Guinness PRO14


LEONARDO MARIN SI UNISCE AL BENETTON RUGBY PDF Stampa E-mail
Campionati
Mercoledì 21 Luglio 2021 16:39

benettonmarinIl Benetton Rugby è lieto di comunicare che Leonardo Marin si unirà alla franchigia biancoverde. Il mediano d’apertura, protagonista sino ad una settimana fa con l’Italia Under 20 che ha partecipato al Sei Nazioni di categoria, si aggregherà al resto del gruppo a partire dal 12 agosto.

Nato a Mestre il 23 febbraio 2002, Leonardo Marin è un mediano d’apertura tra i più promettenti a livello nazionale e nel panorama giovanile a livello internazionale. Marin è un utility back che sa giocare anche da estremo. Cresciuto all’Accademia Nazionale Ivan Francescato, nell’ultima annata Marin ha difeso i colori del Mogliano Rugby. Durante l’estate in corso ha militato con l’Italia Under 20 nel Sei Nazioni di categoria, giocando tutte e cinque le partite, segnando una meta e siglando in totale 23 punti.

Infine si precisa che Leonardo Marin, così come i già annunciati Gianmarco Lucchesi e Lorenzo Pani, farà parte degli atleti sotto contratto centralizzato con la Federazione Italiana Rugby.

 

 
ANDREANI, LUCCHESI, MARIN, NECULAI E PANI FIRMANO CON FIR PDF Stampa E-mail
Campionati
Mercoledì 21 Luglio 2021 07:23

 

fotosportit 93347 prCONTRATTI CENTRALIZZATI PER I GIOVANI ATLETI ASSEGNATI A BENETTON E ZEBRE RC
Roma - La Federazione italiana Rugby è lieta di annunciare di aver raggiunto un accordo centralizzato con gli atleti Luca Andreani, Leonardo Marin, Ion Neculai, Lorenzo Pani e Gianmarco Lucchesi. 
 
Il rinnovo di Lucchesi e la firma del contratto centralizzato da parte dei quattro atleti provenienti dalle strutture formative di FIR segna una nuova evoluzione del progetto tecnico, volto a garantire il migliore sviluppo possibile verso l’alto livello per i più interessanti prospetti del movimento nazionale, attraverso il loro inserimento nelle rose di Benetton Rugby e Zebre Rugby Club, secondo i principi condivisi con la Riunione di Verona del giugno 2021. 
 
 
Con la sottoscrizione del contratto da atleti emergenti di interesse nazionale, gli atleti contrattualizzati con FIR saranno assegnati alle franchigie italiane partecipanti allo United Rugby Championship ed alle competizioni organizzate da EPCR per la durata dell’accordo. 
 
Lucchesi, tallonatore classe 2000, è attualmente in forza alla Benetton Rugby ed ha fatto il proprio debutto in Nazionale Maggiore lo scorso 24 ottobre a Dublino, nel recupero dell’incontro di Guinness Sei Nazioni contro l’Irlanda: l’avanti livornese si è legato alla Federazione sino al 30 giugno 2023. 
 
Il flanker Andreani ed il pilone destro Neculai, classe 2001, hanno sottoscritto un contratto sino al 30 giugno 2024 mentre i trequarti Pani e Marin, entrambi classe 2000, saranno legati a FIR sino al 30 giugno 2025: i quattro giovani emergenti di interesse nazionale, dopo essere stati protagonisti nelle scorse settimane con la maglia dell’Italia U20 al Sei Nazioni di categoria in Galles, inizieranno nei prossimi giorni a lavorare con le Franchigie a cui saranno assegnati da FIR. 
 
I contratti centralizzati con gli atleti emergenti di interesse nazionale presentano, dalla Stagione 2021/22, una serie di modifiche alle clausole rispetto ai format precedentemente in uso.
 
Nel corso dell’ultimo decennio il progetto tecnico della Federazione è andato costantemente evolvendosi, com’è inevitabile in un contesto sportivo di alto livello come quello come cui il rugby italiano deve confrontarsi. Con l’accordo sottoscritto con quattro giovani atleti emergenti di interesse nazionale e la conferma di Lucchesi, che ha già trovato spazio sia a Treviso che in azzurro, muoviamo un nuovo passo in avanti nella programmazione di medio e lungo termine del nostro rugby d’elite, guardando ben oltre la prossima edizione della Rugby World Cup. 
Mettiamo i nostri giovani nella condizione di maturare ad alto livello nelle migliori condizioni, ed alle nostre due franchigie di contribuire attivamente alla crescita di quanto di meglio il nostro movimento sa produrre, consolidando al loro interno quel DNA italiano che riteniamo essere centrale nella nostra crescita sul palcoscenico internazionale. Siamo felici che Luca, Leonardo, Ion, Lorenzo e Gianmarco abbiano accolto la nostra proposta di legarsi stabilmente al rugby italiano e ansiosi di vederli mettersi in mostra con Benetton e Zebre RC, alzando la competizione interna all’interno delle nostre due Franchigie, anche in chiave Nazionale” ha dichiarato il Responsabile dell’Alto Livello FIR, Franco Smith. 

 

 
L’EX PILONE DELLA NAZIONALE ARGENTINA EMILIANO BERGAMASCHI È IL NUOVO ALLENATORE DELLA MISCHIA DELLE ZEBRE RUGBY PDF Stampa E-mail
Campionati
Lunedì 28 Giugno 2021 18:35

Bergamaschi comunicato

[Emiliano Bergamaschi dà indicazioni agli avanti della Nazionale Argentina - UAR]

L’EX PILONE DELLA NAZIONALE ARGENTINA EMILIANO BERGAMASCHI È IL NUOVO ALLENATORE DELLA MISCHIA DELLE ZEBRE RUGBY

IL 47ENNE ITALO-ARGENTINO È STATO ASSISTENTE ALLENATORE DEI PUMAS AL MONDIALE DEL 2015

Parma, 28 giugno 2021 – Zebre Rugby Club comunica di aver raggiunto un accordo con l’ex pilone della Nazionale Argentina Emiliano Bergamaschi, il quale ricoprirà l’incarico di allenatore della mischia della franchigia con sede a Parma fino al 30 giugno 2023.

Già assistant coach dei Pumas alla Coppa del Mondo del 2015, il 47enne originario di Paraná entra nello staff tecnico presieduto dall’Irlandese Michael Bradley dove svolgerà il ruolo di assistente allenatore al fianco di Fabio Roselli e in sostituzione di Andrea Moretti, nominato allenatore degli avanti della nazionale italiana.

Le dichiarazioni del Presidente di Zebre Rugby Club Michele Dalai: “Siamo felici di accogliere Emiliano Bergamaschi e siamo sicuri che grazie alle Zebre saprà dimostrare anche in Europa e Sudafrica il suo grande talento e la straordinaria preparazione tecnica nell'allenare il reparto degli avanti. A nome del club do ad Emiliano un caloroso nella nostra famiglia. Bergamaschi è un allenatore con origini legate al nostro territorio, ci aiuterà a rendere ancora più solido il senso di appartenenza, prossimità e condivisione di valori”.

Nato a Paraná il 4 maggio 1976, Emiliano Bergamaschi è cresciuto nelle giovanili del Club Atlético Estudiantes de Paraná, il club della sua città natale dove ha mosso i primi passi anche il centurione Azzurro Martín Castrogiovanni.

All’età di diciotto anni l’ex n° 1 si trasferisce a Rosario dove intraprende con successo la carriera universitaria in odontoiatria, svolgendo parallelamente quella rugbistica col Club Atlético del Rosario con cui vince nel 2000 il torneo provinciale.

L’anno seguente arriva l’esordio con i Pumas: il 23 maggio 2001 Bergamaschi scende in campo da titolare nella sua prima e unica gara con la nazionale maggiore, sconfiggendo 44-16 gli Stati Uniti ad Hamilton in Canada nel secondo turno del campionato panamericano vinto proprio dall’Argentina.

Prima di allora Emiliano ha rappresentato i colori della nazionale emergenti Argentina A, oltre che quelli dei Pumitas U19, arrivando fino alla finale del mondiale di categoria del 1995 perso contro la Francia.

Sempre nel 2001 l’ex n° 1 si trasferisce in Inghilterra dove debutta nel massimo campionato inglese e in Champions Cup con i Bristol Shoguns. Nel 2003/04 Emiliano firma il suo passaggio ai Saracens con cui esordisce anche in Challenge Cup e disputa la sua ultima stagione in Premiership, prima di chiudere la carriera da giocatore nel 2008 col club transalpino di Rouen nel campionato di terza divisione francese.

Una volta appesi gli scarpini al chiodo, l’ex pilone dei Pumas intraprende il suo percorso da allenatore. Dopo aver ricoperto diversi ruoli di tecnico e consulente all’interno della federazione argentina, Bergamaschi viene nominato nel 2013 assistente allenatore della franchigia dei Pampas XV con cui partecipa al prestigioso torneo provinciale dell’emisfero australe Vodacom Cup.

Nel 2015 entra a far parte dello staff tecnico della Nazionale maggiore, affiancando il capo allenatore Daniel Hourcade sulla panchina dei Pumas che chiudono al quarto posto il loro cammino alla Coppa del Mondo in Inghilterra.

Nello stesso anno diventa head coach della selezione Argentina XV, vincitrice del torneo sudamericano UruCup.

Nel 2016 si è aggiunge allo staff tecnico dei Jaguares, curando per quella stagione la mischia e la rimessa laterale della franchigia argentina da poco istituita per partecipare al massimo campionato australe Super Rugby.

Dopo aver allenato nel 2018 la selezione Sudamerica XV, Emiliano debutta nel campionato di massima divisione sudamericano. Nel 2020 guida da assistente allenatore il club paraguaiano Olímpia Lions, mentre nel 2021 assume l’incarico di capo allenatore della neonata franchigia con sede a San Paolo dei Cobras Brasil XV, entrando anche nello staff tecnico della nazionale maggiore brasiliana.

Bergamaschi – che vanta radici emiliane, discendendo da una famiglia originaria di Vallalta in provincia di Modena – ha il doppio passaporto italo-argentino ed è in procinto di intraprendere la sua nuova esperienza alle Zebre Rugby a luglio, a conclusione della prima fase del torneo tra nazioni americane organizzato da World Rugby per la qualificazione ai Mondiali del 2023 in Francia.

Le prime dichiarazioni del neoallenatore della mischia delle Zebre Rugby Emiliano Bergamaschi: “Innanzitutto, è un onore essere stato selezionato per allenare una squadra internazionale che partecipa ad una competizione di questo livello. Lavorare in uno staff con talento e grandi personalità sarà una bella opportunità di crescita che mi permetterà di portare la mia competenza ed esperienza nell’ambiente del club. Il trasferimento a Parma sarà anche un’occasione per me e la mia famiglia di vivere nella terra dei nostri nonni e apprendere la cultura italiana. Il mio principale obiettivo sarà innanzitutto quello di ricambiare la fiducia riposta nei miei confronti e le aspettative del club, ma anche quello di migliorare il gioco delle Zebre e la crescita dei giocatori nel massimo delle mie possibilità”.

 


Pagina 4 di 253

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito