Guinness PRO14


BUONA PRESTAZIONE DEI LEONI MA NON BASTA A BATTERE I SAINTS PDF Stampa E-mail
Campionati
Domenica 12 Gennaio 2020 16:56

7D2 8797 1

Marcature: 6’ meta Mallinder, 11’ p. Allan, 33’ meta Benvenuti tr. Allan, 59’ meta van Wyk tr. Grayson, 65’ p. Allan, 71’ meta Dingwall tr. Grayson, 78’ meta Symons tr. Grayson.

Note: 28’ cartellino giallo a Trussardi

Northampton Saints:

15 Harry Mallinder (55’ Andy Symons), 14 Ollie Sleightholme, 13 Fraser Dingwall, 12 Rory Hutchinson, 11 Taqele Naiyaravoro, 10 James Grayson, 9 Henry Taylor (55’ Cobus Reinach), 8 Teimana Harrison (c), 7 Lewis Ludlam (41’ Mitch Eadie), 6 Courtney Lawes, 5 David Ribbans (23’ Alex Coles), 4 Api Ratuniyarawa (75’ Alexander Moon), 3 Paul Hill (62’ Owen Franks), 2 Sam Matavesi (55’ James Fish), 1 Francois van Wyk (62’ Ben Franks)

Head Coach: Chris Boyd

Benetton Rugby:

15 Jayden Hayward, 14 Leonardo Sarto (72’ Antonio Rizzi), 13 Tommaso Benvenuti, 12 Alberto Sgarbi (c), 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan, 9 Dewaldt Duvenage (3’ Charly Trussardi), 8 Marco Barbini (61’ Marco Zanon), 7 Giovanni Pettinelli, 6 Marco Lazzaroni, 5 Federico Ruzza (38’ Eli Snyman), 4 Alessandro Zanni (61’ Marco Fuser), 3 Tiziano Pasquali (40’ Cherif Traore), 2 Hame Faiva (61’ Engjel Makelara), 1 Nicola Quaglio (44’ Federico Zani)

Head Coach: Kieran Crowley

Al Franklin’s Gardens di Northampton la gara dei Leoni comincia in maniera non facile. Dopo appena tre minuti di gioco coach Crowley è costretto a fare a meno di Duvenage, al suo posto entra Trussardi.

Al 6’ invece arriva la prima marcatura inglese ad opera di Mallinder, Grayson non è preciso dalla piazzola. I Leoni si riorganizzano immediatamente mettendo pressione ai Saints e costringendoli all’in avanti: dalla conseguente mischia nasce la possibilità di andare per i pali che si concretizza con il preciso piazzato di Allan.

I biancoverdi oggi in maglia bianca a rombi multicolor, tengono bene il campo annullando ogni tentativo di attacco di Northampton. Al 28’ purtroppo Trussardi entra lateralmente nel drive inglese e viene punito con un cartellino giallo.

Nonostante l’inferiorità numerica, i Leoni cinque minuti più tardi passano in vantaggio grazie ad un ottimo intercetto di Benvenuti sulla metà campo. Il centro così si invola verso la meta avversa e schiaccia oltre la linea, Allan trasforma ed i Leoni si portano avanti 10 a 5.

Ed è con gli uomini di coach Crowley in vantaggio che si chiude la prima frazione di gioco.

La ripresa comincia proprio  come era cominciato il primo tempo, ovvero meta dei Saints dopo pochi minuti. La marcatura è opera del mediano di mischia Taylor, trasforma Grayson.

Come già accaduto, la reazione dei Leoni non tarda ad arrivare. Questa volta è Faiva a varca la linea di meta con il pallone in mano al termine di un solido drive cominciato sui 5m avversari. Allan dalla piazzola aggiunge i due punti.

Al 58’ ancora Allan ha la possibilità di allungare il divario ma il suo piazzato termina fuori. Un minuto dopo Northampton torna in vantaggio con la meta di van Wyk, trasformata da Grayson.

La gara è aperta ed al 65’ il punteggio cambia ancora una volta, Allan dalla piazzola centra i pali e porta il punteggio sul 20 a 19 in favore dei suoi.

Nel finale di gara i Saints ci provano prima con Naiyaravoro, la meta dell’ala viene annullata dal direttore di gara dopo un consulto con il TMO ma si torna sul loro vantaggio. I padroni di casa scelgono di riprendere il gioco con una mischia e la loro decisione viene premiata dalla conseguente meta di Dingwall poi trasformata da Grayson.

Infine, a due minuti dal termine, ai Leoni viene negata la consolazione del punto di bonus difensivo causa meta di Symons, Grayson non sbaglia dalla piazzola.

Il risultato finale dice Northampton Saints 33 Benetton Rugby 20.

 
QUARTO SUCCESSO CONSECUTIVO PER LE ZEBRE: A PARIGI IL XV DI MICHAEL BRADLEY SUPERA ALLO SCADERE LO STADE FRANÇAIS NEL 5° TURNO DI CHALLENGE CUP PDF Stampa E-mail
Campionati
Sabato 11 Gennaio 2020 18:11

Palazzani StadeFrancais Zebre

[Capitan Guglielmo Palazzani smista l'ovale al "Jean Bouin" di Parigi contro lo Stade Francais]

QUARTO SUCCESSO CONSECUTIVO PER LE ZEBRE: A PARIGI IL XV DI MICHAEL BRADLEY SUPERA ALLO SCADERE LO STADE FRANÇAIS NEL 5° TURNO DI CHALLENGE CUP

Parigi (Francia) – 11 gennaio 2020
EPCR Challenge Cup 2019/2020 – Pool 4, Round 5

Stade Français Vs Zebre Rugby Club 24-29 (p.t. 3-17)

Marcatori: 16’ Elliott tr Biondelli (0-7), 21’ cp Biondelli (0-10), 26’ cp Sengonds (3-10), 35’ Walker tr Biondelli (3-17); s.t. 41’ Naivalu tr Sengonds (10-17), 50’ Naivalu tr Sengonds (17-17), 67’ Bruno (17-22), 72’ Feuteu tr Sengonds (24-22), 77’ Biagi tr Palazzani (24-29)

Stade Français: Combrinck, Naivalu, Mapoe, Arrate, Lapegue, Segonds, Daguin (60’ Percillier), Koroi, Spring, Chapuis, Pyle, Azagoh, Melikidze (51’ Tagi), Panis (Cap) (66’ Angaaelangi), Mavinga (55’ Feuteu); All. Arias e Sempéré

Zebre Rugby Club: Padovani, Walker (35’ Laloifi), Elliott, Lucchin, Bruno, Biondelli (42’ Renton), Palazzani (Cap), Tuivaiti, Masselli (67’ Bianchi), Mbandà, Kearney, Ortis (52’ Biagi), Bello (48’ Tarus), Fabiani (57’ Ceciliani), Rimpelli (57’ Tenga); All. Bradley

Arbitro: Nika Amashukeli (Georgia Rugby Union)
Assistenti:
Shota Tevadze (Georgia Rugby Union) e Saba Abulashvili (Georgia Rugby Union)

Calciatori: Joris Sengonds (Stade Français) 4/6; Michelangelo Biondelli (Zebre Rugby Club) 3/3; Guglielmo Palazzani (Zebre Rugby Club) 1/2
Cartellini:
Punti in classifica: Stade Français 1, Zebre Rugby Club 5

Note: Velature sparse. Temperatura 8°. Spettatori 2000. Esordio stagionale in Challenge Cup per Massimo Ceciliani. Prima partita stagionale da capitano per Guglielmo Palazzani.

Cronaca: A distanza di quarantanove giorni dalla gara di andata a Parma, Zebre e Stade Français sono tornati a sfidarsi. Location del 5° turno della Challenge Cup 2019/20 è stato lo Stadio Jean Bouin di Parigi, impianto mai visitato sinora dai giocatori della franchigia federale che, di fatto, hanno disputato la loro prima partita di sempre nella capitale francese.

Le Zebre danno avvio ai propri 80’ col drop di Michelangelo Biondelli. I primi minuti della partita vedono il XV di Michael Bradley esplorare gli spazi alla mano: dopo un paio di mischie a favore su errore dello Stade Francais, sono i Parigini a dettare il gioco, forzando una penalità in touche quando siamo al 7’. I Transalpini scelgono di andare verso i pali, sbagliando però il tentativo dalla piazzola col n° 10 Joris Sengonds. I giocatori in maglia fucsia ci riprovano in rimessa laterale questa volta al 10’, sfruttando un altro calcio di punizione concesso da Palazzani e compagni. Gli ospiti fanno buona guarda, forzando un’ostruzione in attacco e liberando al piede dai propri 22. Nella ripresa dell’azioni la formazione italiana riuscirà a trovare la via della meta: al 16’ Biondelli inventa al piede per Bruno che da placcato ricicla deliziosamente per il n° 13 Jamie Elliott, libero di andare a schiacciare sotto i pali. Biondelli trasforma e allunga sul + 7, ripendosi poi al 21’ quando centrerà l’h dalla piazzola dopo un’altra penalità concessa dai Francesi. Le Zebre si portano così oltre il break ma tempo un giro di orologio e la squadra allenata da Arias e Seméré accorcerà le distanze con Sengonds che punisce il secondo fallo commesso dai giocatori della franchigia federale. Sul finale del primo tempo le Zebre troveranno anche la loro seconda marcatura. A schiacciarla è l’ala inglese Charlie Walker che, dopo aver ricevuto l’ovale a ridosso della linea di metà campo, seminerà il panico nella difesa transalpina e andrà a schiacciare l’ovale sotto i Pali. Biondelli completa il gioco da 7 punti, mentre sono in corso le operazioni di intervento medico sul 27enne originario di Leicester, costretto purtroppo a lasciare il campo per Laloifi dopo essersi fatto male nel momento della segnatura.

Il secondo tempo si apre nel peggiore dei modi per le Zebre. Dopo aver calciato il drop di inizio gara, lo Stade Francais riconquista il possesso e non fatica a trovare la via della meta con l’ala australiana Sefa Naivalu. Sengonds centra i pali e porta i suoi a distanza di break. Ospiti che dopo aver subito la marcatura sono costretti ad effettuare il loro terzo cambio per infortunio: dopo l’uscita di Walker per Laloifi e quella di Biondelli per Renton, coach Bradley fa entrare in campo anche George Biagi per Samuele Ortis. I Parigini non demordono e schiacciano la formazione italiana nei propri 22 lungo tutto l’arco dei primi 10’ della ripresa. Dopo un paio di reset in mischia chiusa, i giocatori in maglia fucsia troveranno al 51’ il varco vincente sempre con Naivalu. Sengonds non sbaglia il tentativo dalla piazzola e rettifica il parziale sul pari. La prima vera azione offensiva della ripresa del XV di Michael Bradley arriverà al 60’, quando le belle mani dei trequarti ospiti impensieriranno la difesa francese, costretta a ripiegare nella propria metà campo. Intanto comincia il traffico dalla panchina anche per lo Stade Francais che nei minuti centrali del secondo tempo rivoluziona in blocco la sua prima linea. L’inerzia della partita sorride però alla franchigia federale che al 67’ troverà proprio da mischia chiusa la sua terza marcatura, questa volta con l’ala Pierre Bruno, pescato da uno splendido assist a largo di Junior Laloifi. Il calcio di Palazzani si frange sul palo e lo score non decolla. La reazione dei Transalpini è però immediata e porterà oltre la linea di meta il neoentrato pilone Feuteu, autore di una carica vincente sui 5 metri. Sengonds questa volta completa il gioco da 7 punti e allunga sul + 2. Nel finale le Zebre risalgono il campo con una bella corsa di Padovani e ottengono anche una preziosa mischia sui 5 metri offensivi quando mancano quattro minuti al termine. Dopo un primo reset, ci prova Lucchin ma viene fermato proprio di fronte all’h. Gli avanti mutlicolor non si arrendono e andranno infine a schiacciare al 77’ col raccogli-e-vai vincente di George Biagi. Palazzani questa volta trasforma e firmerà il successo finale dei suoi sul 24 a 29.

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 13 gennaio, dando avvio alla settimana di allenamenti in vista del 6° ed ultimo turno della Challenge Cup, in programma sabato 18 gennaio a Parma contro gli Inglesi Bristol Bears.


Di seguito risultati e calendario della Pool 4 dell’European Rugby Challenge Cup 2019/20:

Round 1

Sabato 15 Novembre 2019, ore 20.45 – Stade Français 11 vs CA Brive 27 (0-4)

Sabato 16 Novembre 2019, ore 15.00 – Bristol Bears 59 vs Zebre Rugby Club 21 (5-0)

Round 2:

Venerdì 22 Novembre 2019, ore 20.00 – CA Brive 0 vs Bristol Bears 36 (0-5)

Sabato 23 Novembre 2019, ore 16.00 – Zebre Rugby Club 12 vs Stade Français 13 (1-4)

Round 3:

Sabato 7 Dicembre 2019, ore 15.00 – Bristol Bears 37 vs Stade Français 11 (5-0)

Sabato 7 Dicembre 2019, ore 16.00 – Zebre Rugby Club 27 vs CA Brive 24 (5-1)

Round 4:

Vendrdì 13 Dicembre 2019, ore 20.00 – CA Brive 24 vs Zebre Rugby Club 10 (4-0)

Sabato 14 Dicembre 2018, ore 21.00 – Stade Français 16 vs Bristol Bears 18 (1-4)

Round 5:

Sabato 11 Gennaio 2020, ore 15:00 – Stade Français 24 vs Zebre Rugby Club 29 (1-5)

Sabato 11 Gennaio 2020, ore 15.00 – Bristol Bears 52 vs CA Brive 3 (5-0)

Round 6:

18 Gennaio 2020, ore 15:00 – Zebre Rugby Club vs Bristol Bears

18 Gennaio 2020, ore 15:00 – CA Brive vs Stade Français

Quarti di finale: 3/4/5 Aprile 2020

Semifinali: 1/2/3 Maggio 2020

Finale 2020 – Stadio de Marsiglia, Francia

Finale European Rugby Challenge Cup – Venerdì 22 Maggio 2020

La classifica del girone 4 della Challenge Cup dopo il 5° turno: Bristol Bears 24, Zebre Rugby Club 11, CA Brive 9, Stade Français 6

 
I LEONI SCELTI PER VOLARE A NORTHAMPTON ED AFFRONTARE I SAINTS PDF Stampa E-mail
Campionati
Venerdì 10 Gennaio 2020 21:25

004-7D2 8493

Weekend di Heineken Champions Cup per i Leoni biancoverdi che domenica alle 14:00 italiane (13:00 locali) scenderanno in campo al Franklin’s Gardens per affrontare i Northampton Saints, secondi in classifica nel girone così come in Premiership.

A dirigere l’incontro sarà la terna francese composta da Pierre Brousset e dai suoi assistenti Tual Trainini e Pierre-Baptiste Nuchy. La gara verrà trasmessa in diretta su DAZN.

Il XV scelto vedrà la linea dei trequarti composta da Jayden Hayward ad estremo mentre sulle ali agiranno Leonardo Sarto e Monty Ioane. Coppia dei centri con Tommaso Benvenuti e capitan Alberto Sgarbi, infine a chiudere il reparto sarà la mediana occupata da Tommaso Allan e Dewaldt Duvenage.

Il pacchetto di mischia vedrà la prima linea con i piloni Nicola Quaglio e Tiziano Pasquali, insieme al tallonatore Hame Faiva. Seconda linea con Federico Ruzza alla sua 50esima presenza in biancoverde affiancato da Alessandro Zanni al rientro post infortunio. Chiuderanno il pack i flanker Marco Lazzaroni e Giovanni Pettinelli, con il numero 8 Marco Barbini.

Come per Ruzza, anche per Federico Zani che partirà dalla panchina qualora dovesse subentrare si tratterebbe della 50esima apparizione con i Leoni.

Benetton Rugby:
15 Jayden Hayward, 14 Leonardo Sarto, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Alberto Sgarbi (C), 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan, 9 Dewaldt Duvenage, 8 Marco Barbini, 7 Giovanni Pettinelli, 6 Marco Lazzaroni, 5 Federico Ruzza, 4 Alessandro Zanni, 3 Tiziano Pasquali, 2 Hame Faiva, 1 Nicola Quaglio

A disposizione:
16 Engjel Makelara, 17 Federico Zani, 18 Cherif Traore, 19 Eli Snyman, 20 Marco Fuser, 21 Charly Trussardi, 22 Antonio Rizzi, 23 Marco Zanon

Head Coach: Kieran Crowley

Indisponibili: Derrick Appiah, Tomas Baravalle, Ignacio Brex, Dean Budd, Simone Ferrari, Ornel Gega, Toa Halafihi, Michele Lamaro, Nasi Manu, Sebastian Negri, Marco Riccioni, Abraham Steyn, Ratuva Tavuyara, Tito Tebaldi.

Arbitro: Pierre Brousset (Francia)
Assistenti: Tual Trainini (Francia), Pierre-Baptiste Nuchy (Francia)
TMO: Eric Briquet-Campin (Francia)

LIVE – La gara potrà essere seguita in diretta su DAZN e testualmente sulla pagina Twitter ufficiale di Benetton Rugby con l’hashtag #NORvBEN e sull’App Mobile disponibile per iOS e Android.

Clicca qui per scaricare dall’App Store l’app ufficiale del Benetton Rugby per iOS

Clicca qui per scaricare da Google Play l’app ufficiale del Benetton Rugby per Android


SHARE
 
 

 
DODICI CAMBI E SEI NUOVI INNESTI NEL XV DELLE ZEBRE IN CAMPO SABATO A PARIGI CONTRO LO STADE FRANÇAIS NEL 5° TURNO DI CHALLENGE CUP PDF Stampa E-mail
Campionati
Venerdì 10 Gennaio 2020 13:40

Kearney Zebre StadeFrancais

[Mick Kearney sale in touche nella gara di andata a Parma - Alessio Ghiorzi]

DODICI CAMBI E SEI NUOVI INNESTI NEL XV DELLE ZEBRE IN CAMPO SABATO A PARIGI CONTRO LO STADE FRANÇAIS NEL 5° TURNO DI CHALLENGE CUP

OLIVIERO FABIANI E GEORGE BIAGI PRONTI AD AGGANCIARE DARIO CHISTOLINI AL 2° POSTO IN TERMINI DI PRESENZE CON LA FRANCHIGIA FEDERALE

Parma, 10 gennaio 2020 – Dopo tre fine settimana di stop, si ritorna a giocare sui campi europei della Challenge Cup. Sabato 11 gennaio alle 15:00 le Zebre disputeranno la loro prima gara di sempre a Parigi, affrontando allo Stade Jean Bouin lo Stade Français nel 5° turno di coppa.

La sfida aprirà la terza ed ultima finestra stagionale della fase a gironi del torneo, la quale si concluderà sabato 18 gennaio a Parma, sempre alle 15:00, col match di ritorno tra Zebre e Bristol Bears.

L’incontro tra la formazione italiana e quella transalpina non avrà copertura televisiva, ma sarà trasmesso in streaming -previa registrazione- sul sito web ufficiale dell’European Professional Club Rugby Challenge Cup. In alternativa, sarà possibile seguire la cronaca testuale della partita sull’account Twitter delle Zebre con l’hashtag di giornata #SFPvZEB.

Entrambe inserite nel Girone 4 della competizione in compagnia degli Inglesi Bristol Bears e dei Francesi del Brive, Zebre e Stade Français occupano rispettivamente il e il posto in classifica a quota 6 e 5 punti.

Clicca e scopri la classifica del Girone 4 della Challenge Cup

Le due squadre hanno infatti colto una sola vittoria in questa edizione di coppa e, a due giornate dall’epilogo della fase a gironi del torneo, sono di fatto estromesse dalla qualificazione ai quarti di finale, i quali vedranno la partecipazione delle cinque primatiste delle varie “Pool” e delle tre migliori seconde.

Questo sabato il XV di Michael Bradley avrà comunque l’occasione di pareggiare il bilancio degli scontri diretti con i Francesi, vincitori lo scorso 23 novembre della gara di andata disputata a Parma. Fu quello l’unico precedente tra le due compagini, destinate ad affrontarsi questo sabato per la loro seconda partita in assoluto.

Bisegni e compagni proveranno pertanto a centrare il loro quarto successo di sempre in trasferta in Challenge Cup, al netto delle quattordici uscite complessivamente disputate nel corso delle stagioni 2014/15, 2015/16, 2017/18, 2018/19 e 2019/20.

Sebbene reduci da una vittoria con punto di bonus ottenuta sabato scorso in casa contro i Sudafricani Cheetahs, per i giocatori della franchigia federale non è il migliore dei momenti per affrontare i Transalpini dell’ex Sergio Parisse, provenienti da tre successi consecutivi infilati in Top14.

A conclusione del 13° fine settimana di gioco nel massimo campionato francese, la squadra parigina ha potuto infatti scavalcare in classifica l’Agen, attualmente ultimo a 18 punti. Nonostante sia ancora ingabbiata in zona retrocessione, la formazione della Ville Lumière si è avvicinata minacciosamente a Pau, Bayonne e Castres, tutte e tre momentaneamente salve benché ferme a 23 punti, appena tre in più dello Stade Français.

Rispetto alla squadra titolare schierata contro i Cheetahs, sono dodici i cambi scelti da coach Bradley nel XV di scena a Parigi dove trovano spazio sei nuovi innesti arrivati nel corso dell’ultima campagna di rafforzamento estiva.

Si tratta dell’ala inglese Charlie Walker e del compagno di reparto Pierre Bruno, del centro adriese Enrico Lucchin, del regista ferrarese Michelangelo Biondelli, del seconda linea irlandese Mick Kearney e del giovane flanker di madre sudafricana Lorenzo Masselli.

Novità anche in panchina col ritorno del tallonatore valtellinese Massimo Ceciliani dopo il lungo infortunio muscolare e del permit player delle Fiamme Oro Rugby Iacopo Bianchi, entrambi già schierati nei primi tre fine settimana di gioco del Guinness PRO14 2019/20.

Una terna tutta georgiana arbitrerà questo 5° turno di Challenge Cup. A dirigere l’incontro sarà Nika Amashukeli, alla sua prima apparizione con i giocatori della franchigia federale in campo, i quali, oltretutto, non sono mai stati arbitrati da un primo fischietto georgiano. In campo al Goldington Road di Bedfort nel 4° turno del Sei Nazioni U20 tra Inghilterra e Italia, Amashukeli sarà coadiuvato per l’occasione dai connazionali Shota Tevadze e Saba Abulashvili.

La formazione dello Zebre Rugby Club che sabato 4 gennaio alle ore 16:00 scenderà in campo contro i Cheetahs allo Stadio Lanfranchi di Parma nel 10° turno di Guinness PRO14:

15 Edoardo Padovani* (82)

14 Charlie Walker (11)

13 Jamie Elliott (31)

12 Enrico Lucchin* (8)

11 Pierre Bruno (8)

10 Michelangelo Biondelli* (9)

9 Guglielmo Palazzani (Cap) (133)

8 Jimmy Tuivaiti (22)

7 Lorenzo Masselli* (3)

6 Maxime Mbandà* (49)

5 Mick Kearney (11)

4 Samuele Ortis* (18)

3 Eduardo Bello (39)

2 Oliviero Fabiani (115)

1 Daniele Rimpelli* (35)

A disposizione:

16 Massimo Ceciliani* (22)

17 Roberto Tenga (26)

18 Alexandru Tarus (8)

19 George Biagi (115)

20 Iacopo Bianchi (10)

21 Joshua Renton (27)

22 Junior Laloifi (5)

23 Leonard Krumov* (39)

All. Michael Bradley

Non disponibili per infortunio: Paolo Buonfiglio*, Francois Brummer, Tommaso Castello, Gabriele Di Giulio*, Danilo Fischetti*, Marco Manfredi, Marcello Violi*

Squalificato: Renato Giammarioli*

*è/è stato membro dell’Accademia FIR “Ivan Francescato”

Arbitro: Nika Amashukeli (Georgia Rugby Union)

Assistenti: Shota Tevadze (Georgia Rugby Union) e Saba Abulashvili (Georgia Rugby Union)

Diretta testuale del punteggio sull’account Twitter ufficiale delle Zebre Rugby con hashtag della gara #SFPvZEB

 
LE ZEBRE SEGNANO CINQUE METE E TRAVOLGONO I CHEETAHS 41 A 13: IL 10° TURNO DEL GUINNESS PRO14 VA AL XV DI MICHAEL BRADLEY CHE APRE IL 2020 CON UNA VITTORIA PDF Stampa E-mail
Campionati
Sabato 04 Gennaio 2020 19:16

Tuivaiti Zebre Cheetahs

[Tuivaiti in azione al Lanfranchi contro i Cheetahs nel 10° turno del Guinness PRO14 - Amarcord Fotovideo]

LE ZEBRE SEGNANO CINQUE METE E TRAVOLGONO I CHEETAHS 41 A 13: IL 10° TURNO DEL GUINNESS PRO14 VA AL XV DI MICHAEL BRADLEY CHE APRE IL 2020 CON UNA VITTORIA

Parma (Italia) – 4 gennaio 2020
Guinness PRO14 2019/20, Round 10

Zebre Rugby Club Vs Cheetahs Rugby 41-13 (p.t. 20-8)

Marcatori: 8’ Arnoldi (0-5); 13’ Walker tr Canna (7-5); 20’ cp Canna (10-5); 25’ cp Canna (13-5); 34’ cp Whitehead (13-8); 36’ Meyer tr Canna (20-8); s.t. 53’ Renton tr Canna (27-8); 62’ Meyer (27-13); 66’ Walker tr Canna (34-13); 76’ Bisegni tr Canna (41-13)

Zebre Rugby Club: Laloifi, Walker, Bisegni (Cap) (39’ Padovani, 40’ Bisegni), Lucchin, Bellini, Canna, Renton (72’ Palazzani), Licata, Meyer, Tuivaiti (47’ Mbandà), Nagle (66’ Biagi), Sisi (60’ Kearney), Zilocchi (44’ Bello), Bigi (66’ Fabiani), Lovotti (60’ Fischetti; 79’ Lovotti); All. Michael Bradley

Cheetahs Rugby: Smith, Barry, Small-Smith (50’ Schoeman), van Rensburg, Maxwane (55’ Pienaar), Whitehead, Meyer (Cap), Davis (55’ Van der Merwe), Pokomela, Massyn (75’ Olivier), Steenkamp (66’ du Preez), Manjezi, Coetzee (40’ de Bruini), Arnoldi (59’ Dweba), Venter (49’ de Jager; 75’Venter); All. Hawies Fourie

Arbitro: Sam Grove-White (Scottish Rugby Union)
Assistenti: Gianluca Gnecchi (Federazione Italiana Rugby) e Hollie Davidson (Scottish Rugby Union)
TMO: Paul Larter (Scottish Rugby Union)

Calciatori: George Whitehead (Cheetahs Rugby) 1/3; Carlo Canna (Zebre Rugby Club) 7/7
Cartellini:
Man of the match: Junior Laloifi (Zebre Rugby Club)
Punti in classifica:
Zebre Rugby Club 5, Cheetahs Rugby 0

Note: Cielo sereno con veli. Temperatura 7°. Terreno in buone condizioni. Spettatori 2200.

Cronaca: Esattamente come un anno fa, le Zebre hanno disputato la loro prima gara del 2020 contro i Sudafricani Cheetahs, rivali del Girone A del Guinness PRO14.

Le Zebre danno avvio ai propri 80’ col drop di Carlo Canna. Dopo una mischia a favore dei padroni di casa per un lancio in touche storto ed un’altra a vantaggio degli ospiti per un in-avanti di Licata, i Cheetahs sbloccano la gara all’8’ con Arnoldi. Il tallonatore in maglia biancoarancio va a schiacciare dopo essersi staccato dalla cassaforte sudafricana costruita nei 10 metri avversari dopo tre calci di punizione fischiati al XV di Michael Bradley. La reazione dei multicolor non si fa attendere: nella ripresa delle azioni una bella combinazione degli avanti lancia Licata lungo l’out di sinistra che calcia verso l’area di meta. Il più veloce è Smith che annulla tutto, ma dalla mischia sui 5 metri le Zebre troveranno la loro prima marcatura con l’ala inglese Charlie Walker. Canna centra i pali, firmando il sorpasso dei suoi quando siamo al 13’. Nei successivi 5’ i giocatori della franchigia federale continuano a portare pressione alla squadra di Bloemfontein; da una mischia nei 5 metri offensivi i padroni di casa lucreranno infatti la loro prima penalità, puntualmente convertita da Canna che fissa così il parziale sul 10 a 5. Le Zebre alzano il ritmo e si rendono autrici di buone cariche con Zilochi su tutti. I Cheetahs ripiegano nell’indisciplina, concedendo il loro secondo calcio di punizione al piede di Canna che al 25’ porta i suoi oltre il break sul 13 a 5. Prima dello scadere del primo tempo i Sudafricani crescono di intensità forzando due falli consecutivi al XV di Michael Bradley; al 34’ accorcerà dalla piazzola sul 13 a 8, ma già nel minuto successivo un placcaggio alto ai danni di Laloifi regalerà ai multicolor una touche nei 10 metri. Il lancio di Bigi è buono e in prima fase Johan Meyer troverà il giusto pertugio per andare a schiacciare. Canna completa il gioco da 7 punti, rettificando al 36’ lo score sul 20 a 8.

Nella ripresa i padroni di casa forzano un tenuto-a-terra con Meyer al 45’, sciupando però il lancio in touche sui 22. I Cheetahs vincono la battaglia in mischia chiusa e liberano al piede con la lunga gittata di Smith, ma le Zebre tornano padrone del possesso e risalgono 40 metri di campo alla mano ispirati dalla corsa di Laloifi; entrati in zona rossa, Renton inventa al piede in area di meta, ma la corsa di Bellini viene anticipata in area di meta ed è nulla di fatto. La marcatura era però nell’aria e al 53’ sarà lo stesso n° 9 neozelandese a siglarla, dopo aver beffato le guardie da una ripartenza da ruck. Canna è impeccabile e incamera ulteriori 2 punti. Gli ospiti provano a rispondere sfruttando due placcaggi sbagliati di Lucchin e Meyer, ma le loro manovre offensive sfumeranno sull’in-avanti di Dweba a pochi metri dalla linea di meta. I Sudafricani non si discostano comunque dalla zona punti e da una ripartenza da mischia chiusa feriranno la difesa della franchigia federale a largo col capitano Tian Meyer. Il tentativo dalla piazzola di Whitehead è però impreciso e il parziale rimane bloccato sul 27 a 13. Le Zebre non accusano il colpo e anzi si mostrano protagoniste della loro quarta marcatura, valevole per il punto di bonus offensivo. A segnarla è nuovamente l’ala inglese Charlie Walker che, dopo aver ricevuto l’assist di Bellini, dribla il difensore e va a schiacciare, con tanto di trasformazione di Canna quando siamo al 66’. Nei minuti finali le Zebre gestiscono bene il possesso, sfruttando gli errori e l’indisciplina sudafricana e trovando anche la loro quinta meta al 76’ col capitano Giulio Bisegni. Scade il tempo e le Zebre ottengono la loro terza vittoria stagionale, la terza oltretutto con punto di bonus, travolgendo i Cheetahs 41 a 13.

Le Zebre si ritroveranno alla Cittadella del Rugby di Parma lunedì 6 gennaio, dando avvio alla settimana di allenamenti in vista del 5° turno di Challenge Cup, in programma sabato 11 gennaio allo Stade Jean Bouin contro i Parigini dello Stade Francais.

 


Pagina 3 di 126
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito