FIR, NUOVI PARAMETRI PER CONTRIBUTI AL RUGBY DI BASE PER IL 2022 Stampa
La FIR Informa
Venerdì 18 Febbraio 2022 20:20

PROGETTUALITA’ MIRATE E PARAMETRI MISURABILI PER COMITATI E CLUB
  • Strumenti e risorse adeguati ai singoli territori
  • investimenti mirati per il mixassimo rendimento di ogni Regione e Club
  • Graduatoria per l’allocazione delle risorse
  • Monitoraggio costante degli investimenti in tutta Italia
  •  
    La Federazione Italiana Rugby prosegue nel proprio percorso di coinvolgimento e supporto attivo all’attività rugbistica di base definendo una nuova progettualità per un’allocazione mirata delle risorse economiche dedicate ai Comitati Regionali ed alle Società nel 2022.  
     
    Dall’1 luglio, attraverso l’identificazione di parametri misurabili, criteri oggettivi e l’applicazione di coefficienti derivanti dall’analisi dei dati forniti da Comitati e Club relativi all’attività svolta nelle singole categorie e dalla profondità della struttura societaria FIR darà vita a una graduatoria che determinerà l’allocazione di contributi variabili per supportare le progettualità delle realtà di base.
     
    I Comitati Regionali manterranno inalterati i propri costi di funzionamento, ma potranno accedere ad ulteriori risorse - per un totale di 270.000€ - attraverso lo sviluppo di progetti orientati a potenziare le attività a supporto dei club, la formazione e lo sviluppo di giocatori e giocatrici, mentre i Club avranno a disposizione un totale di 630.000€ da assegnare attraverso bandi promossi dalla FIR con la collaborazione dei Comitati Regionali sia nell’ambito dell’attività sportiva che del reclutamento di atleti, allenatori, dirigenti, operatori di società.
     
    Una somma che sarà destinata a progetti la cui efficacia potrà essere misurata, contribuendo a stilare una graduatoria di Comitati, Delegazioni e Club, per garantire le giuste risorse ai territori in base alle capacità di crescita degli stessi. 
     
    Francesco Urbani, Responsabile del Rugby di Base, ha dichiarato: “La Federazione vuole sviluppare i propri investimenti sui territori e misurarli in modo efficace, offrendo a ogni singola realtà la possibilità e gli strumenti per crescere e valorizzare il proprio operato. Con questo nuovo progetto di allocazione delle risorse per le nostre strutture periferiche e per i Club poniamo le basi per avere ancor più chiaro dove investire e per poter misurare in modo tangibile il ritorno d’investimento per tutto il rugby italiano”.

    Dal 31 marzo avrà inizio l’avvio di raccolta dei dati e delle progettualità, che si protrarrà sino al 31 maggio. La graduatoria dei singoli progetti e la conseguente allocazione dei contributi verrà pubblicata su federugby.it il 15 luglio.