby v Rugby Viadana (DAZN)

Classifica: Rugby Viadana* 1970 punti 56; Femi-CZ Rovigo* 55; Petrarca Rugby 54; Valorugby Emilia 47; HBS Colorno 46; Mogliano Veneto Rugby 33; Fiamme Oro Rugby* 31; Sitav Rugby Lyons 28; Rangers Vicenza* 3
*una in meno

Calendario Play-Off
Play-off – I giornata
Girone 1 – 27.04.24 – ore 16.15

1° classificata v HBS Colorno
Girone 2 – 28.04.14 – ore 16.00
2° classificata v 6° classificata

Play-off – II giornata
Girone 1 – 04.05.24 – ore 14.15
Valorugby Emilia v perdente I giornata
Girone 2 – 05.05.24 – ore 17.30
Petrarca Rugby v perdente I giornata

Play-off – III giornata
Girone 1 – 11.05.24 – ore 17.00

Vincente I giornata v Valorugby Emilia
Girone 2 – 12.05.24 – ore 17.00
Vincente I giornata v Petrarca Rugby

Tabellini
Piacenza, Stadio “Walter Beltrametti” – 13 aprile 2024 ore 14.00
Serie A Elite – XVIII giornata 
Sitav Rugby Lyons v HBS Colorno 23-26 (10-13)
Marcatori: p.t. 1’ drop Chico (3-0), 8’ cp. Hugo (3-3), 15’ m. Leaupepe tr. Hugo (3-10), 22’ m. Biffi tr. Chico (10-10), 29’ cp. Hugo (10-13); s.t. 43’ m. Cuminetti (15-13),  52’ cp. Hugo (15-16), 64’ cp. Chico (18-16), 66’ m. Ferrara (18-21), 70’ m. Pavese (18-26), 77’ m. Bruno (23-26).
Sitav Rugby Lyons: Biffi; Cuminetti, Paz, Zaridze, Bruno (cap); Chico, Cuoghi (69’ Via A., 71’ Via G.); Moretto, Petillo (44’ Bance), Janse van Rensburg (69’ Cemicetti); Pisicchio (55’ Cissè), Salvetti; Morosi (55’ Tripodo), Minervino (55’ De Rossi), Acosta (55’ Pelliccioli)
all. Urdaneta 
Hbs Colorno: Van Tonder (cap); Leaupepe, Pavese (75’ Palazzani), Waqanibau (45’ Ceballos), Batista; Hugo, Del Prete; Koffi (69’ Nisica), Adorni (55’ Ruffolo), Manni (79’ Pescetto); Van Vuuren (45’ Broglia), Butturini; Tangredi (58’ Galliano), Ferrara, Franceschetto (55’ Lovotti)
all. Casellato 
Arb. Riccardo Angelucci (Livorno)
AA1: Dante D’Elia (Bari) AA2: Lorenzo Negro (Modena)
Quarto Uomo: Giona Righetti (Verona)
TMO: Stefano Pennè (Milano) 
Cartellini: /
Calciatori: Chico 3/5 (Sitav Rugby Lyons), Hugo 4/6 (HBS Colorno) 
Note: Giornata mite e soleggiata, terreno in perfette condizioni. Spettatori 1400 circa. 
Punti conquistati in classifica: Sitav Rugby Lyons 1; HBS Colorno 4
Player of the Match: Angelo Leaupepe (HBS Colorno)

Padova, Centro Sportivo Memo Geremia, Petrarca Rugby – Sabato 13 aprile 2024
Serie A Élite, XVIII giornata
Petrarca Rugby v Mogliano Veneto Rugby 38-28 (p.t.: 14-0)
Marcatori: p.t. 5′ m. Bellini tr. Tebaldi (7-0); 13’ m. Tebaldi tr. Tebaldi (14-0); s.t. 5’ m . Montilla (19-0); 9’ st. m. Zanandrea tr. Ferrarin (19-7); 14’ m. Avaca tr. Ferrarin (19-14); 20’ m. Perruzzo tr. Ferrarin (19-21); 26’ m. Punizione Petrarca (26-21); 27’ m. Kingi tr. Ferrarin (26-28); 33’ m. Coppo (31-28); 38’ m. Cugini tr. Benvenuti (38-28)
Petrarca Rugby: De Sanctis; Filippi, Scagnolari, De Masi (73′ Coppo), Bellini; Tebaldi, Panunzi (57′ Benvenuti); Botturi (57′ Vunisa), Casolari (30′ Marchetti), Romanini (24′ Nostran); Trotta (35′-40′ temp. Vunisa), Galetto; Bizzotto (37′ Montilla M.), Montilla T. (52′ Cugini), Brugnara (37′ Borean).
All. Marcato, Jimez, Griffen
Mogliano Veneto Rugby: Avaca G.; Peruzzo, Va’Eno (36′ Zanandrea), Zanatta, Dal Zilio; Ferrarin, Fabi (37′ Battara); Kingi, Finotto, Brevigliero (37′ Grant); Baldino (37′ Marini), Carraro; Avaca E. (37′ Gallorini), Frangini (55′ Sangiorgi), Aminu (60′ Gentile)
All. Caputo
Arb.: Manuel Bottino
AA1: Alex Frasson AA2: Alberto Favaro
IV Uomo: Matteo Bertocchi
Tmo: Giuseppe Vivarini
Cartellini: 66′ C.Giallo Zanandrea; 
Calciatori: Tebaldi (2-5), Ferrarin (4-5), Benvenuti (1-1)
Player of the match: – 
Note: Giornata assolata, campo in ottime condizioni. Spettatori presenti 780.
Punti conquistati: Petrarca 5; Mogliano Veneto Rugby 1.

Ultime dalle sedi
Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – domenica 14 aprile, ore 15.30
Serie A Elite Maschile, XVIII giornata – diretta DAZN
Femi-CZ Rovigo v Rangers Vicenza 
Femi-CZ Rovigo: Sperandio; Vaccari, Moscardi, Uncini, Sarto; Dogliani, Bazan Vélez; Cosi, Lubian (cap.), Meggiato; Steolo, Zottola; Lastra Masotti, Giulian, Quaglio.
a disposizione: Leccioli, Lugato, Swanepoel, Casado Sandri, Munro, Lertora, Diederich Ferrario, Chillon.
all. Lodi
Rangers Vicenza: Williams; Gelos, Sanchez-Valarolo, Lisciani (cap), Poletto; Bruniera, Casilio L.; Gomez, Tonello, Urraza; Pontarini, Andreoli; Avila-Recio, Franchetti, Braggiè
a disposizione: Ceccato E., Gutierrez, Messina, Pontanari, Peron, Pozzobon, Galliano, Ruzza A.
all. Cavinato/Minto
arb. Meschini (Milano)

Roma, Campo “Renato Gamboni” – domenica 14 aprile, ore 15.30
Serie A Elite Maschile, XVIII giornata – diretta DAZN
Fiamme Oro Rugby v Rugby Viadana 1970
Fiamme Oro Rugby: Menniti-Ippolito; Lai, Gabbianelli, Vaccari, Pensieri; Canna (cap.), Marinaro; De Marchi, Angelone, Vian; Fragnito, Stoian; Romano, Moriconi, Barducci
a disposizione: Mancini-Parri, Iovenitti, Iacob, D’Onofrio U., Piantella, Drudi, Tomaselli, Di Marco
all. Guidi
Rugby Viadana 1970: Ciardullo; Crea, Orellana, Gigli, Ciofani; Madero, Baronio; Ruiz, Wagenpfeil (cap), Catalano; Lavorenti, Boschetti; Oubina, Denti Ant., Fiorentini
a disposizione: Luccardi, Mistretta, Mignucci, Schinchirimini, Locatelli, Gregorio, Roger, Bronzini An.
all. Pavan
arb. Favaro (Venezia)

Sei Nazioni femminile 2024: i precedenti tra Francia e Italia

Allo Stade Jean-Bouin di Parigi si chiude la terza giornata del Sei Nazioni femminile 2024: sarà la 29esima sfida tra Francia e Italia, che nel 1985 fu anche il primo storico incontro ufficiale della Nazionale Italiana femminile e finì 0-0.

Francia-Italia femminile: i precedenti

Francia e Italia si sono affrontate 28 volte con 22 successi francesi, 5 italiani e un pareggio. Le Azzurre hanno segnato 239 punti, subendone 781. Se il primo incontro in assoluto fu nel 1985, la prima vittoria italiana arrivò nel 1996, 8-5 in Coppa Europa a Madrid. Italia-Francia è stato anche il primo incontro in assoluto per le Azzurre nel Sei Nazioni femminile, nel 2007 a Biella finì 37-17 per le francesi, mentre il primo successo italiano contro la Francia nel Torneo arrivò nel 2013, quando nel diluvio di Rovato le Azzurre vinsero 13-12 dopo un incredibile assalto finale, culminato con il piazzato di Veronica Schiavon che valse il successo a tempo scaduto. Due anni dopo la terza vittoria, 17-12 a Badia, mentre la quarta – forse la più bella – arrivò nel 2019, in una partita dominata dall’inizio alla fine e vinta 31-12 che valse uno storico secondo posto al Sei Nazioni.

L’ultimo successo invece è recente, e risale al settembre del 2022: a Biella, l’Italia concluse col botto il suo cammino di preparazione alla Coppa del Mondo, battendo la Francia 26-19 dopo una grandissima rimonta. Le transalpine sembravano aver già messo in cassaforte il match con le mete di Fall e Menager e i calci di Drouin, ma sul 14-0 è arrivata la grande reazione dell’Italia, che nel giro di 4 minuti si riportò sul 14-12 e poi passò in vantaggio a inizio ripresa con Ostuni Minuzzi. Llorens al 71’ rimise la situazione in parità, ma ancora una volta fu l’ultimo assalto a dare la vittoria alle Azzurre: break di Rigoni, passaggio all’interno per Stefan con la strada spianata per la meta e pallone intercettato con un avanti volontario di Queyroi. Meta tecnica, 26-19 e Francia battuta.

L’ultima sfida

Le due squadre si sono affrontate per l’ultima volta al Sei Nazioni 2023, con la Francia che ha prevalso 22-12 dopo un match in bilico per 75 minuti. Azzurre in vantaggio al 22’ con Franco, dopo uno splendido break di Sgorbini, Francia che risponde con le mete di Vernier e Arbez e i calci di Bourdon per il 15-7 con cui si chiude il primo tempo. Nella ripresa l’Italia torna sotto Alyssa D’Incà, che finalizza alla bandierina una lunga azione delle avanti. Nel finale la pioggia condiziona il gioco delle Azzurre, la Francia si impone con la sua fisicità e segna la meta che chiude il match con Boujard al 75, per il 22-12 finale.

Due cambi obbligati per Raineri e un’opzione in più in rimessa: l’analisi delle formazioni di Francia-Italia

Dopo aver fatto la storia a Dublino, l’Italia ci riprova a Parigi: domenica 14 aprile alle 13.30 le Azzurre sfideranno la Francia nella terza giornata del Sei Nazioni femminile 2024. Verso una delle sfide più difficili del Torneo, Raineri rilancia Isabella Locatelli, che sostituisce l’infortunata Sgorbini. Un cambio anche in prima linea, con Maris promossa titolare a causa dell’assenza di Silvia Turani. Anche la Francia cambia poco rispetto al successo – ottenuto con più fatica del previsto – contro la Scozia: il trio alla guida della squadra francese, formato da Gaëlle Mignot, David Ortiz e Sylvain Mirande, sostituisce infatti le due flanker schierando Escudero e Gros al fianco della confermata Romane Menager. Fra le trequarti, invece, Llorens sostituisce Arbey, mentre Marine Menager cambia lato e indosserà la maglia numero 11.

Le fasi statiche

La presenza contemporanea di Locatelli e Fedrighi permette alle Azzurre di avere più opzioni in rimessa laterale, e soprattutto di poter contrastare in maniera più efficace i lanci su Manae Feleu, che è la giocatrice ad aver vinto più touche finora nel Torneo 2024. Locatelli, inoltre, rappresenta una garanzia in termini di esperienza e costanza e pur non avendo la dinamicità di Sgorbini – assente per infortunio – garantisce equilibrio ed è una buona soluzione anche in attacco. In mischia l’assenza di Turani mette ancora più pressione nei confronti di Maris e Seye, che saranno chiamate a un grande lavoro contro Deshayes e Khalfaoui, soprattutto considerando che la Francia non ha ancora perso una mischia in questo Sei Nazioni.

Vietato sbagliare

Raineri ha confermato in blocco mediana e trequarti rispetto alla formazione che ha vinto a Dublino. L’idea di schierare Emma Stevanin come primo centro, già provata in alcune occasioni in precedenza, si è rivelata vincente, con Rigoni brava ad adattarsi a numero 13. Contro la Francia sarà fondamentale difendere senza errori, soprattutto contro Marine Menager, ad oggi una delle giocatrici più pericolose in attacco dell’intero Torneo con 172 metri guadagnati dopo il primo contatto e 3 linebreak. Attenzione anche ad Assia Khalfaoui, pilone destro sempre molto costante in avanzamento. Al piede si sono visti dei miglioramenti da parte dell’Italia, e sarà necessario confermarli e fare un ulteriore passo avanti contro una squadra che con Lina Queyroi e Pauline Bourdon calcia molto.

In attacco

Le Azzurre, però, hanno anche a disposizione tante armi offensive, come dimostrato contro l’Irlanda nonostante il poco possesso avuto a disposizione. Dai break di D’Incà sono nate 2 delle 4 mete dell’Italia, e la squadra di Raineri come sempre si è dimostrata capace di attaccare gli spazi e creare poi la superiorità numerica al largo, come accaduto con la meta di Muzzo a Dublino, preceduta poco prima da un’altra marcatura simile poi annullata. L’Italia sembra poi essere riuscita ad aggiungere un’altra arma al proprio arsenale: la maul, che già contro l’Inghilterra aveva mostrato dei miglioramenti in fase difensiva, e che contro l’Irlanda ha permesso di segnare con Vecchini.

Le formazioni di Francia-Italia

Francia: 15 Emilie Boulard, 14 Marine Menager, 13 Nassira Konde, 12 Gabrielle Vernier, 11 Mélissande Llorens, 10 Lina Queyroi, 9 Pauline Bourdon Sansus, 8 Romane Menager, 7 Emeline Gros, 6 Charlotte Escudero, 5 Madoussou Fall, 4 Manae Feleu (c), 3 Assia Khalfaoui, 2 Agathe Sochat, 1 Annaelle Deshayes

A disposizione: 16 Élisa Riffonneau, 17 Ambre Mwayembe, 18 Clara Joyeux, 19 Gaëlle Hermet, 20 Teani Feleu, 21 Alexandra Chambon, 22 Lina Tuy, 23 Morgane Bourgeois

Italia: 15 Vittoria Ostuni Minuzzi, 14 Aura Muzzo, 13 Beatrice Rigoni, 12 Emma Stevanin, 11 Alyssa D’Incà, 10 Veronica Madia, 9 Sofia Stefan (c), 8 Ilaria Arrighetti, 7 Isabella Locatelli, 6 Sara Tounesi, 5 Giordana Duca, 4 Valeria Fedrighi, 3 Sara Seye, 2 Vittoria Vecchini, 1 Gaia Maris

A disposizione: 16 Laura Gurioli, 17 Emanuela Stecca, 18 Lucia Gai, 19 Alessia Pilani, 20 Beatrice Rigoni, 21 Alessandra Frangipani, 22 Francesca Granzotto, 23 Beatrice Capomaggi