Azzurri per il sociale

Le attività sociali che gli Azzurri sostengono, per iniziativa personale, sono per FIR un valore aggiunto in quanto contribuiscono all’attività di sensibilizzazione che la stessa svolge nell’ambito del percorso etico intrapreso.



LA LEGA DEL FILO D’ORO E L’ITALRUGBY INSIEME PER #UNCONTATTOCH PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Thursday, 15 March 2018 16:06
There are no translations available.

filodoro

Nel Rugby il contatto è fondamentale, così come lo è per le persone sordocieche per uscire da un mondo fatto di buio e di silenzio ed entrare in relazione con gli altri. Proprio per questo la Lega del Filo d’Oro e la Federazione Italiana Rugby danno il via all’iniziativa #uncontattochevale, un evento speciale che avrà luogo in occasione della partita del 6 Nazioni Italia-Scozia con l’obiettivo di sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della sordocecità in Italia, disabilità che riguarda quasi 190mila persone nel nostro Paese.

“Spero veniate in tanti alla partita per sostenere sia l’Italrugby che la Lega del Filo d’Oro. Sarà una giornata di festa all’insegna della solidarietà” dichiara Rossano Bartoli, Segretario Generale dell’Associazione che da oltre 50 anni è il punto di riferimento delle persone sordocieche e pluriminorate psicosensoriali in Italia.

Inoltre, per questa speciale iniziativa i giocatori della Nazionale Italiana di Rugby – George Biagi, Oliviero Fabiani ed Edoardo Gori – hanno prestato il proprio volto realizzando un simpatico video-appello per raccontare a tutti l’importanza del contatto nel rugby e nella vita delle persone sordocieche. “Siamo orgogliosi di poter ospitare una realtà così importante come quella della Lega del Filo d’Oro durante una partita molto attesa come Italia-Scozia. Sabato saremo tutti al fianco di chi non vede e non sente, per restituire loro un contatto con il mondo, un contatto che vale!” – dichiara Salvatore Perugini, ex pilone della nazionale e attualmente vicepresidente FIR.

Ma le sorprese riservate ai tifosi non finiscono qui. Perché nella mattinata di sabato, sul palco del Peroni Village e nello Stadio dei Marmi, prenderà vita un flash mob coinvolgente ed originale a cui parteciperanno i giocatori della squadra under 16 della Arnold Ruby di Roma.

Inoltre, prima e dopo la manifestazione sportiva, presso lo stand della Lega del Filo d’Oro, nel Peroni Village, sarà data a tutti la possibilità di farsi truccare il viso di azzurro, colore dell’Italrugby e della Lega del Filo d’Oro.

L’appuntamento è per sabato 17 marzo, a partire dalle ore 11.00 presso il Peroni Village dello Stadio Olimpico di Roma

 
NATWEST 6 NAZIONI, A ROMA UN TORNEO A IMPATTO ZERO PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Sunday, 21 January 2018 10:09
There are no translations available.

Rugby Cover-Social 17012018 01ALLO STADIO IN BICICLETTA GRAZIE A "ROMA SERVIZI PER LA MOBILITA'"
Per il quarto anno consecutivo, in occasione del Torneo delle VI Nazioni 2018, si rinnova la collaborazione tra Roma Capitale, Federugby e Coni per l’iniziativa di Roma Servizi per la Mobilità “Roma gioca Sostenibile”

CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI

Primo esempio di guida (in lingua italiana e inglese) a impatto zero per raggiungere lo stadio Olimpico, utile ai cittadini e a chi visita Roma in occasione di eventi sportivi e culturali, per rendere il soggiorno più semplice ed ecologico attraverso l’uso del trasporto pubblico e della bicicletta.

Anche per questa edizione i tifosi che raggiungeranno lo Stadio Olimpico in bicicletta, potranno lasciare in sicurezza il proprio mezzo nel parcheggio situato in via Franchetti, attrezzato con rastrelliere per circa 50 posti e raggiungibile anche attraverso un percorso ciclabile segnalato nella mappa.

Per questo motivo è stata attribuita a Roma Servizi per la Mobilità, da parte di FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta), l’ambita Cycling Mobility Quality Label aggiudicandosi anche una menzione speciale nell'ambito della rassegna Cosmobike Show lo scorso settembre.

Confidiamo che i tanti tifosi Inglesi e Scozzesi previsti prendano spunto dalla nostra guida per apprezzare al meglio la bellezza della nostra città in modo sostenibile.

Per il 6 Nazioni 2018 l’unica macchina utile è quella della mischia!

Forza Azzurri #RomagiocaSostenibile

mappa area olimpico

 
MAXIME MBANDA’ IN VISITA A “LE TRE ROSE NERE” PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Tuesday, 11 April 2017 17:05
There are no translations available.

 

110417

Casale Monferrato (Alessandria) – Maxime Mbandà ha fatto visita oggi al Club piemontese de “Le Tre Rose Nere” di Casale Monferrato, la Società iscritta al Campionato regionale di Serie C e composta in massima parte da richiedenti asilo.

Il flanker italo-congolese della Nazionale Italiana Rugby e delle Zebre Rugby, 24 anni compiuti ieri, aveva regalato a “Le Tre Rose” la maglia del proprio esordio azzurro dello scorso giugno a San Josè contro gli Stati Uniti ed oggi – concluso l’allenamento mattutino a Colorno con la franchigia del Nord-Ovest – ha raggiunto la provincia di Alessandria per incontrare lo staff e gli atleti della Società che, da alcune stagioni, partecipa con una speciale deroga di FIR all’attività regionale con una squadra interamente composta da atleti extracomunitari, nel nostro Paese come richiedenti asilo.

Mbandà, 8 presenze con l’Italia e sempre in campo nel recente 6 Nazioni, ha dapprima incontrato il sindaco di Casale Monferrato per un primo benvenuto a nome della comunità locale e successivamente ha incontrato lo staff e gli atleti de “Le Tre Rose” assistendo dal campo all’allenamento serale.

Il rugby è uno straordinario strumento di aggregazione ed integrazione, e Le Tre Rose Nere rappresentano un bellissimo esempio di come il nostro sport sappia unire uomini e donne di ogni razza e provenienza. Incontrare questi ragazzi e vederli lavorare insieme sul campo, poter condividere con loro la mia esperienza di atleta dell’Italia, è stata un’esperienza emozionante e formativa. Ovunque questi ragazzi proseguiranno il proprio cammino, in Italia o altrove in Europa, sono certo che porteranno sempre con sé quanto il rugby ha saputo dare loro” ha dichiarato Maxime Mbandà a margine dell’incontro.   

 

 
GLI AZZURRI IN VISITA AL POLICLINICO GEMELLI PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Wednesday, 08 March 2017 21:02
There are no translations available.

 

IMG 5327Oggi pomeriggio i nazionali dell’Italrugby, alla vigilia del match del Torneo Sei Nazioni di sabato contro la Francia, hanno portato doni, gioco e allegria ai bambini ricoverati nei reparti di Oncologia Pediatrica e  Neurochirurgia Infantile  del Policlinico.

E il team medico del Policlinico da venerdì a domenicaal Village, in campo e sulle tribune assicurerà assistenza sanitaria ad atleti e pubblico in stretta  sinergia con la Sicurezza della Federazione Italiana Rugby.    

Roma, 8 marzo 2017 – Meta della solidarietà dell’Italrugby per i piccoli pazienti del Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma. Questo pomeriggio una delegazione della Nazionale Italiana di rugby al termine degli allenamenti in preparazione della sfida di sabato con la Francia per il Sei Nazioni ha raggiunto il Policlinico Gemelli per giocare un incontro cui non avrebbero mai voluto mancare. Quello con i bambini ricoverati nei reparti di Oncologia Pediatrica e di Neurochirurgia Infantile dell’ospedale universitario.

I nazionali Pietro Ceccarelli, Marcello Violi e Francesco Minto, accompagnati da dirigenti  della Federazione Italiana Rugby hanno fatto visita ai piccoli degenti accolti e accompagnati nei reparti pediatrici da Enrico Zampedri, Direttore Generale del Policlinico e Giorgio Meneschincheri, responsabile delle Relazioni Esterne del Gemelli.

"È sempre un piacere ritrovare la vicinanza della Federazione Italiana Rugby e della sua nazionale – ha detto il Direttore Generale Zampedri -. Anche oggi siamo molto grati agli atleti dell’Italrugby che hanno voluto portare allegria e sollievo ai nostri piccoli degenti impegnati nella loro partita per la guarigione e sostenuti dal massimo impegno dei nostri medici e operatori sanitari”.

Nel corso della visita, organizzata in collaborazione con le associazioni di volontariato Coccinelle per l'Oncologia Pediatrica Onlus e L'Albero della Vita, promosse e sostenute da Luigi Piselli, Antonella Guido e dall’oncologo pediatra del Gemelli Antonio Ruggiero, i nazionali di rugby si sono intrattenuti con i bimbi e ragazzi ricoverati, parlando di sport, di giochi e della prossima partita della Nazionale, improvvisando uno speciale allenamento in tutte le stanze di degenza con una preziosa palla ovale con tutte le firme dei campioni della nazionale. A ogni bambino hanno fatto dono del berretto blu a righe nere della FIR.

"Queste visite – ha detto il professor Riccardo Riccardi, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Oncologia Pediatrica del Policlinico - sono sempre un momento di vitalità per i nostri bambini. I giocatori di rugby sono atleti giovani e forti dal punto di vista non solo fisico, ma anche morale che sanno fare compagnia e portare sollievo ogni volta che vengono a trovarci".

Questo nuovo incontro, dopo quello dello scorso anno, si inserisce nello stretto e proficuo rapporto di collaborazione tra la Federazione Italiana Rugby (FIR) e la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli che nel 2016 hanno sottoscritto una convenzione biennale per la gestione di tutte le attività mediche di emergenza sanitaria e di pronto soccorso a favore di pubblico, atleti, loro accompagnatori e del personale in servizio.

sabato prossimo scenderà di nuovo in campo il team di medici e operatori sanitari del Policlinico A. Gemelli, altamente specializzato nelle emergenze e urgenze in stretta connessione e sinergia con la Sicurezza per la gestione degli eventi internazionali della FIR, per fornire assistenza sanitaria anche in occasione della sfida contro i Bleus allo Stadio Olimpico di Roma.

Questa volta a fare il tifo per gli Azzurri dalle stanze di degenza del Gemelli ci saranno i piccoli degenti dell’Oncologia pediatrica e della Neurochirurgi infantile entusiasti per questo inatteso e indimenticabile incontro. 

 

 
ITALRUGBY, CAMPIONE DI SOLIDARIETÀ. LA NAZIONALE DI RUGBY IN VISITA AI PICCOLI PAZIENTI DEL GEMELLI PDF Print E-mail
Impegno Sociale
Tuesday, 07 March 2017 15:17
There are no translations available.

 

gemelliNel pomeriggio di domani, mercoledì 8 marzo, i campioni dell’Italrugby, alla vigilia del nuovo match del Torneo Sei Nazioni sabato contro la Francia, porteranno doni e allegria ai bambini ricoverati nel reparto di Oncologia Pediatrica del Policlinico.

E il team medico del Policlinico da venerdì a sabato al Village, in campo e sulle tribune assicurerà assistenza sanitaria ad atleti e pubblico.   

 

Roma, 7 marzo 2017 – Italrugby campione di solidarietà. Nel pomeriggio di domani, mercoledì 8 marzo, alle ore 18.00, la Nazionale di rugby al termine degli allenamenti, nella settimana che porterà all’attesissimo incontro di sabato 11 marzo contro la Francia per il Torneo Sei Nazioni, si recherà al Policlinico Universitario A. Gemelli di Roma per fare visita e portare doni e allegria ai piccoli ricoverati del reparto di Oncologia Pediatrica. Dopo la bellissima esperienza dello scorso anno l’Italrugby ritorna al Gemelli per disputare questa nuova partita della solidarietà giocata in collaborazione con le associazioni di volontariato Coccinelle per l'Oncologia Pediatrica Onlus e L'Albero della Vita.

Questa nuovo incontro con i pazienti pediatrici e i loro familiari si inserisce nel forte rapporto di collaborazione tra la Federazione Italiana Rugby (FIR) e la Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli che lo scorso anno hanno sottoscritto una convenzione biennale per la gestione di tutte le attività mediche di emergenza sanitaria e di pronto soccorso a favore di pubblico, atleti, loro accompagnatori e del personale in servizio connesse agli eventi internazionali organizzati dalla FIR a Roma. Accanto a questo accordo, è costante l’attenzione e l’impegno sociale della FIR e dell’Italrugby per portare allegria e momenti di spensieratezza a favore dei bambini ricoverati al Gemelli.

E da venerdì a sabato scenderà di nuovo in campo il team di medici e operatori sanitari del Policlinico A. Gemelli, altamente specializzato nella gestione delle emergenze e urgenze, per fornire assistenza sanitaria anche in occasione della sfida contro i Bleus allo Stadio Olimpico di Roma.

L’obiettivo dell’accordo FIR- Fondazione Gemelli è garantire la massima sicurezza non solo agli atleti, ma anche agli spettatori prima, durante e al termine degli incontri.

La task force del Gemelli impegnata in ogni singola partita del Sei Nazioni è composta da 35 medici; in particolare 4 rianimatori saranno a bordo campo con 4 infermieri del Centro di Rianimazione del Policlinico diretto dal professor Massimo Antonelli

 

 


Page 5 of 8
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito