Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

Impegno Sociale

 

 

 



TUTTA LA BENETTON SI RASA A ZERO PER SOSTENERE NASI MANU PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Saturday, 08 December 2018 08:06
There are no translations available.

Ti supportiamo fino in fondo! E’ questo il messaggio che il Benetton Rugby manda al Leone Nasi Manu operato lo scorso 31 agosto, dall’equipe del reparto di urologia dell’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso, a causa di una neoformazione all’apparato uro-genitale. L’operazione è perfettamente riuscita ed il giocatore era stato così dimesso lo scorso 4 settembre dopo aver osservato un periodo di convalescenza post-chirurgica. Successivamente, nel mese di ottobre, ulteriori esami ematici hanno evidenziato la necessità di cominciare cicli di chemioterapia.

CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=0PzZmUglQeg

Così staff e giocatori biancoverdi, dopo un periodo che ha visto il gruppo di atleti diviso tra coloro che erano impegnati con la Nazionale Maggiore Italiana, quelli che hanno preso parte alla trasferta in Sudafrica per le due gare di Guinness PRO14 e gli infortunati rimasti a Treviso, si sono ritrovati mercoledì pomeriggio. Decidendo quindi con un semplice gesto ma significativo, quello della rasatura dei capelli, di dimostrare al compagno di squadra l’assoluta vicinanza in questo delicato momento di vita che sta attraversando.

 

 

 
RUGBY IN OSPEDALE FA TAPPA A CATANIA CON PRATICHETTI E RUZZA PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Thursday, 06 December 2018 13:15
There are no translations available.

47507586 261194357909235 4744890056836120576 nHa fatto tappa a Catania Rugby in Ospedale, il progetto no profit la cui finalità è portare il Rugby tra i bambini nei reparti pediatrici italiani, coinvolgendoli insieme a rugbysti di rilievo nazionale e locale.

Un’iniziativa che vuole portare un momento di gioia nei reparti degli ospedali e promuovere la cultura del sostegno, fulcro del rugby.

E così è stato ieri a Catania, nel Dipartimento Materno-Infantile dell’Ospedale “Garibaldi – Nesima”. I giocatori della nazionale Valentina Ruzza ed Andrea Pratichetti, accompagnati dal Presidente FIR Sicilia, Orazio Arancio, dal suo Vice Presidente, Gianni Saraceno, e da atleti, tecnici e dirigenti di molte squadre di rugby siciliane (presente anche una delegazione del team Wheelchair Rugby Catania), hanno fatto visita ai piccoli ospiti dei reparti del dipartimento (Pediatria, Chirurgia Pediatrica e Pronto Soccorso Pediatrico) portando attimi di gioia e divertimento, con doni e momenti di gioco.

Read more...
 
FIR MOLISE ADERISCE AL PROGETTO "ABC SPORT...IN MOVIMENTO" PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Thursday, 06 December 2018 08:29
There are no translations available.

43526422 985433718293701 6488892253572956160 nLo scorso 29 novembre è stato ufficializzato a Campobasso il progetto "ABC Sport... in movimento". Educazione motoria e sportiva nella scuola primaria. Tra i promotori dell'iniziativa c'è la Delegazione Molise della Federazione Italiana Rugby.

L'ambizioso progetto rivolto ad una utenza di giovanissimi, è incentrato alla costruzione di un sistema integrato educativo-sportivo, connettendo mondi diversi. 
Come si legge sul programma stilato, "la proposta vuole implementare il patrimonio degli alunni/e, offrendo loro percorsi che consentano ad ognuno di orientarsi e scegliere autonomamente l'attività sportiva più consona ai propri bisogni ed interessi".
Per l'anno scolastico in corso sarà interessato ad una prima sperimentazione l'Istituto Omnicomprensivo "Jovine" di Campobasso, con gli alunni di una sezione della Scuola Primaria dalla I alla V classe. Dal prossimo anno, e qui la vera sfida di FIR Molise, verrà esteso alle altre scuole della Regione. Un lavoro enorme per il Delegato Marco Santone e per tutto il movimento della palla ovale molisana, che darà la possibilità ai tecnici, e ai promotori del rugby, di trasferire il bagaglio valoriale della nostra disciplina ai nuovi  piccoli atleti. "ABC Sport" crescerà nelle scuola primaria per poi continuare man mano nelle scuole medie superiori.
 
"La locomotiva è stata messa sui binari, ora avremo la reale possibilità di far praticare il rugby a tutti gli studenti della regione così da allargare la base, e non meno importante, qualora lo studente non voglia proseguire, avrà memoria e conoscenza di questo gioco anche solo per seguirlo sui campi del Molise". Così il Delegato FIR, esprimendo entusiasmo sul lavoro che verrà. 
Per il Presidente del CONI Molise, Guido Cavaliere, in concertazione con il MIUR, questa offerta non ha precedenti in tutto il territorio Nazionale.
 Infatti, assieme a FIR, ci saranno anche le federazioni Danza Sportiva, Wushu Kung Fu, Pesistica, Tennis, Pallacanestro, Badminton.

 Un modello formativo anglosassone che sostiene i giovanissimi al confronto, alla coscienza di sé, alla consapevolezza che la virtù ed il talento vanno allenati con dedizione. Una formazione completa, efficiente, sarà data anche grazie all'apporto della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori).
"Non parleremo ai ragazzini del male del secolo come è opportuno che sia", dice Carmenla Franchella (resp. prov. LILT), "non li dobbiamo assolutamente coinvolgere nel dolore, ma insegneremo loro, seguendoli, una corretta alimentazione". Infatti con tecniche innovative, si stimoleranno gli alunni ad una educazione alimentare, insegnando la stagionalità degli alimenti, la tempistica corretta del pasto da affiancare all'attività sportiva, e molto altro.
 
Come accade prima di ogni grande sfida, c'è una sana preoccupazione mista ad entusiasmo negli uffici di FIR Molise. Il gigante voluto, dovrà essere alimentato costantemente. In questo caso, servirà ampliare il numero di tecnici con una preparazione adeguata.
 
Anche in questa direzione è andato l'incontro voluto da Marco Santone ieri 4 dicembre, presso la sala consiliare del CONI Molise con i presidenti dei Club regionali, ed il responsabile nazionale del rugby di base Daniele Pacini. All'incontro è intervenuto anche Antonio Luisi, Pres. del Comitato Lazio e responsabile FIR dei rapporti con gli enti territoriali. Un sostegno concreto, quindi, dell'intero comparto FIR.
 
Oltre alla organizzazione interna, si è stilata una progettualità per la formazione di nuovi tecnici che partirà da gennaio 2019, volta ad affrontare il macro progetto "ABC Sport".

 
IL CERCHIO DELLA VITA, QUALCHE VOLTA, E' OVALE PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Monday, 03 December 2018 17:01
There are no translations available.

42085523 2283962588499881 378333395542867968 oUn venerdì di novembre di quelli, per fortuna, con un po’ di pioggerellina e una accenno di nebbia. Forse non il tempo ideale per allenarsi all’aperto, ma i bambini e i ragazzi che stanno giocando qui “alla casa del rugby” non sembrano infastiditi dal clima. In fondo, la tensostruttura è illuminata; è li che incontriamo Fabrizio, il papà di Simone (*).

Simone si è iscritto da poco al RugbyTotse ora si sta allenando insieme ai compagni di squadra, guidati da Federico. A guardar bene, il coach  sembra uscito dalle pagine di Collodi, ma è un Mangiafuoco dolce mentre segue i salti e le corse dei bambini. E’ attento, le regole sono precise, uguali per tutti perché “la linea” deve avanzare insieme ma, come ricorda il motto, l’apprendimento può essere divertente. Ed è proprio questa atmosfera divertente che si respira qui, sotto il tendone illuminato dalle corse dei bambini. Lo sguardo di Fabrizio, però, racconta anche un’altra storia, la storia di Simone.

A pochi mesi di vita, Simone ha avuto una emorragia cerebrale che ha dato il via al calvario di Simone e dei suoi genitori. Oltre 300 i giorni di ospedalizzazione in così pochi anni di vita, ai quali si aggiungono le terapie continue. La diagnosi è grave: emiparesi destra e conseguente riduzione del campo visivo. Una sentenza drammatica con la quale occorre imparare a convivere. Visite, terapie, psicomotricità, i genitori non si arrendono e fanno l’impossibile per aiutare Simone a crescere al massimo delle sue possibilità, ma a un bambino serve di più: serve divertirsi e giocare con gli altri bambini, esattamente quello che Simone sta facendo in questo venerdì di novembre nel campo di via Carso. 

Fabrizio lo guarda da bordo campo con un po’ di apprensione e molto orgoglio perché, ci racconta, è stupito dei risultati che suo figlio ha raggiunto in questo breve lasso di tempo.   Nessun miracolo, si intende, e nessuna illusione. Le terapie tradizionali continuano, ma è riuscito a inserire nell’intenso programma di cura, anche l’allenamento del RugbyTots dove, oltre alla necessaria psicomotricità, Simone sperimenta l’emozione di essere parte della squadra. Fabrizio e la mamma di Simone, vogliono ringraziare gli allenatori e i ragazzi del Rugby Parabiago 1948 dove, sottolinea, ha trovato persone tecnicamente e umanamente di spessore.

Mentre parliamo, i bambini saltano gli ostacoli, si infilano nel tunnel, prendono confidenza con i palloni ovali, sono concentrati, non vogliono perdere l’occasione di conquistarsi un nuovo sticker a fine allenamento. Un applauso segna lo scadere del tempo, i genitori sono pronti ad accogliere i piccoli. Mentre ci salutiamo penso al cerchio della vita, quella perfezione che ognuno di noi auspica per i propri figli. Quel cerchio che ogni tanto la vita schiaccia sotto il peso di prove durissime fino a farlo a farlo diventare ovale. Per fortuna ci sono posti in cui la palla ovale è l’inizio di un’avventura e non la fine di una storia, quindi Simone, benvenuto al Tots! 

(*) I nomi indicati sono di fantasia, i fatti narrati sono reali. 

IL RUGBYTOTS
Rugbytots e’ il primo programma ovale motorio strutturato in Italia per bambini e bambine dai 2 ai 5 anni 

Nasce nel 2007 in Inghilterra e Rugby Parabiago 1948 lo ha portato come primo club di rugby nel nostro paese nel 2013,
Da allora abbiamo avuto una crescita costante e oggi siamo arrivati a 320 bambini iscritti alle nostre lezioni che si tengono ovviamente a Parabiago, Rho, Lainate, Magenta, Albairate, Legnano, Castellanza e Gallarate.
Per info www.rugbytots.it o This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

 
COGOLETO ORGANIZZA "PLACCHIAMO LA VIOLENZA" PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Friday, 30 November 2018 14:35
There are no translations available.

prova 3Per il secondo anno il CFFS Cogoleto Rugby organizza, il prossimo 24 febbraio nella cittadina ligure, il Torneo "Placchiamo la violenza" allo scopo di sostenere il Centro antiviolenza Mascherona e sensibilizzare i propri tesserati e simpatizzanti sul tema della violenza sulle donne.

Per maggiori info consultare il sito del Club, www.cogoletorugby.it

 
  • «
  •  Start 
  •  Prev 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  7 
  •  8 
  •  9 
  •  10 
  •  Next 
  •  End 
  • »


Page 1 of 19
 


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito