ALLRUGBY, IL NUMERO 152 E L'ALLENAMENTO DELL'INTENSITA' Print
Sala Stampa
Monday, 09 November 2020 09:08
There are no translations available.

allrugbynovembreduemilaventiL'intensità appare come un principio cardine del rugby moderno ma di così si tratta? Come si allena, si valuta, si valorizza? Ne abbiamo parlato con Michele Colosio, responsabile della preparazione a Bordeaux, Riccardo Di Maio, responsabile analisi dati della Fir, Mauro Bergamasco, icona azzurra e voce di DAZN, Cristiano Durante, responsabile della preparazione atletica del Calvisano. Arricchisce il dibattito un articolo di Luciano Ravagnani del lontano 1971, a testimonianza di un dibattito mai pienamente risolto.

A seguire, spazio ai giovani con Paolo Garbisi e Jacopo Trulla, in pochi mesi passati dai club di Eccellenza alla Nazionale.

Due contenuti legati all’Emisfero sud: una lunga conversazione con Yarnie Guthrie, Head of Commercial Sales di New Zealand Rugby, per scoprire sacrifici e piani per il futuro dei migliori del mondo nel post - almeno per loro - pandemia. E una riflessione a cura di Paolo Ricci Bitti sui campioni del mondo degli Springboks: non scendono in campo dalla finale giapponese, si sono autoesclusi dal Rugby Championship per le note vicende sanitarie, e non hanno ancora chiarito se il loro futuro ovale sarà nel sud o nel nord del mondo.

Luciano Ravagnani riflette sull’addio al massimo campionato di un club storico come il San Donà, argomento trattato anche nelle interviste a Ugo Pierato, ex allenatore dei biancazzurri, e Giancarlo Pivetta, pilone della Nazionale e ora coach in Serie B del glorioso club.

Oltre alle consuete rubriche di Giancarlo VolpatoMaurizio Vancini e Giorgio Cimbrico, la coda di Allrugby 152 ospita un ritratto delle Fiji, avversario autunnale degli azzurri, la storia di Valerio Lo Sasso, ex Lazio ora in Division de Honor in Spagna, Clara Munarini, intervistata da Giacomo Bagnasco. 

Infine una bella pagina di storia azzurra: sono passati 20 anni da Italia-Nuova Zelanda al Ferraris di Genova. Per la prima volta un match di rugby superò quota un miliardo al botteghino.