RUGBY OLTRE LE SBARRE PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Mercoledì 18 Aprile 2018 08:29

 

Il Rugby è proposto e praticato, con il coordinamento di FIR, da Società tutor o singoli allenatori, all’interno di circa 15 Istituti di Pena sul territorio nazionale con l’obiettivo di contribuire, attraverso l’applicazione concreta dei valori educativi del rugby – il rispetto delle regole, dell’avversario, dell’arbitro, il sostegno del compagno - alla risocializzazione del detenuto.

I risultati delle esperienze, dimostrano indubbi effetti benefici sul consolidamento dei rapporti umani all’interno del Carcere, attraverso una nuova percezione dell’altro, offrendo anche una nuova rete che può risultare preziosa in vista del loro reinserimento nella società civile.

Due squadre (La Drola di Torino, Giallo Dozza di Bologna) composte da detenuti, partecipano al Campionato Italiano di Serie C, grazie alla disponibilità delle restanti squadre partecipanti di disputare tutti gli incontri all’interno dei rispettivi istituti. Un’ulteriore opportunità di formazione che definiamo IN&OUT.


 

 

 
RUGBY E INCLUSIONE: NUOVA TAPPA PER IL PROGETTO MIXED ABILITY DELL’UNIONE EUROPEA PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Venerdì 13 Aprile 2018 13:22

mixarRoma – Con una due giorni di intenso lavoro, in aula e sul campo di Bradford, il “Progetto MIXAR” che vede la Federazione Italiana Rugby guidare il bando Erasmus dell’Unione Europea ha mosso un nuovo passo in avanti nella formazione di tecnici e atleti in grado di trasferire verso la base i principi di un rugby sempre più inclusivo. 

La Federazione Italiana Rugby propone, da sempre, la pratica di un rugby di base senza limiti alla disabilità fisica o mentale, creando strumenti ed opportunità che facilitino la partecipazione integrata: da qui, l’impegno di FIR a promuovere non solo in Italia ma a sviluppare a livello continentale un percorso didattico e di formazione per tutti quei Club che desiderino promuovere al proprio interno la piena inclusione.

Leggi tutto...
 
RUGBY E INCLUSIONE: NUOVA TAPPA PER IL PROGETTO MIXED ABILITY DELL’UNIONE EUROPEA PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Venerdì 13 Aprile 2018 13:22

 

mixarRoma – Con una due giorni di intenso lavoro, in aula e sul campo di Bradford, il “Progetto MIXAR” che vede la Federazione Italiana Rugby guidare il bando Erasmus dell’Unione Europea ha mosso un nuovo passo in avanti nella formazione di tecnici e atleti in grado di trasferire verso la base i principi di un rugby sempre più inclusivo. 

La Federazione Italiana Rugby propone, da sempre, la pratica di un rugby di base senza limiti alla disabilità fisica o mentale, creando strumenti ed opportunità che facilitino la partecipazione integrata: da qui, l’impegno di FIR a promuovere non solo in Italia ma a sviluppare a livello continentale un percorso didattico e di formazione per tutti quei Club che desiderino promuovere al proprio interno la piena inclusione.

 

Leggi tutto...
 
CLUB PER IL SOCIALE: LA REALTA' DELL'ARNOLD RUGBY A ROMA PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Giovedì 12 Aprile 2018 19:21

 

arnold rugbyLa giovane società capitolina pone al centro del proprio progetto di responsabilità sociale, chiamato Globulo Grosso, la sensibilizzazione, la raccolta fondi e il sostegno in favore di Romail, (sezione romana di AIL), voluta dal professor Mandelli.

Arnold Rugby e Globulo Grosso, anche sullo slancio di un proprio giocatore che ha superato la malattia grazie a Globulo Grosso e tornato in campo con i compagni, sostengono AIL per dar speranza a chi sta affrontando queste sfide. Grazie a queste iniziative, malattie come Leucemie, Linfomi e Mielomi fanno meno paura!

 

Questo il sito della società: http://www.arnoldrugby.com/home/rss/page-73

 

 
IL RUGBY INTEGRATO VOLA A BRADFORD PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Mercoledì 11 Aprile 2018 08:47

pontederaTrasferta inglese per il Bellaria Rugby, ospite venerdì e sabato scorsi a Bradford dove si è svolto il primo corso di rugby Imas (International mixed ability sports) al quale hanno partecipato sei allenatori selezionati dalla FIR partiti da Pontedera, Roma, Sieci, Colorno, Settimo Torinese e Chivasso.

Il gruppo italiano si è unito ai gruppi delle altre nazionalità partner del progetto europeo volto a realizzare una rete internazionale di rugby integrato. La prima giornata si é svolta in aula dove circa 35 persone si sono confrontate sulle proprie esperienze partecipando a importanti momenti di formazione . Nella seconda giornata invece tutti sul campo da rugby ospiti di una realtà mixed ability e dopo qualche esercizio di riscaldamento si é giocato a rugby.

Il modello mixed ability, o rugby integrato, si conferma un ottimo modo per includere ragazzi con disabilità in un gioco divertente che non può che essere chiamato rugby!
Ringraziamo la FIR per averci dato l’opportunità di partecipare a questo importante e interessante incontro, che possa essere di buon auspicio per la valorizzazione di un progetto che ci sta molto a cuore.

 


Pagina 10 di 23
 

registrati-FIR


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito