Italia


RWCQ 2021, L'IRLANDA SUPERA 15-7 L'ITALIA NEL SECONDO TURNO PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Domenica 19 Settembre 2021 16:16

 

rwcq 2021 barattin italiaParma – Termina con il risultato di 15-7 per l’Irlanda il match contro l'Italia valido per il secondo turno del torneo di qualificazione alla Rugby World Cup. Nella giornata in cui Sara Barattin ha toccato quota 100 caps in Nazionale – prima giocatrice dell’Italdonne a raggiungere questo traguardo – le Azzurre vengono superate dalle avversarie in un match molto  combattuto con le irlandesi che hanno sfruttato al meglio la momentanea superiorità numerica nel secondo tempo vincendo il match e raggiungendo in classifica l’Italia a quota 5 punti.

Inizio di partita molto combattuto con tanti placcaggi e con entrambe le difese che chiudono bene gli spazi. Al 18’ le Azzurre alzano il ritmo e con un’azione prolungata guadagnano campo prima di essere fermate a circa 10 metri dalla linea di meta. Sul ribaltamento di fronte è l’Irlanda ad andare vicina segnare i primi punti con Flood che centra il palo su calcio piazzato al 25’ da circa 20 metri in posizione defilata. Pochi istanti dopo la squadra di Griggs sblocca il risultato con un’azione corale finalizzata da Parsons che schiaccia l’ovale in meta accanto alla bandierina sul lato destro d’attacco. La reazione dell’Italdonne è immediata con la squadra di Andrea Di Giandomenico che gioca bene e va ad un passo dal pareggio con Gai e Bettoni che vengono placcate a pochi centimetri dalla linea di meta.

Leggi tutto...
 
LE NUOVE MAGLIE DELL'ITALRUGBY: AZZURRE, BIANCHE E DALL'ANIMA GREEN PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Martedì 07 Settembre 2021 11:08

campagna macron maglia italia 2021 22BOLOGNA, 00 agosto 2021 – In questa estate 2021 l’azzurro Italia è un colore decisamente vincente e azzurro Italia è il colore della nuova maglia ‘Home’, insieme al bianco della nuova ‘Away’, che la Federazione Italiana Rugby e Macron, the Hero company, hanno presentato e che tutte le Nazionali maschili e femminili indosseranno nel corso dei rispettivi impegni internazionali nel corso della stagione 2021-2022. Maglie che insieme ai tradizionali colori che rappresentano il nostro rugby nel mondo, hanno, nell’anima, il ‘green’ della sostenibilità e del rispetto per l’ambiente.

I kit gara degli azzurri sono infatti realizzati con tessuto Eco-Fabric, poliestere 100% proveniente da plastica riciclata e certificato dal Global Recycled Standard. Macron crede fortemente nella sostenibilità dimostrando la propria green attitude e applicando alla propria produzione scelte tecnologiche di alto profilo e nel rispetto e protezione dell’ambiente. Scelte condivise e fatte proprie anche dalla Federazione Italiana Rugby.

La nuova ‘Home’ si conferma nel tradizionale azzurro Italia e ha il collo a V con bordo bianco. Il backneck è personalizzato con lo stemma della F.I.R. Dettagli bianchi sono presenti anche sui bordi manica e negli inserti sui fianchi. Sul petto a destra è applicato in bianco il Macron Hero, logo del brand italiano, a sinistra, lato cuore lo stemma della Federazione Italiana Rugby. Nel retrocollo è stampata, tono su tono, la scritta ITALIA sotto alla quale è posta la bandiera italiana. La caratteristica che contraddistingue il nuovo kit casalingo è il disegno tono su tono ad effetto pixelato e sfumato in grafica sublimatica presente sul corpo anteriore della maglia. I pantaloncini sono bianchi con bande azzurre sui fianchi. I calzettoni sono azzurri con banda bianca sul bordo superiore e due coppie di fini righe bianche orizzontali al centro.

La versione ‘Away’ è bianca riprende stilisticamente le caratteristiche della Home. Il collo è a V con bordi in azzurro Italia, così come azzurri sono i dettagli sulle maniche e degli inserti sui fianchi. Il backneck è personalizzato e ne retrocollo esterno, tono su tono, appare la scritta ITALIA e la bandiera tricolore. Sul petto in azzurro il Macron Hero e a sinistro lo stemma della F.I.R. Anche in questo caso è presente nel corpo anteriore della maglia la grafica ad effetto pixelato e sfumato dall’alto vero il basso. Il kit è completato da pantaloncini azzurri con coulisse bianche e bande bianche laterali e calzettoni bianchi con bordo superiore azzurro e due coppie di righe orizzontali azzurre al centro.

Tutte le maglie hanno una vestibilità Body e i tessuti utilizzati sono nello specifico Eco-Armevo con inserti in Eco-Boditex , materiali che oltre a leggerezza e traspirabilità, assicurano la massima resistenza. I nuovi kit gara, così come l’esclusiva linea di abbigliamento e merchandising che Macron realizza per la Federazione Italiana Rugby, sono disponibili nella sezione dedicata alla Nazionale azzurre sul sito macron.com

 

 

 
IL RUGBY ITALIANO PIANGE TITO LUPINI, AZZURRO N. 399 PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Venerdì 23 Luglio 2021 10:07

fotosportit 1783 prRoma - Ha raggiunto Massimo Cuttitta nel paradiso dei piloni. Tito Lupini, Azzurro n. 399,  se n’è andato a sessantacinque anni, in Sudafrica, per complicazioni successive all’infezione da Covid-19.

Nato a Johannesburg, dove aveva rappresentato il Transvaal, si era trasferito negli Anni ’80 a Rovigo dove con i Bersaglieri aveva conquistato, recitando da protagonista sul lato destro prima linea rossoblù, i titoli di Campione d’Italia nel 1987-88 e nel 1989-90, quest’ultimo nella doppia veste di giocatore e allenatore.

Indimenticabile il suo 1987, con l’esordio del 12 aprile in maglia azzurra, a Costanza contro la Romania, in Coppa Europa, dove Lupini aveva meritato la convocazione del CT azzurro Marco Bollesan per la prima Rugby World Cup che, di lì a un mese, avrebbe portato l’Italrugby a vivere un’indimenticabile avventura iridata in Nuova Zelanda.

Sempre titolare contro gli All Blacks, nella partita inaugurale della Webb Ellis Cup, e poi contro Argentina e Fiji, Tito avrebbe inanellato dieci caps consecutivi sino al 1988 prima di chiudere la carriera internazionale dove l’aveva cominciata, contro la Romania, il 15 aprile del 1989, sempre in Coppa Europa.

Uomo di mischia nel profondo, dopo il ritiro dal rugby giocato nel 1992 era rimasto legatissimo al Rovigo con cui aveva raggiunto, da capo allenatore, la Finale-scudetto nel 1992, persa con la Benetton Rugby per poi tornare in rossoblù come tecnico degli avanti dal 2007 al 2010:  nel mezzo, tre anni come allenatore della mischia della Namibia.

Marzio Innocenti, Presidente della FIR, di Lupini era stato avversario nei derby tra Petrarca e Rovigo ma, più di ogni altra cosa, Capitano in azzurro, condividendo con il pilone nato in Sudafrica l’indimenticabile viaggio neozelandese del 1987. Il Presidente federale ha ricordato con profondo affetto il compagno scomparso: “ Non ci sono parole, solo dolore per la morte di Tito. Sapevo che il Covid lo aveva colpito e speravo che ce l'avrebbe fatta.  Invece no, come Massimo Cuttitta, se ne è andato nel paradiso dei piloni. Loro sicuramente ci vanno perché l'inferno lo hanno conosciuto sulla terra, nelle mischie di una partita di rugby. Voglio tornare con la memoria a quel giorno di maggio del 1987 quando quindici ragazzi italiani e quindici neozelandesi aprirono una nuova era nella storia del Rugby. C'era tanto sole e tante nuvole e c'erano i gabbiani. Eravamo fianco a fianco, fratelli sull'erba. Sono profondamente commosso dalla scomparsa di Tito e vicino, insieme a tutta la nostra Nazionale del 1987, alla sua famiglia, agli amici di Rovigo ed a tutti coloro che gli hanno voluto bene”.

 

 

 


Pagina 1 di 805

facebook bar2 Facebook Twitter YouTube

TEST AUTUNNALI 2021

ITALIA VS NUOVA ZELANDA

Italy

SAB 6 NOV 
0 - 0
SEDE DA DEFINIRE

ITALIA VS ARGENTINA

Italy

SAB 13 NOV 
0 - 0
SEDE DA DEFINIRE

ITALIA VS URUGUAY

Italy

SAB 20 NOV 
0 - 0
SEDE DA DEFINIRE

  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR

covid-faq-fir

Banner 300x150

sportpertutti-2021

banner sitofederugby

keep_rugby_clean
 

banner-newsletter-2020


I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito