FIR per il Sociale

Ogni anno FIR sostiene numerose iniziative sociali  collaborando con enti/associazioni che attraverso la loro attività danno espressione ai Valori che FIR promuove.



FIR PARTECIPA ALL'INCONTRO DELL'OSSERVATORIO NAZIONALE CONTRO LE DISCRIMINAZIONI NELLO SPORT PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Lunedì 15 Febbraio 2021 15:44

FB 1200x900Si è tenuta il 10 febbraio, in videoconferenza, la prima riunione dell’Osservatorio Nazionale contro le discriminazioni nello Sport istituito dall’UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con le Federazioni Sportive Nazionali e le organizzazioni che hanno deciso di aderire: FIGC - Federazione Giuoco Calcio, Lega Calcio Serie A, Lega Nazionale Professionisti Serie B, Lega PRO- Lega Italiana Calcio Professionistico, LND – Lega Nazionale Dilettanti, AIC – Associazione Italiana Calciatori, Assist - Associazione Nazionale Atlete, FIDAL – Federazione Italiana Atletica Leggera, FIP - Federazione Italiana Pallacanestro, Federazione Italiana Rugby, Federazione Italiana Canottaggio, FIT - Federazione Italiana Tennis, FPI - Federazione Pugilistica Italiana, FIS - Federazione Italiana Scherma, FIPAV - Federazione Italiana Pallavolo, Federazione Italiana Sport Equestri, FIJLKAM – Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali, FIGS - Federazione Italiana Giuoco Squash, FISG - Federazione Italiana Sport del Ghiaccio, FIPSAS - Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee, Federazione Italiana Taekwondo, Federazione Motociclistica Italiana, FITET - Federazione Italiana Tennis Tavolo.

Durante la riunione sono stati affrontati diversi temi quali la condivisione delle buone prassi messe in atto dalle Federazioni a livello nazionale e locale e le possibili iniziative congiunte di sensibilizzazione sui temi dell’antidiscriminazione e del contrasto alla violenza, con particolare riferimento al mondo giovanile.

“Siamo molto soddisfatti – dichiara il direttore dell’UNAR Triantafillos Loukarelis - di questo primo incontro e ringrazio tutte le Federazioni che hanno partecipato con grande entusiasmo, dimostrando disponibilità e spirito di collaborazione, non solo nel voler contrastare i singoli casi di violenza e discriminazione qualora dovessero emergere nelle competizioni sportive, ma anche nel mettere in campo azioni di comunicazione, informazione e formazione per sensibilizzare il mondo dello sport nelle sue diverse componenti. L’obiettivo comune è quello di prevenire ogni forma di discriminazione e violenza e promuovere la cultura dell’inclusione, dei diritti umani, del rispetto e della valorizzazione delle differenze” - conclude Loukarelis.

Per FIR sono intervenuti la responsabile dell’ufficio dedicato alla CSR, Daniela De Angelis, ed il responsabile tecnico del rugby di base Daniele Pacini.

“L’applicazione concreta dei valori fondanti del Gioco nella società da parte dei nostri praticanti e di tutti i nostri stakeholders è parte integrante della visione del rugby italiano che FIR promuove a ogni livello” ha detto Daniela De Angelis “e siamo felici di aver riscontrato una crescente consapevolezza da parte di tutti del crescente valore che la responsabilità e le azioni che ne derivano ricopre per il nostro mondo. FIR si è dotata di linee guida per la tutela dei minori e, attraverso progettualità proprie e dei Club, come il Progetto Migranti ed il Rugby Integrato, è particolarmente attiva nell’ambito del pieno raggiungimento dell'eguaglianza"

 
FIR DEFINISCE LE LINEE GUIDA DEL CHILD SAFEGUARDING PER IL RUGBY ITALIANO PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Mercoledì 27 Gennaio 2021 17:36

miniragby 920x450
Roma -
La Federazione Italiana Rugby muove un ulteriore passo nella direzione di un Gioco pienamente inclusivo e di un rugby di comunità coerente con i valori fondanti del movimento italiano, attraverso l’adozione di Linee Guida comportamentali per tutti coloro che, nello svolgimento dei propri incarichi sportivi, siano a contatto con giocatori minorenni. 

L’obiettivo è la sensibilizzazione e l’incremento della consapevolezza in materia di tutela di minori da parte di chi  svolge la propria attività nell’ambiente sportivo. 

Sviluppate con il patrocinio  di  Unicef, le Linee Guida si propongono di fornire un quadro esaustivo di  buone pratiche che rendano ancor più solide le basi per lo sviluppo di un contesto rugbistico  sano, amichevole e gioioso in una continua evoluzione del Gioco nel nostro Paese. 

Le Linee Guida approvate dal Consiglio Federale FIR sono coerenti con la Convenzione dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza delle Nazioni Unite, ed offrono una panoramica di indicazioni mirate a facilitare la condivisione, l’ascolto delle problematiche e ad acuire il senso di responsabilità comune tra le componenti del movimento in tema di tutela dei minori. 

Un breviario di comportamenti a rischio, o percepibili come tali, contenuto nelle Linee Guida punta a scongiurare atteggiamenti che, seppur adottati inconsapevolmente da tecnici o altri operatori volontari, potrebbero prefigurare fattispecie di abuso su minori.

CLICCA QUI PER LE LINEE GUIDA

Onorio Rebecchini, Vice-Presidente della Federazione Italiana Rugby che ha supervisionato lla redazione delle Linee Guida sottoponendole poi al Consiglio Federale, ha dichiarato: “Si tratta di un primo passo nello sviluppo di un programma federale di Child Safeguarding indirizzato da un lato ad elevare la portata della comprensione dei formatori in questo ambito e, dall’altro, a ridurre e scongiurare qualsivoglia forma di abuso o discriminazione tra o verso i più giovani a cui, nel breve termine, faranno seguito iniziative e azioni concrete.Bambine e bambini sono la risorsa più preziosa del nostro movimento e i migliori ambasciatori del nostro sport di domani, è doveroso che FIR vigili e crei tutte le condizioni necessarie a garantire per tutti loro l’opportunità di vivere appieno i valori e la cultura del nostro sport. E’ nostro dovere contribuire alla formazione dei tecnici e dei tantissimi volontari che operano con passione ed entusiasmo al servizio del nostro sport anche al di fuori dal campo, per rendere l’esperienza dei nostri giovani sempre più inclusiva e sicura e contribuire così a creare in loro ricordi indelebili e positivi del loro rugby”.

 
FIR E OPES INSIEME PER IL SERVIZIO CIVILE NEI PROGETTI SOCIALI PDF Stampa E-mail
Impegno Sociale
Lunedì 25 Gennaio 2021 15:09

servizioopes

La collaborazione tra OPES, ente di Servizio Civile ed ente di promozione sportiva, e la Federazione Italiana Rugby ha portato per il 2021 all’inserimento nel bando per lo svolgimento del servizio civile universale di alcune delle progettualità sociali promosse dall’organo di governo del rugby italiano: il Progetto “Rugby Oltre le Sbarre” con La Drola di Torino nata all’interno della Casa Circondariale Lorusso e Cutugno e con Rugby Milano, impegnato a portare il Rugby nelle carceri di Bollate e San Vittore e nell’Istituto Penale Minorile Beccaria fanno coppia, nel bando, con il Progetto Rugby Integrato che, a Roma, vede impegnate la Primavera Rugby e l’Unione Rugby Capitolina. 

Partecipando al bando, sarà possibile scegliere di impegnarsi concretamente nel variegato mondo del rugby sociale al fianco dei Club e dei volontari impegnati nel progetto “Rugby Oltre le sbarre”, che propone la pratica della palla ovale come strumento di risocializzazione dei detenuti all’interno di alcuni istituti di pena, o nella progettualità del Rugby Integrato che, in coerenza con i principi d’inclusione tipici del Gioco, promuove la partecipazione all’attività rugbistica ad atleti con disabilità psichiche e intellettive attraverso una fitta rete di Club affiliati alla Federazione.

Scopri Rugby Oltre le Sbarre
Scopri Rugby integrato

Il servizio civile permette ai giovani tra i 18 e i 28 anni e 364 giorni di vivere un’esperienza unica, sia dal punto di vista professionale che umano, che li porta a valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale del nostro Paese, ad assistere i cittadini più fragili o ad avvicinarsi a settori come l’educazione, lo sport sociale ed il turismo sostenibile. 

Il termine per presentare la domanda di partecipazione è fissato alle ore 14:00 del 17 febbraio 2021.

Per avere ulteriori informazioni sul Servizio Civile

Daniela De Angelis, coordinatrice della Responsabilità Sociale FIR, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di contribuire a far conoscere, attraverso la collaborazione con Opes, due dei progetti sociali a cui FIR ed i suoi Club hanno dedicato maggiori sforzi e attenzioni. Il rugby nelle carceri ed il rugby integrato sono due meravigliosi esempi di come il nostro sport possa contribuire alle esigenze delle comunità nel quale è inserito e la possibilità di parteciparvi attraverso il Servizio Civile contribuirà a farli conoscere attivamente ad un nuovo pubblico di giovani impegnati nel sociale”.

 

 


Pagina 1 di 26
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
 

PARTNERSHIP FIR/TELETHON

copertina telethon

PARTNERSHIP FIR/SAVE THE CHILDREN

copertina save the children

PARTNERSHIP FIR/BANCA DEGLI OCCHI

banca occhi


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito