I Club per il sociale


Il Progetto Agon, una grande opportunità per i giovani che studiano e praticano sport ad alto livell PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Venerdì 05 Maggio 2017 12:47

Progetto Agon 2017Il Progetto Agon, una grande opportunità per i giovani che studiano e praticano sport ad alto livello

A Torino c’è una realtà sportiva che da dieci anni a questa parte si occupa di assicurarsi che giovani atleti e atlete meritevoli, provenienti da tutta Italia, possano garantirsi l’accesso ai livelli più alti dell’istruzione accademica praticando sport in realtà di eccellenza. È il CUS Torino che, in unione con il Politecnico di Torino e l’Università degli Studi di Torino, ha dato vita al PROGETTO AGON. A differenza delle molte iniziative minori presenti sul territorio, fa parte di un grande progetto di internazionalizzazione nato da un vero e proprio agreement fra il sistema universitario piemontese, di cui fanno parte il Politecnico di Torino e l’Università degli Studi di Torino e il CUS Torino, il centro di formazione sportiva più grande d’Italia.

Leggi tutto...
 
BORSA DI STUDIO "FILIPPO CANTONI" A MARTANI E COSI PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Lunedì 19 Dicembre 2016 12:38

borsa studio cantoniParma - La borsa di studio "Best of Match - Filippo Cantoni", dedicata all'Azzurrino U18 ed atleta dell'Accademia Nazionale "Ivan Francescato" prematuramente scomparso nel gennaio 2014 ed erogata dalla famiglia Cantoni attraverso uno dei progetti della Onlus Sostegno Ovale di Colorno, è stata assegnata per il 2016 ad Andrea Martani del Rugby Reggio ed a Duccio Cosi de I Medicei di Firenze.

Riservata a quei giovani atleti capaci di abbinare con pieno profitto il percorso didattico alla carriera rugbistica, la borsa di studio è stata consegnata a Martani e Cosi nel corso di una cerimonia tenutasi domenica presso la Club House dell'Amatori Parma alla presenza della famiglia di Filippo Cantoni e del Direttore del Rugby di Alto Livello FIR, Carlo Checchinato.

"Ho avuto la fortuna di conoscere Filippo - ha detto Checchinato, commentando l'iniziativa - e mi piace ricordarlo per come era, un ragazzo positivo e sorridente.

Leggi tutto...
 
LE TRE ROSE SU RUGBY WORLD DI GENNAIO PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Martedì 06 Dicembre 2016 13:22

 

rugbyworld magRugby World, la rivista di riferimento del rugby a livello mondiale, nel numero di gennaio dedica un ampio reportage alla società Le Tre Rose, squadra composta da rifugiati politici ed iscirtta al Campionato di Serie C, cui la FIR ha concesso con una deroga ad hoc del Consiglio Federale, di schierare in lista gara un totale di ventidue atleti in possesso dello status di richiedenti asilo nel nostro Paese, permettendo loro di sviluppare e coltivare la propria passione per il rugby.

Il servizio a firma Duccio Fumero, giornalista del blog Rugby 1823, si arricchisce degli scatti realizzati dal fotografo Giuseppe Fama

 

 
PROGETTO CARCERI, STASERA LA "PRIMA" DEL LUNGOMETRAGGIO SU GIALLO DOZZA DI BOLOGNA PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Giovedì 01 Dicembre 2016 09:49

 

locandinaprimametaLa Prima Meta il film lungometraggio su Giallo Dozza, la squadra di rugby della Casa Circondariale Dozza di Bologna debutta al 57esimo Festival dei Popoli giovedì 1 dicembre (ore 17.15). In sala saranno presenti l’autrice Enza Negroni, la produttrice Giovanna Canè, l’allenatore e alcuni giocatori ed ex giocatori, ora in libertà, del Giallo Dozza.

Protagonista del film documentario la squadra Giallo Dozza formata da 40 detenuti di nazionalità diverse, con pene da 4 anni all’ergastolo, senza precedenti esperienze rugbistiche. La squadra è iscritta al campionato ufficiale F.I.R. di serie C2 sotto la guida del tenace coach Max Zancuoghi. Con l’arrivo di tre giovani detenuti, il film segue le vicende dei Giallo Dozza nel corso del suo primo campionato, giocato forzatamente sempre in casa. Tra allenamenti estenuanti e i ritmi lenti della quotidianità in cella, il film racconta il difficile cammino dei detenuti per raggiungere la meta non solo in campo ma anche nella vita con una ritrovata dignità sociale: un sofferto inno allo sport, alla condizione umana, in tutte le sue complesse latitudini.

Leggi tutto...
 
OSCAD E RUGBY: LA LEGALITA' VA IN META PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Martedì 29 Novembre 2016 12:28

IMG-20161116-WA0001Pomezia  - Si è svolto il 13 novembre a Pomezia, grazie all’Associazione “Sport e legalità” ed alla presenza del personale dell’OScad (Osservatorio per la Sicurezza Contro gli Atti Discriminatori), il match di rugby old che ha visto coinvolti i genitori dei piccoli rugbisti partecipanti alla manifestazione.

La giornata, oltre a rappresentare un momento di competizione sportiva, è stata l'occasione per ribadire ai ragazzi che il concetto di sportività, ovvero di competizione attraverso i canoni del rispetto dell'avversario e dei regolamenti, è assimilabile al concetto di legalità intesa come osservanza delle norme e rispetto dei valori condivisi.

All’evento ha partecipato personale della  Direzione Centrale della Polizia Criminale che ha illustrato i compiti e le finalità dell’OSCAD – Osservatorio per la Sicurezza contro gli Atti Discriminatori -, istituito presso il Dipartimento della P.S. e presieduto dal Direttore Centrale della Polizia Criminale.

L’Osservatorio è un ufficio interforze, composto da Polizia di Stato ed Arma dei Carabinieri, che ha il compito di prevenire e contrastare gli atti di discriminazione, curando anche la formazione degli appartenenti alla Forze dell’Ordine. E’ impegnato sul territorio per diffondere la cultura della legalità ispirandosi al pensiero del fondatore Prefetto Antonio Manganelli il quale sosteneva che “alle vittime di discriminazione viene impedito di vivere”.

 


Pagina 8 di 14
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito