©2023 Federazione Italiana Rugby

Torna indietro

Brunello dopo la Francia: “Successo importante, ma il Torneo sarà un’altra storia”

Italia U 20 Italia U20 Italia U20 maschile |

brunello confstaIl c.t. della Nazionale Under 20 torna sul match di Viadana vinto contro i Campioni del Mondo, attesa per le convocazioni dei primi due turni del Sei Nazioni

A poco più di 24 ore dal fischio finale di Italia-Francia, il tecnico della Nazionale U20 Massimo Brunello commenta il successo dello Zaffanella allargando la prospettiva sull’imminente esordio nel Torneo 2024, in programma a Treviso il prossimo 2 Febbraio contro l’Inghilterra.

Certo il risultato ci fa piacere, ma l’obiettivo principale di questo test con la Francia era verificare il nostro sistema di gioco e l’atteggiamento dei ragazzi a questo livello. Francamente ci sarebbe piaciuta una partita con più ritmo e più situazioni di attacco e di difesa, ma causa le condizioni meteo il confronto è stato tecnicamente più modesto di quello che entrambe le squadre cercavano”.

Sul piano dell’attitudine e del combattimento possiamo dire che abbiamo avuto le risposte che cercavamo, e come dopo l’Irlanda questo è motivo di grande soddisfazione, concludendo al meglio il periodo di preparazione finalizzato al Sei Nazioni. Ovviamente, siamo pienamente consapevoli che la Francia affrontata sabato non sarà la stessa squadra che troveremo a Béziers tra qualche settimana, però si tratta pur sempre di una vittoria contro i tre volte Campioni del Mondo, e credo che tutto il rugby italiano debba andarne fiero“.

Il difficile arriva ora, nella scelta dei 26 giocatori per le prime due giornate: avendo condiviso questi ultimi mesi con un gruppo allargato di 40 ragazzi, tutti meritevoli di farne parte, non sarà piacevole fare delle scelte, ma la competizione è lunga, e lo spazio non mancherà anche per chi inizialmente non sarà convocato.

Siamo impazienti di giocare a Treviso contro l’Inghilterra, è sempre un piacere respirare l’atmosfera magica del Sei Nazioni a Monigo, e dopo le due amichevoli di Dublino e di Viadana sappiamo di andare ad affrontare quella sfida con più consapevolezza sul nostro potenziale e sulla nostra identità, un mix di umiltà, coraggio, spirito di sacrificio e orgoglio nel vestire la maglia Azzurra”.