©2023 Federazione Italiana Rugby

Gnecchi, Piardi e Vedovelli designati come arbitri nella finestra internazionale estiva

Roma – La prossima finestra estiva internazionale rappresenterà un nuovo, importante, momento per il gruppo arbitrale italiano.

Dopo la storica designazione di Andrea Piardi per la partita Irlanda-Galles nello scorso Guinness Sei Nazioni, arriva anche la prima designazione a livello internazionale per Gianluca Gnecchi – assistente del suo concittadino bresciano in diverse partite in URC – che sarà il direttore di gara in Fiji-Barbarians in calendario a Twickenham sabato 22 giugno, match in cui Federico Vedovelli sarà il secondo assistente arbitrale.

Sabato 6 luglio, a Toyota, sarà il turno di Andrea Piardi che è stato inserito nel panel arbitrale – come primo assistente – nel match tra la selezione Giappone XV e i Maori All Blacks, mentre lo stesso giorno a Ottawa Gianluca Gnecchi ricoprirà lo stesso ruolo in Canada-Scozia.

Una settimana più tardi, venerdì 12 luglio, Gnecchi dirigerà il Test Match tra USA e Scozia in programma a Washington. Un giorno più tardi, sabato 13 luglio, Andrea Piardi sarà l’arbitro di Giappone-Georgia in calendario a Sendai.

Il calendario di Gianluca Gnecchi come direttore di gara proseguirà durante l’estate prima con la direzione di gara di USA-Canada – valida per la Pacifc Nations Cup –  in programma il 31 agosto a Los Angeles (Vedovelli sarà il secondo assistente).

Sarà una finestra internazionale estiva piena di impegni per gli arbitri italiani che saranno protagonisti anche nel World Rugby U20 Championship 2024: nel panel arbitrale del Mondiale dedicato alle squadre Under 20 – in programma in Sudafrica dal 29 giugno al 19 luglio, figura il nome di Federico Vedovelli tra i direttori di gara e Matteo Liperini come TMO.

Gianluca Gnecchi designato come arbitro ai Giochi Olimpici di Parigi 2024

Roma – Arriva un nuovo, importante, riconoscimento internazionale per il gruppo arbitrale italiano.

Dopo le designazioni relative alla finestra internazionale estiva ufficializzate nella giornata di ieri, martedì 7 maggio, con Gnecchi e Piardi designati come direttori di gara nei Test Match in calendario tra giugno, luglio e Agosto, Gianluca Gnecchi è stato inserito nel panel arbitrale delle Olimpiadi in programma a Parigi dal 24 al 30 luglio.

Per il fischietto bresciano, che dirigerà gare di Rugby Seven, si tratta della prima designazione nella rassegna olimpica.

Serie A, Serie B e Under 18: classifiche e verdetti del fine settimana più decisivo dell’anno

Roma – Con i match del fine settimana si sono chiuse le fasi stagionali dei campionati di Serie A, Serie B e Under 18.

In Serie A Maschile chiudono al primo posto dei rispettivi gironi Cus Torino, Verona Rugby, Lazio Rugby e Cavalieri Prato-Sesto, pronti agli incroci di semifinale su andata e ritorno a calendario il 19 e 26 maggio.

In Serie B conquistano il primo posto nei rispettivi quattro gironi Piacenza Rugby, Romagna RFC, Rugby San Donà e La Rugby L’Aquila 2021, centrando la promozione in Serie A. Per Pro Recco, Formigine, Benevento Rugby e San Marco Veneziamestre scattano i playout salvezza.

Per quanto riguarda il campionato Under 18, accedono alle Semifinali per il titolo di Campione d’Italia Juniores Fiamme Oro v Benetton Rugby, Femi-CZ Rovigo v Rugby Experience L’Aquila. Squadra in campo con formula andata/ritorno il 12 e 19 maggio.


Si ricorda che in base alla delibera assunta dal Consiglio Federale lo scorso 27 aprile, la Serie A Élite Maschile 2024-2025 sarà formata da dieci squadre, mantenendo dunque per la stagione 2023-2024 una promozione dalla Serie A, la cui fase finale prenderà il via con il turno di semifinale il prossimo 19 maggio. 

Similmente, il blocco delle retrocessioni dalla Serie A alla Serie B comporterà un ampliamento della seconda divisione nazionale dalle attuali trentasei squadre alle quaranta previste per il 2024-2025.



La Serie B 2023-2024, infine, manterrà inalterato il numero di promozioni verso la Serie A 2024-2025, qualificando alla categoria superiore la prima classificata di ciascuno dei quattro gironi, mentre la fase di play-out tra le quattro ultime classificate di ciascun girone determinerà la retrocessione in Serie C della sola perdente del turno conclusivo.



Invariate le promozioni dalla Serie C, la Serie B 2024-2025 risulterà, di conseguenza, ampliata a cinquanta squadre partecipanti. 

Serie A Femminile, definite le due semifinali scudetto

La regular season del campionato di Serie A Femminile si è conclusa oggi e ha portato a verdetti importanti nell’ottica della seconda fase, che consta di due semifinali e una finale, che assegnerà il titolo di Campione d’Italia Serie A Femminile 2023/2024.
Ad accedere alle semifinali le vincitrici di ogni girone, a cui si aggiunge la miglior seconda classificata.
Le quattro semifinaliste saranno dunque Volvera Rugby (vincitrice del Girone 1); I Puma Bisenzio (vincitrice del Girone 2), Neapolis Campania Felix (vincitrice del Girone 3) e Lupi Frascati (miglior seconda classificata, considerato il rateo punti fatti/Incontri disputat).
Le semifinali, articolate in andata e ritorno, avranno luogo il 12 e il 19 maggio, mentre la finale si giocherà il 2 giugno. In virtù del fatto che Lupi Frascati e Neapolis Campania Felix si trovavano nello stesso girone durante la regular season, non potranno affrontarsi in semifinale.

Qui di seguito il quadro delle semifinali:
I Puma Bisenzio v Neapolis Campania Felix
Lupi Frascati v Volvera Rugby

Serie A Élite Maschile, tocca al Derby d’Italia il verdetto sulla finalista del Gruppo 2: Petrarca ok sul Mogliano, 31 a 21 con bonus dopo un match divertente fino alla fine

Padova – Il Petrarca non delude e centra vittoria e bonus contro un Mogliano confermatosi squadra di rango, mai arrendevole nemmeno sull’allungo delle tre mete iniziali dei padroni di casa, scappati via 17 a 0 prima della reazione biancoblu. 

Comincia forte il XV di casa, che testa subito la tenuta difensiva sul breakdown trovando una buona risposta di un Mogliano costretto però a lavorare duro dentro i propri 22. Al 10’ la pressione patavina trova soddisfazione, con lo scatto di Fernandez in sovrannumero al largo che vale la prima meta, poi trasformata da De Sanctis. La pressione petrarchina non cala e già nel primo quarto le occasioni di raddoppio sono almeno due, sfumate per il bel lavoro di sacrificio degli ospiti, ma al 22’ De Sanctis è feroce nel leggere la difesa disegnando un angolo di corsa chirurgico che non lascia scampo ai biancoblu, sotto per 12 a 0. I moglianesi provano a scuotersi muovendo palla in territorio padovano, ma pagano un eccesso di indisciplina nel gioco a terra e alla mezz’ora subiscono la terza marcatura pesante dopo un lungo periodo di permanenza nel cuore dei 22 avversari. Nuovamente di De Sanctis la firma, con trasformazione non riuscita per il parziale di 17 a 0. Al 35’ il match si ravviva, il Mogliano muove bene palla sul lato aperto e con ottima manualità mette Zanandrea nella condizione di schiacciare in bandierina: Ferrarin converte da posizione difficile, 17 a 7 e squadre al riposo.

Al rientro subito feroce l’impatto dei petrarchini, che con gli avanti portano palla in attacco trovando nei primi minuti la meta di Casolari, poi trasformata da De Sanctis. 24 a 7 e bonus in cassaforte, con relativo sorpasso sul Rovigo nella classifica provvisoria del girone. Al 53’ scatto d’orgoglio del XV della Marca, che trova metri sul gioco a terra portandosi sui 5 metri in attacco: il Petrarca prova a difendere ma Ceccato è bravo a divincolarsi e schiacciare sotto i pali, con Ferrarin che converte per il 24 a 14. Il Mogliano sembra aver esaurito le energie migliori e si arrocca in difesa, con il XV in maglia nera a forzare continuamente gli spazi alla ricerca della quinta meta, trovata poco prima del 65’ per mano di Montilla. Sul 31 a 14 Mogliano getta il cuore oltre l’ostacolo e con un ottimo multifase trova subito la risposta pesante, con Marini che schiaccia e Ferrarin a trasformare il 31 a 21. Con 10’ da giocare il confronto fisico si inasprisce, Mogliano alza il ritmo sul breakdown muovendo palla in campo patavino, ma la difesa è efficace e nel finale riporta il Petrarca in attacco. 

Si chiude con il penalty mandato fuori di poco da Ferrarin, ora fari puntati sul Derby d’Italia di domenica prossima: in palio, oltre all’ambita Adige Cup, l’accesso alla Finale Scudetto, in un Battaglini pronto a dare al match la migliore cornice possibile. 


SERIE A ÉLITE MASCHILE, Playoff 2023-2024
Girone 2 – II giornata
| Padova, Impianto “Memo Geremia” 
05.05.24 – kick-off ore 17.30 – diretta RaiSport/DAZN


Petrarca Rugby v Mogliano Veneto Rugby
31-21 (5-0)
Riposa: Femi-CZ Rovigo

Classifica: Petrarca Rugby* punti 5; Femi-CZ Rovigo* 4; Mogliano Veneto 0
*una partita in meno

I Giornata – 28.04.24
Femi-CZ Rovigo v Mogliano Veneto Rugby 29-12 (4-0)


Play-off – III e ultima giornata

Girone 1 – 11.05.24 – ore 17.00
Rugby Viadana 1970 v Valorugby Emilia

Girone 2 – 12.05.24 – ore 17.00

Femi-CZ Rovigo v Petrarca Rugby


Il tabellino del match:

Padova, Centro Sportivo Memo Geremia, Petrarca Rugby – Domenica 05 maggio 2024
Serie A Élite, Play-off, II Giornata

Petrarca Rugby v Mogliano Veneto Rugby 31-21 (5-0)

Marcatori: P.T. 9′ M Fernandez (5-0), 10′ TR De Sanctis (7-0), 21′ M De Sanctis (12-0),  30′ M De Sanctis (17-0), 34′ M Zanandrea (17-5), 35′ TR Ferrarin (17-7). S.T. 4′ M Casolari (22-7), 5′ TR De Sanctis (24-7), 12′ M Ceccato (24-12), 13′ TR Ferrarin (24-14), 24′ M Montilla M (29-14), 25′ TR Fernandez (31-14), 27′ M Marini (31-19), 28′ TR Ferrarin (31-21).

Petrarca Rugby: De Sanctis (60′ Citton); Fou (60′ Scagnolari), De Masi (70′ Botturi), Broggin, Bellini; Fernandez, Tebaldi; Vunisa (48′ Ghigo), Nostran, Casolari (60′ Michieletto); Trotta, Galetto; Bizzotto (53′ Montilla M), Luus (53′ Montilla T), Borean (60′ Brugnara).
Head Coach: Andrea Marcato

Mogliano Veneto Rugby: Avaca G.; Zanandrea (75′ Garbisi), Va’Eno, Zanatta (62′ Vanzella), Dal Zilio; Ferrarin, Battara (53′ Fabi); Kingi (62′ Zanatta), Grant (53′ Marini), Finotto (58′ Brevigliero); Baldino, Carraro; Ceccato (53′ Avaca E), Sangiorgi (53′ Frangini), Aminu (60′ Gentile).
Head Coach: Marco Caputo


Arbitro: Filippo Russo (62′ Clara Munarini)
Assitenti: Clara Munarini (62′ Filippo Russo) e Alex Frasson
Quarto Uomo: Francesco Meschini
TMO: Giuseppe Vivarini


Cartellini: nessuno
Calciatori: De Sanctis 2/4 (PET); Ferrarin 3/3 (MOG); Fernandez 1/2 (PET)
Player of the match: Andrea Trotta (Petrarca Rugby)
Note: PT 17-7. Giornata assolata, campo in ottime condizioni. Spettatori presenti 910.
Punti classifica: Petrarca Rugby 5; Mogliano Veneto Rugby 0

Serie A Élite Maschile, il Valorugby impone la legge del Mirabello e fa suo per 22 a 17 il derby contro un coraggioso Colorno

credit foto: VALORUGBY/Daniel Cau

Roma – Non riesce l’impresa disperata al volitivo Colorno di coach Casellato, che chiude il suo ciclo triennale in biancorosso fermandosi al girone di playoff di fronte ad un Valorugby sceso in campo fin dal primo minuto con tutta l’intenzione di evitare regali ai “cugini” parmensi. Per il XV di coach Violi 4 punti che non bastano a raggiungere il Viadana in cima alla classifica del Girone: tra sette giorni lo scontro diretto in uno “Zaffanella” che si preannuncia gremito, in palio l’unico biglietto disponibile per volare alla Finale del 2 Giugno.

Prima frazione ruvida, con il Valorugby deciso a farsi sentire fisicamente nelle fasi di conquista e sul breakdown, ed il Colorno che tiene il campo con carattere provando a costruire il suo consueto rugby a ritmi alti: rompono il ghiaccio i padroni di casa, con Ledesma che centra i pali da penalty assegnato al minuto 10. La reazione dei parmensi è consistente, e al 19’ Van Tonder vola in meta dopo un’ottima combinazione al largo dei suoi. Pescetto converte, i reggiani alzano il ritmo difensivo e sulla pressione trovano la loro prima meta, a firma Bertaccini che finalizza al meglio un contrattacco scaturito da un errore dello stesso Pescetto. La gara è tesa ed equilibrata, con Pescetto protagonista nel bene e nel male: il giallo rimediato al 35’ è pesante e frutta subito al Valorugby la meta di Silva, trasformata da Ledesma, che manda in archivio la prima frazione sul parziale di 15 a 10.

Al rientro il XV di Casellato è subito pericoloso, consapevole che gli ultimi 40 minuti sono lo spartiacque tra la fine della stagione e la speranza di poterla tenere ancora in vita: il tentativo di limitare l’impatto fisico degli avversari riesce solo in parte, Gnecchi annulla con il TMO la meta che avrebbe potuto dare un’inerzia diversa e all’ingresso nell’ultimo quarto sono le maglie granata a marcare nuovamente con Colombo, scavando il +12 che mette in sicurezza il ritorno colornese. Nel finale le due squadre pagano la stanchezza tenendo il gioco dentro un perimetro più stretto, con Capitan Renton (poi Player of the Match) a tenere saldamente in mano la regia della gara: Casellato si sbraccia dalla panchina incitando la squadra a cercare la meta anche a tempo ormai scaduto, meta che arriva a firma Chacan a chiusura di una bella iniziativa dei trequarti sul lato destro già in extra-time. 

Domani pomeriggio il derby veneto tra Petrarca e Mogliano chiude il secondo turno di semifinale: kick-off al “Memo Geremia” alle 17:30, con diretta simulcast Rai Sport/DAZN.


SERIE A ÉLITE MASCHILE, Playoff 2023-2024

Girone 1 – II giornata
04.05.24, kick-off ore 17.00 – diretta simulcast RaiPlay/DAZN
- differita RaiSport 01:30
Valorugby Emilia v HBS Colorno 22-17 (4-1)
Riposa: Rugby Viadana 1970


Classifica: Rugby Viadana 1970* punti 5; Valorugby Emilia* 4; HBS Colorno 1 
*una partita in meno


I Giornata – 27.04.24

Rugby Viadana 1970 v HBS Colorno 33-10(5-0)

Girone 2 – II giornata

05.05.24 – kick-off ore 17.30 – diretta RaiSport/DAZN

Petrarca Rugby v Mogliano Veneto Rugby

Riposa: Femi-CZ Rovigo


Play-off – III e ultima giornata

Girone 1 – 11.05.24 – ore 17.00

Rugby Viadana 1970 v Valorugby Emilia

Girone 2 – 12.05.24 – ore 17.00

Femi-CZ Rovigo v Petrarca Rugby


Il tabellino del match:

Reggio Emilia, Stadio “Mirabello” – sabato 4 maggio 2024, ore 17.00
PLAY OFF SERIE A ÉLITE MASCHILE, II giornata – Girone 1 
diretta simulcast RAI PLAY/DAZN e differita alle ore 18.00 su RAI SPORT

Valorugby Emilia v HBS Colorno 22–17 (4-1)

Marcatori: PT 10’ c.p. Ledesma (3-0); 19’ m. Van Tonder tr. Pescetto (3-7); 27’ m. Bertaccini (8-7); 32’ c.p. Pescetto (8-10); 36’ m. Silva tr. Ledesma (15-10). ST  61’ m. Colombo tr. Ledesma (22-10), 80’ m. Cachan tr. Pescetto (22-17).

Valorugby Emilia: Farolini; Resino, Bertaccini, Majstorovic (67’ Tavuyara), Colombo (70’ Mastandrea); Ledesma, Renton (C); Ruaro (45’ Paolucci), Sbrocco, Amenta (64’ Cenedese); Du Preez (62’ Gerosa), Dell’Acqua; Favre (62’ Mattioli), Silva (41’ Marinello), Diaz (67’ Rimpelli Dan).
Head Coach: Marcello Violi

HBS Colorno: Van Tonder (C – 64’ Palazzani); Batista, Pavese, Waqanibau (40’- 42’ Manfrini) (74’ Manfrini), Abanga; Pescetto, Del Prete; Broglia (73’ Roldan), Popescu, Adorni (55’ Van Vuren); Ruffolo (70’ Cachan), Butturini; Tangredi (54’ Galliano), Ferrara (63’ Rosario), Franceschetto (70’ Ascari). 

Head Coach: Umberto Casellato

Arbitro: Gianluca Gnecchi
Assistenti: Federico Vedovelli e Filippo Bertelli
Quarto uomo: Alberto Favaro
TMO: Matteo Liperini

Cartellini: 35’ giallo a Pescetto (HBS Colorno); 60’ giallo a Popescu (HBS Colorno)
Calciatori: Ledesma (Valorugby Emilia) 3/4; Pescetto (HBS Colorno) 2/4
Note: PT 15-10. Giornata serena, circa 19°, campo in ottime condizioni. Spettatori circa 1.200
Punti classifica: Valorugby Emilia 4;  HBS Colorno 1
Player of the Match: Josh Renton (Valorugby Emilia)

Serie A Élite Maschile, Petrarca all’esordio nel Girone 2 di semifinale: domenica derby senza rete contro il Mogliano Veneto

Roma – Petrarca e Mogliano tornano ad affrontarsi al “Memo Geremia” di Padova dopo l’incontro vinto non senza fatica dal XV di Marcato in occasione dell’ultimo turno di regular-season.

L’esordio dei patavini nel Girone 2 di playoff è fissato per domani, domenica 5 maggio, con kick-off alle 17:30 in diretta simulcast Rai Sport e DAZN.

Gara senza appello per il Mogliano Veneto di coach Caputo, che dopo la buona prova chiusasi però con una sconfitta al “Battaglini” di Rovigo lo scorso fine settimana non ha alternative alla vittoria più larga possibile per restare in potenziale corsa verso la Finale per il titolo del 2 Giugno. Speculare la motivazione del Petrarca, che deve passare per una vittoria prima di approcciare il Derby d’Italia esterno con i Bersaglieri di domenica 12 maggio, giocandosi a quel punto l’all-in per la sfida-Scudetto.

I bianconeri devono rinunciare ancora al talento di Lyle, fermo ai box per infortunio, schierando De Sanctis ad estremo, per un triangolo arretrato estremamente pericoloso chiuso dalle ali Fou e Bellini. Chiavi della regia affidate al consolidato duo Tebaldi-Martinez, mentre davanti Vunisa parte da Numero 8 con Capitan Trotta in seconda linea a far reparto con Galetto.

Rispondono i trevigiani confermando la stella emergente Jadin Kingi in terza centro, mentre in prima linea Ceccato e Aminu vanno ad ingaggiare con il tallonatore Sangiorgi, preferito a Frangini – pronto al subentro dalla panchina – per la maglia numero 2. Torna dal primo minuto l’ex Azzurrino Battara in mediana, con Ferrarin apertura pronto a gestire la coppia Zanatta-Va’Eno ai centri.

Direzione di gara affidata a Filippo Russo, assistito da Clara Munarini e da Alex Frasson.


SERIE A ÉLITE MASCHILE, Playoff 2023-2024

Girone 2 – II Giornata
 | Padova, Impianto “Memo Geremia” 
05.05.24 – kick-off ore 17.30 – diretta RaiSport/DAZN

Petrarca Rugby v Mogliano Veneto Rugby

Riposa: Femi-CZ Rovigo

Classifica: Femi-CZ Rovigo punti 4; Mogliano Veneto e Petrarca Rugby* 0
*una partita in meno

I Giornata – 28.04.24
Femi-CZ Rovigo v Mogliano Veneto Rugby 29-12 (4-0)


Girone 1 – II giornata

04.05.24, kick-off ore 17.00 – diretta simulcast RaiPlay/DAZN
- differita RaiSport 01:30
Valorugby Emilia v HBS Colorno
Riposa: Rugby Viadana 1970


Classifica: Rugby Viadana 1970 punti 5; HBS Colorno e Valorugby Emilia* 0
*una partita in meno


Play-off – III e ultima giornata

Girone 1 – 11.05.24 – ore 17.00

Rugby Viadana 1970 v Valorugby Emilia

Girone 2 – 12.05.24 – ore 17.00

Femi-CZ Rovigo v Petrarca Rugby


Le ultime dalle sedi:

Petrarca Rugby v Mogliano Veneto Rugby

Petrarca Rugby: De Sanctis; Fou, De Masi, Broggin, Bellini; Fernandez, Tebaldi; Vunisa, Nostran, Casolari; Trotta, Galetto; Bizzotto, Luus, Borean
A disposizione: Brugnara, Montilla T., Montilla M., Ghigo, Michieletto, Botturi, Citton, Scagnolari 
Head Coach
: Andrea Marcato

Mogliano Veneto Rugby: Avaca G.; Peruzzo, Va’Eno, Zanatta, Dal Zilio; Ferrarin, Battara; Kingi, Grant, Finotto; Baldino (C), Carraro; Ceccato N., Sangiorgi, Aminu
A disposizione: Frangini, Gentile, Avaca E., Brevigliero, Marini, Fabi, Zanandrea, Vanzella
Head Coach: Marco Caputo

Arbitro: Filippo Russo
Assistenti: Clara Munarini e Alex Frasson
Quarto uomo: Francesco Meschini
TMO: Giuseppe Vivarini


Andrea Marcato, Head Coach Petrarca Rugby: “Non vediamo l’ora di scendere in campo, sarà una partita fondamentale perché questa formula dei playoff non ti permette di sbagliare.  Giochiamo in casa, e sarà anche l’ultima partita della stagione al ‘Centro Geremia’. Speriamo ci siano tanti tifosi a sostenerci. È vero che abbiamo incontrato Mogliano poche settimane fa, ma ora è diverso. Una sfida importantissima, l’abbiamo preparata bene, schieriamo la miglior formazione possibile, e tutti si sono allenati col massimo impegno. Il mio plauso però va soprattutto ai giocatori non selezionati, che con il loro apporto permettono a chi scenderà in campo di arrivare all’appuntamento nella miglior condizione possibile. Come sempre vogliamo esprimere il nostro gioco migliore e vedere in questa parte finale di stagione il Petrarca più bello”.

Marco Caputo, Head Coach Mogliano Veneto Rugby: “Ancora una volta giochiamo in casa di uno dei giganti della storia del rugby italiano. Conosciamo bene i loro punti di forza e il loro stile di gioco. Tutte le partite di questa stagione contro di loro sono state molto strette nel punteggio e molto competitive. Abbiamo analizzato i nostri difetti visti a Rovigo domenica scorsa e sì, dobbiamo migliorare ovviamente in alcune aree, ma sappiamo anche che è quasi impossibile vincere qualsiasi partita a qualsiasi livello, figuriamoci in una semifinale contro i Campioni d’Italia, quando si viene sanzionati con 24 falli e 4 cartellini gialli. Speriamo di avere maggior fortuna ma in ogni caso lavoreremo sulla disciplina per evitare situazioni simili e faremo tutto il possibile per ottenere un risultato positivo contro Padova. Siamo fiduciosi che chiunque avrà il privilegio di indossare la nostra maglia domenica, in una semifinale scudetto, darà il massimo. Abbiamo bisogno di 23 giocatori pronti a scendere in campo credendo nel nostro stile di gioco e pronti a combattere fino al fischio finale”.

Serie A Élite Maschile, secondo turno playoff: Valorugby al debutto casalingo, Colorno senza appello nel derby del Mirabello. Domenica a Padova la sfida tra Petrarca e Mogliano Veneto

Roma – Vittoria, bonus e più punti possibili da mettere a riserva in caso di calcoli da classifica avulsa. Sono questi i tre obiettivi del Colorno di coach Casellato alla vigilia del derby di Reggio Emilia contro i “Diavoli” del Valorugby: la rotonda sconfitta nel match dello scorso fine settimana a Viadana non regala infatti alternative ai biancorossi, costretti ad alzare drasticamente l’asticella del proprio standard per opporsi al XV reggiano e tenere minimamente acceso il lumicino delle speranze legate alla qualificazione alla Finale del 2 giugno. Lo staff colornese punta sul rientro tra i titolari di Ruffolo e Waqanibau, con Pescetto a sostituire l’infortunato Hugo in cabina di regia. Esordio assoluto nel massimo campionato per il Riccardo Manfrini, giovane talento su cui il Club punta molto.

Di fronte, le aspettative del Valorugby Emilia, che nel finale in crescita della stagione regolare sta costruendo forti aspettative in proiezione tricolore, confermate dall’annunciato pubblico delle grandi occasioni sulle tribune reggiane: nel disegno della squadra Renton indossa i gradi di Capitano, con Majstorovic regolarmente titolare al centro così come il potente Du Preez in seconda linea. Panchina iniziale per Tavuyara, pronto a subentrare nelle fasi decisive del match.

Kick-off allo Stadio Mirabello di Reggio Emilia alle 17:00: diretta streaming in simulcast su RaiPlay e DAZN, mentre Rai Sport trasmetterà il confronto in differita notturna sul digitale terrestre alle 01:30, con direzione della gara affidata all’internazionale Gianluca Gnecchi.

Per quanto riguarda il Girone 2, domenica pomeriggio entra in scena il Petrarca Rugby, opposto tra le mura amiche al Mogliano Veneto reduce dalla sconfitta non senza aspetti positivi nella gara d’esordio dello scorso weekend contro la Femi-CZ Rovigo.



SERIE A ÉLITE MASCHILE, Playoff 2023-2024

Girone 1 – II giornata
04.05.24, kick-off ore 17.00 – diretta simulcast RaiPlay/DAZN
- differita RaiSport 01:30
Valorugby Emilia v HBS Colorno
Riposa: Rugby Viadana 1970


Classifica: Rugby Viadana 1970 punti 5; HBS Colorno e Valorugby Emilia* 0
*una partita in meno

I Giornata – 27.04.24

Rugby Viadana 1970 v HBS Colorno 33-10
 (5-0)


Girone 2 – II giornata

05.05.24 – kick-off ore 17.30 – diretta RaiSport/DAZN

Petrarca Rugby v Mogliano Veneto Rugby

Riposa: Femi-CZ Rovigo

Play-off – III e ultima giornata

Girone 1 – 11.05.24 – ore 17.00

Rugby Viadana 1970 v Valorugby Emilia

Girone 2 – 12.05.24 – ore 17.00

Femi-CZ Rovigo v Petrarca Rugby


Le ultime dalle sedi:

Valorugby Emilia v HBS Colorno

Valorugby Emilia: Farolini; Resino, Bertaccini, Majstorovic, Colombo; Ledesma, Renton (C); Ruaro, Sbrocco, Amenta; Du Preez, Dell’Acqua; Favre, Silva, Diaz. 
A disposizione: Marinello, Rimpelli Dan., Mattioli, Gerosa, Paolucci, Tavuyara, Cenedese, Mastandrea
Head Coach: Marcello Violi

HBS Colorno: Van Tonder (C), Batista, Pavese, Waqanibau; Ceballos; Pescetto, Del Prete; Koffi, Mbanda, Adorni; Ruffolo, Butturini; Tangredi, Ferrara, Franceschetto
A disposizione: Rosario, Ascari, Galliano, Van Vuren, Broglia, Popescu, Palazzani, Manfrini
Head Coach: Umberto Casellato

Arbitro: Gianluca Gnecchi
Assistenti: Federico Vedovelli e Filippo Bertelli
Quarto uomo: Alberto Favaro
TMO: Matteo Liperini

Marcello Violi, Head Coach Valorugby Emilia: “Stiamo bene e non vediamo l’ora di andare in campo. In queste settimane abbiamo lavorato duramente, cercando di perfezionare la nostra strategia di gioco e studiando le migliori mosse per arginare l’avversario Colorno. Come dico sempre, l’obiettivo è divertirci e divertire. Se riusciremo a farlo, sono fiducioso che arriverà anche la vittoria”.

Umberto Casellato, Head Coach HBS Colorno: “Scenderemo in campo domani con l’obiettivo di dimenticare Viadana. La settimana scorsa abbiamo giocato una brutta partita, tradendo prima di tutto le nostre aspettative e in seconda battuta anche quelle del club e dei tifosi. Cercheremo la rivincita con Valorugby, con l’obiettivo di tenere accesa una piccola speranza di arrivare in finale. Non avremo niente da perdere, proveremo a fare la nostra partita senza fare calcoli, mangiando l’erba per 80 minuti”.

Cittadini, l’ultimo urrà

Cercare su Wikipedia alla voce “Lorenzo Cittadini” significa trovarsi di fronte a una falsa informazione: ex-giocatore di rugby.
Per il momento e per le prossime ore il Citta è un giocatore di rugby: nel fine settimana sarà in prima linea – dove sennò? -, in Brixia-Trento. Una piccola partita, l’ultima, per un gigante che con la sua presenza la rende importante, da non perdere.

Gli addii sono sempre commoventi, nel senso che smuovono i sentimenti, fanno riaffiorare i ricordi che, per chi non è lontano dai 42 anni, sono tanti.
Cittadini, pilone di alta statura, forte come un toro, poteva diventare un lanciatore di peso o di disco e in un caso o nell’altro avrebbe spedito lontano la boccia da 7 chili e il “piatto” da due chili. Grosso come un sudaricano, con trascurabile massa grassa, perfetto per spingere, svellere, destabilizzare quello che si trova di fronte a lui. Capace di risollevarsi da un incidente drammatico (frattura molto scomposta di tibia e perone) che qualcun altro avrebbe trasformato in buona giustificazione per la resa.


Da quel fulmine che ha colpito il tronco ma non lo ha abbattuto, Lorenzo ha preso una nuova rincorsa che, da Calvisano (dove aveva conquistato uno scudetto), lo ha portato a Treviso (un altro titolo), negli Wasps londinesi, a Bayonne, famosa in Francia per il rugby e per il prosciutto cotto, allo Stade Français.
In questi anni di  pellegrinaggio, la collezione di maglie azzurre che alla fin della tenzone sono state 58. Cittadini del vecchio gioco come Lorenzo ce ne sono stati pochi.

Sei Nazioni Femminile, Alyssa D’Incà candidata anche per il premio “Try of the Tournament”

La seconda meta siglata da Alyssa D’Incà contro la Francia nella gara dello Stade Jean Bouin del 14 aprile scorso figura tra le candidate per il premio “Try of the Tournament”, che incorona ogni anno la meta più bella del Sei Nazioni Femminile.
È la seconda candidatura per il centro/ala di Villorba, dopo quella per il Player of the Tournament, riconoscimento per la miglior giocatrice del Torneo.

La corsa di D’Incà verso la meta, è candidata assieme alla marcatura della francese Annaëlle Deshaye nella stessa partita, a quella di Ellie Kildunne con il Galles e a quella di Abby Dow con l’Irlanda.

Si potrà votare fino alle 23 del 9 maggio a questo link.

Se si vuole invece votare per il premio “Player of the Tournament” si potrà fare a questo link (per questo premio la scadenza è alle 23 del 7 maggio).