SUDAFRICA v ITALIA, DALLA PRIMA VOLTA ALL'OLIMPICO ALL'IMPRESA DI FIRENZE Stampa
Nazionali Azzurre
Lunedì 30 Settembre 2019 03:06

 

fotosportit 50200 prRoma – La prima volta fu all’Olimpico di Roma, pochi mesi dopo lo scatto di una delle foto simbolo del XX secolo – Nelson Mandela che consegna la Webb Ellis Cup a Francois Pienaar – era stata scattata: l’Italia riceveva nella Capitale i neo-campioni del mondo, quel Sudafrica capace alla prima partecipazione iridata di fermare gli All Blacks di Jonah Lomu.

In un rugby che si affaccia sul professionismo, il primo test-match tra gli Azzurri e gli Springboks terminò 21-40: era il 12 novembre e, per un’ora di gioco, l’Italrugby tenne testa ai Campioni del Mondo. A scavare il solco, negli ultimi venti minuti, il piede implacabile di Stransky e due mete di Pienaar e del centro Le Roux.

 

Da allora, gli Azzurri e i verdeoro si sono incrociati in altre tredici occasioni, restituendosi reciprocamente visite nel calendario dei tour estivi e autunnali ma senza mai sfidarsi in una Rugby World Cup: quella di venerdì sera a Shizuoka (ore 11.45, diretta Rai2) sarà il primo scontro diretto in un Mondiale.

I quattordici precedenti totali vedono il Sudafrica dominare 13-1 e, se gli Springboks sono la squadra ad aver inflitto all’Italrugby il peggior passivo della propria storia (101-0 a Durban il 19 giugno 1999, allenati da Nick Mallett che otto anni dopo sarebbe divenuto CT azzurro) sono anche la sola tra le tre super-potenze dell’Emisfero Sud di cui l’Italia possa vantare lo scalpo: era il 19 novembre del 2016 quando, al “Franchi” di Firenze, Parisse e compagni centrarono uno dei successi più prestigiosi nella storia del rugby italiano, superando per la prima e sino ad ora unica volta in 91 anni una delle quattro Nazioni ad aver conquistato la Coppa del Mondo.

CLICCA QUI PER IL DOCUMENTARIO DEL 19 NOVEMBRE 2016

Un’impresa che la squadra di Conor O’Shea dovrà ripetere venerdì per raggiungere un sogno coltivato e accuratamente preparato con il duro lavoro negli ultimi tre anni: portare l’azzurro, per la prima volta, nei quarti di finale mondiali.