Italia Femminile
L’ITALIA FEMMINILE TORNA A PARMA DAL 22 AL 25 LUGLIO PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Giovedì 15 Luglio 2021 10:10

raduno parmaRoma - Parma si appresta ad ospitare nuovamente l’Italdonne per il secondo collegiale estivo in calendario dal 22 al 25 luglio.  Sede degli allenamenti la struttura federale di Moletolo, la Cittadella del Rugby.

Le Azzurre arriveranno nella Città Ducale nel primo pomeriggio di giovedì 22. Come di consueto all’arrivo in hotel staff ed atlete si sottoporranno a test antigenico per accertare la negatività al Covid 19 di tutti i componenti del gruppo.

Il raduno terminerà nella tarda mattinata di domenica 25 luglio.

Assenti Ilaria Arrighetti (indisponibile per impegni personali) e Serena Settembri (infortunata), presenti al raduno dell’8-11 luglio, l’Italdonne ritroverà Lucia Cammarano, tallonatore/flanker delle Belve Neroverdi aquilane, e Sara Barattin, mediano di mischia dell’Arredissima Villorba, record di presenze Azzurre con 98 caps, completamente ristabilita dopo l’infortunio alla schiena procuratosi nell’ultimo impegno del Sei Nazioni (Dublino, 24 aprile, Irlanda-Italia).

Leggi tutto...
 
ILARIA ARRIGHETTI RICEVE IL TROFEO "REBECCA BRAGLIA" 2021 PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Venerdì 09 Luglio 2021 09:44

 

arrighetti premio braglia 2021IL PREMIO CONSEGNATO ALLA FLANKER DI ITALDONNE DA GIULIANO BRAGLIA AL RADUNO DI PARMA

Ilaria Arrighetti, terza linea della Nazionale femminile in forza allo Stade Rennais, 48 caps in maglia Azzurra, è stata insignita del Trofeo Rebecca Braglia per la stagione 2020-21.

Il Trofeo, istituito nel 2018 in memoria della giovanissima atleta dell’Amatori Parma prematuramente scomparsa a seguito di un trauma cranico durante una partita di Coppa Italia, è stato quest’anno assegnato all’Azzurra che si è maggiormente distinta durante il Women’s Six Nations 2021.

Arrighetti – inserita nel XV ideale del Torneo - è risultata la candidata più votata da un panel composto dalla Consigliera Federale Francesca Gallina, dal CT  dell’Italdonne Andrea di Giandomenico e da Maria Cristina Tonna, Coordinatrice del settore femminile di FIR.

Per il secondo anno consecutivo – a causa dello stop forzato dei campionati imposto dalla pandemia – l’assegnazione è avvenuta in deroga a quanto previsto dal regolamento del Trofeo, destinato alla Player of the Match della Finale di Campionato della Serie A Femminile, e conferito eccezionalmente alla rugbista che abbia dimostrato particolari meriti sportivi durante l’ultima finestra internazionale.

Oltre a celebrare i risultati sportivi di una singola atleta mantenendo vivo il ricordo e il sogno di Rebecca Braglia, il Trofeo che porta il suo nome rappresenta anche uno strumento concreto per mantenere alta la consapevolezza dell’intero movimento e vivo l’impegno della Federazione Italiana Rugby sulle forme di tutela e formazione, implementando la diffusione della cultura del player welfare e della sicurezza sul campo, in linea con le direttive indicate da World Rugby per quanto attiene i potenziali rischi derivanti da traumi cranici. 

Attribuire questo premio significa ricordare mia figlia. Sono felice di averlo consegnato ad Ilaria, non solo per i meriti sportivi, ma anche perché fa parte della stessa generazione di Rebecca – una volta, erano poche centinaia le ragazze che si confrontavano con i maschi, adesso il movimento femminile è strutturato e pronto per affrontare le difficoltà, come la recente pandemia. È come passare un testimone: mia figlia, nel suo piccolo, ha fatto la sua parte, ora tocca a Ilaria e alle altre atlete” ha detto Giuliano Braglia, padre di Rebecca.

Ringrazio il signor Braglia per il riconoscimento e per la continua testimonianza di fede e di speranza, trasmessa al movimento femminile attraverso la mia persona. Dedico questo premio alla mia squadra, perché un giocatore da solo non è mai forte, lo è il gruppo: lo dedico alle mie compagne, al loro impegno e ai sacrifici quotidiani” ha dichiarato Ilaria Arrighetti, inserita anche nel XV ideale del Sei Nazioni Femminile 2021.

Chi gioca a rugby vive di passione: così era per Rebecca.

È sempre più necessario che tutte e tutti vivano la propria passione non solo con entusiasmo, ma in un ambiente che tuteli, per quanto possibile, il loro benessere. 

Lavorare insieme ai Club per tenere viva l’attenzione sulla formazione, la prevenzione e la salute di tutte e tutti è un asse portante della politica federale e deve tradursi in senso di responsabilità e azione quotidiana di chiunque sia chiamato a garantire a giocatrici e giocatori di vivere il rugby in sicurezza” ha commentato la Consigliera Federale FIR, Francesca Gallina.

Trofeo “Rebecca Braglia” - Albo
2018 - Parabiago U16, Vincitore del Trofeo Interregionale Femminile (provvisorio) 

2019 - Aura Muzzo 
2020 - Valentina Cavina
2021 – Ilaria Arrighetti

 

 
L’ITALIA FEMMINILE A PARMA DALL’8 ALL’11 LUGLIO   PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Venerdì 25 Giugno 2021 08:39

allenamento collettivoRoma – Parma torna ad ospitare la Nazionale Maggiore Femminile dall’8 all’11 luglio per il primo dei quattro raduni che si svolgeranno tra luglio ed agosto in vista delle qualificazioni alla Coppa del Mondo 2021 in svolgimento in Nuova Zelanda dall’8 ottobre al 12 novembre 2022.  

Andrea Di Giandomenico, responsabile tecnico dell’Italdonne, ha selezionato per questo primo appuntamento nella Città Ducale trenta atlete che sosterranno la quattro giorni di preparazione presso la Cittadella del Rugby.

Le Azzurre si ritroveranno ancora a Parma dal 22 al 25 luglio, dal 5 all’8 agosto e dal 19 al 22 agosto.

Quattro raduni per formare e preparare la rosa azzurra per le qualificazioni alla Coppa del Mondo che si svolgeranno nel mese di settembre e che vedranno coinvolte oltre l’Italia, Scozia, Irlanda e Spagna; quest’ultima si è aggiudicata l’accesso alla qualificazione mondiale grazie alla netta vittoria sull’Olanda (87-0, 15 mete realizzate dalla formazione iberica) nella Finale del Rugby Europe Championship femminile 2020, match diretto dal fischietto italiano Clara Munarini.

Tra le trenta atlete figurano i nomi di quattro giocatrici alla prima convocazione con la rappresentativa italiana maggiore: Serena Settembri passata dal club inglese Bristol Bears Womens nelle fila del Valsugana Rugby Padova che troverà le compagne di squadra con le Valsu Emma Stevanin e Vittoria Vecchin, rispettivamente mediano di apertura e prima linea ed Emanuela Stecca, prima linea dell’Arredissima Villorba.

Il raduno avrà inizio alle 15.00 di giovedì 8 luglio e terminerà alle 14.00 di domenica 11 luglio. All’arrivo in hotel staff e giocatrici saranno sottoposti a test antigenico.

Di seguito la lista delle atlete convocate.

Ilaria ARRIGHETTI (Stade Rennais, Francia, 48 caps)
Natascia AGGIO (Valsugana R. Padova - esordiente)
Melissa BETTONI (Stade Rennais, Francia, 61 caps)
Alyssa D’INCA’ (Arredissima Villorba, 1 cap)
Giordana DUCA (Valsugana Rugby Padova, 21 caps)
Valeria FEDRIGHI (Stade Toulousain, Francia, 25 caps)
Giada FRANCO (Rugby Colorno, 18 caps)
Manuela FURLAN (Arredissima Villorba, 78 caps)
Lucia GAI (Valsugana Rugby Padova, 73 caps)
Elisa GIORDANO (Valsugana Rugby Padova, 46 caps)
Francesca GRANZOTTO (Arredissima Villorba – esordiente)
Isabella LOCATELLI (Rugby Monza 1949, 25 caps)
Veronica MADIA (Rugby Colorno, 22 caps )
Maria MAGATTI (CUS Milano, 36 caps)
Gaia MARIS (Valsugana Rugby Padova, 3 caps)
Michela MERLO (Rugby Colorno - 9 caps)
Aura MUZZO (Arredissima Villorba, 17 caps)
Vittoria OSTUNI MINUZZI (Valsugana Rugby Padova, 6 caps)
Laura PAGANINI (CUS Milano – 3 caps )
Beatrice RIGONI (Valsugana Rugby Padova, 46 caps)
Serena SETTEMBRI (Valsugana Rugby Padova - esordiente)
Sara SEYE (Kawasaki Robot Calvisano, esordiente)
Francesca SGORBINI (ASM Romagnat, Francia, 8 caps)
Michela SILLARI (Valsugana Rugby Padova, 60 caps)
Emanuela STECCA (Arredissima Villorba – esordiente)
Sofia STEFAN (Valsugana Rugby Padova, 59 caps)
Emma STEVANIN (Valsugana R. Padova – esordiente)
Sara TOUNESI (ASM Romagnat, Francia, 18 caps)
Vittoria VECCHIN (Valsugana R. Padova – esordiente)
Beatrice VERONESE (Valsugana Rugby Padova, 6 caps)

 

 
FURLAN: DOPO L’IRLANDA “TROPPI ERRORI NELLA GESTIONE DELLA PARTITA” PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 24 Aprile 2021 14:49

 

fotosportit 77403 pr


DI GIANDOMENICO: “INFERIORI NEL COMBATTIMENTO E NEI POSSESSI DI QUALITA’”

Dublino -L’Irlanda ha mostrato maggiore determinazione, noi abbiamo pagato i tanti errori commessi nella gestione della partita. Nel secondo tempo abbiamo evidenziato dei progressi in rapporto alla prima frazione di gioco, ci sono molti aspetti positivi del rugby espresso nella ripresa. Ripartiamo da quanto di buono abbiamo espresso e dal quarto posto con cui chiudiamo questo Torneo” sintetizza il capitano dell’Italdonne Manuela Furlan al termine della sfida di Dublino contro l’Irlanda, ultimo turno del Sei Nazioni Femminile 2021 concluso con il successo del XV in verde per 25-5.

Abbiamo commesso errori che normalmente non fanno parte delle nostre prestazioni ed è difficile rimontare un avversario come l’Irlanda se lo si lascia allungare troppo nel punteggio. Siamo rimaste sorprese dalla loro partenza, ci hanno messo da subito sotto grossa pressione e non siamo state capaci di reagire immediatamente. Nel secondo tempo abbiamo provato maggiormente a usare il piede per uscire dalla pressione, resta il rammarico per non essere riuscite ad esprimere maggiormente come fatto nelle prime due partite” ha concluso Furlan. 

Il capo allenatore azzurro Andrea Di Giandomenico analizza: “Ci è mancata forse un poco di esperienza, soprattutto in fase offensiva, ed in generale un maggiore equilibrio nel nostro gioco. Avremmo dovuto rimanere maggiormente sul piede avanzante per sfruttare al meglio la nostra capacità di giocare con efficacia ed in velocità negli spazi. Ovviamente non siamo contenti della prestazione, l’Irlanda ha vinto la guerra sotto il punto di vista del combattimento. Questo ci ha impedito avanzamento e di dare ritmo al gioco, le nostre avversarie hanno vinto battaglia territoriale e dominato sui punti d’incontro.

Specialmente nel primo tempo abbiamo subito la mancanza di possessi di qualità in particolare da rimessa laterale, nella ripresa abbiamo migliorato sotto questo punto di vista ma troppa imprecisione ci ha impedito di sviluppare nostro gioco. Pieno credito all’Irlanda per la vittoria, mi prendo la responsabilità per la non prestazione della nostra squadra. 

Complessivamente abbiamo vissuto tre settimane di raduno e di lavoro molto positive, le ragazze hanno lavorato nel migliore dei modi e mi dispiace non essere riuscito a metterle nelle condizioni di disputare al meglio la gara contro le irlandesi. Centrale è stato il combattimento, da cui in questo sport non si può prescindere. Ed è un dato di fatto che oggi sotto questo punto di vista siamo state inferiori”. 

 

 

 


Pagina 1 di 127

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR

covid-faq-fir

Banner 300x150

sportpertutti-2021

banner sitofederugby

keep_rugby_clean
 

banner-newsletter-2020


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito