CONCLUSO A GERT (BELGIO) IL 4° MEETING MIX.A.R. PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Venerdì 07 Giugno 2019 11:51

Mixar

Dal 5 al 7 giugno si è svolto a Gent (Belgio) il quarto e penultimo meeting di MIX.A.R., acronimo di Mixed Ability Rugby for All e del quale FIR è capofila, un progetto che ha lo scopo di sviluppare un rugby integrato per persone con disabilità cognitive giocando full-contact.

Ospiti del Rugby Vlaanderen, ovvero la Rugby Union delle Fiandre, tutti i partner europei si sono ritrovati per valutare i processi del lavoro iniziato oltre un anno fa e l'impatto che questi stanno avendo nelle rispettive realtà nazionali.

Come evento collaterale alla riunione prettamente amministrativa, c'è stato un torneo internazionale di Mixed Ability con diverse squadre provenienti dall'Italia, dall'Inghilterra e dall'Irlanda, con i club partner del progetto (Rugby Chivasso, Sunday' Well Rebels e i Bumbles targati Imas) principali protagonisti.

Ogni partner ha organizzato o organizzerà nei prossimi mesi un proprio torneo nazionale dove poter disseminare le best practices apprese dalle diverse esperienze che nei precedenti appuntamenti di Salamanca (Spagna), Bradford (Inghilterra) e Cork (Irlanda) sono state condivise. In Italia questa iniziativa si è avuta lo scorso 18 maggio con i diversi club della rete italiana di rugby integrato che si sono ritrovati a Pontedera per il torneo che ha visto partecipi 7 team provenienti da 6 regioni: Pontedera, Colorno, Cremona, Roma, Bari, Trevsio e Sieci. Un momento particolarmente emozionante e formativo che ha visto anche la partecipazione del responsabile del Rugby di Base e coordinatore del progetto MIX.A.R. Daniele Pacini.

Il prossimo step del progetto riguarderà il meeting conclusivo di Roma, in programma dal 7 al 9 novembre 2019, nel quale oltre ad un torneo conclusivo con partecipati almeno una formazione per ogni partner si valuterà la disseminazione dei valori del progetto, riguardanti la partecipazione e l'inclusione.

GUARDA IL VIDEO DEDICATO AL PROGETTO MIX.A.R.
Realizzato da FIR in collaborazione con Irida Produzioni e con la partecipazione di tutti gli stakeholders coinvolti del Progetto MIXAR, il filmato mira ad informare in modo chiaro e fattuale circa le finalità del percorso avviato dalla Federazione per sviluppare, con il contributo di tutti gli stakeholders presentati nel video, un programma di formazione per allenatori al fine di promuovere il modello Mixed Ability, fondato sull'interazione di atleti di tutte le abilità nel gioco del rugby a pieno contatto.

 

 

 
LA FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMIATA AL FESTIVAL DEL CINEMA SPORTIVO DI NIZZA PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Giovedì 30 Maggio 2019 10:02

 

MixarRoma – L’inclusività del gioco come tratto caratterizzante del rugby e parte integrante della visione del rugby di FIR, da due anni alla guida del progetto europeo MIXAR, mirato a sviluppare un programma di formazione per allenatori per promuovere il modello Mixed Ability, fondato sull'interazione tra giocatori con diverse capacità cognitive su base paritaria nel gioco del rugby a pieno contatto.

Leggi tutto...
 
REBECCA BRAGLIA, IL 7 GIUGNO CONVEGNO SULLA SICUREZZA DEL GIOCO A PARMA PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Giovedì 16 Maggio 2019 13:01

e522b7ae-4e22-11e8-9a71-b4d79182be98 rebecca braglia-kgkE-U11106864946650OD-1024x576LaStampa.itRoma – Un convegno per continuare a formare ed a sensibilizzare il movimento, in tutte le sue componenti, alla tutela del player welfare ed alla centralità della corretta applicazione delle procedure volte a garantire la sicurezza dei partecipanti.

Venerdì 7 giugno, presso il Teatro Cinghio di Parma, la Commissione Medica Federale di FIR organizza il convegno “Rugby: spettacolo e sicurezza, il giusto equilibrio”.

Il convegno abbraccerà molteplici temi legati al player welfare, alla tutela della salute degli atleti, alla sicurezza sul campo da gioco, alla corretta gestione – in particolare – dei traumi cranici ed all’utilizzo delle modalità più appropriate di applicazione dei protocolli sviluppati da World Rugby.

Leggi tutto...
 
PROGETTO OLTRE META A FANO L'11 E 12 MAGGIO PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Martedì 07 Maggio 2019 13:55

 

programma fanoOltre la meta, progetto-evento che avrà luogo l’11 e il 12 maggio presso il Campo Rugby di Fano, nasce con la volontà di restituire al territorio quanto emerso a seguito di un lavoro di sensibilizzazione sul Mixed Ability effettuato nei 5 mesi precedenti al fine di costruire una rete a livello regionale.

La due giorni, promossa dal Fano Rugby e Urbino Rugby con Libera.Mente Onlus e l’Associazione Omphalos – Autismo & Famiglie, ha ottenuto il patrocinio della Fir e del Comitato Regionale Marche, e vedrà la partecipazione dei Romanes Wheelchair Rugby Roma e degli Atipici Rugby Bari.

Il progetto-evento alternerà momenti di gioco a momenti di approfondimento e riflessione sul Mixed Ability, con l’intervento di Massimo Cavallin, educatore psichiatrico e referente del progetto di rugby integrato “ASD Zebre Gialle” e Mauro D’Alonzo, psichiatra e referente Atipici Rugby.

Per il programma dell’evento clicca qui https://www.facebook.com/oltrelametarugby/ 

 

 
1° TROFEO INTERNAZIONALE DI RUGBY "UNA META PER LA VITA" PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Martedì 07 Maggio 2019 13:50

una meta per la vitaLo Sport non è solo disciplina, allenamento e competizione: lo Sport è prima di tutto solidarietà, onestà e rispetto per gli altri. Questi sono i valori che vuole promuovere il Rugby Valledora attraverso il 1° Trofeo Internazionale di Rugby “Una meta per la vita” che si svolgerà il 12 maggio a Rivoli, allo Stadio “Giulio Natta” della UISP.  

L’obiettivo - attraverso l’organizzazione di questo Trofeo Internazionale - è coinvolgere, sensibilizzare e mobilitare il maggior numero di cittadini, le Istituzioni e tutti i protagonisti del mondo sportivo, con il fine di sostenere un progetto di solidarietà aiutando anche tanti giovani che soffrono ancora la fame e vivono in condizioni di esclusione sociale e di estrema povertà.

Il Trofeo, che vede quale Capofila organizzatore il Rugby Valledora, vedrà il coinvolgimento della squadra ASD Le Rose Nere insieme ad altre realtà rugbistiche che, grazie ai loro rispettivi Presidenti, hanno dato vita ad importanti squadre di giovani rifugiati, ragazzi che inseguono i rimbalzi imprevedibili di una palla ovale e di una vita migliore.

Questa importante iniziativa sportiva può realizzarsi grazie ad un percorso parallelo fra ASD Le Rose Nere di Rugby, il Rugby VALLEDORA e diverse realtà rugbistiche presenti non solo in Piemonte ma anche in altre Regioni italiane come I DIAVOLI ROSSI di Varese e gli AMATORI Genova per migliorare, attraverso mirati interventi a difesa di beni preziosi quali l’acqua, la salute, l’istruzione, il lavoro, l’esistenza di giovani vite in vista di un futuro migliore: portare acqua potabile dove ancora non c’è; strutture sanitarie dove, come in Burkina Faso, ancora si può morire per malattie semplici ma che diventano letali per mancanza di medici; l’istruzione per offrire corsi di studio che migliorino il futuro di tanti ragazzi in edifici sicuri e con materiale scolastico adeguato; il lavoro per donare indipendenza, mettendo a disposizione professionisti e appoggiando nuovi progetti per l'emancipazione femminile favorendo studio e lavoro delle donne.

Leggi tutto...
 


Pagina 6 di 28
 

banner-community-2019

seguici su Spotify


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito