Italia U 20


MONDIALI U20, L’ITALIA SBATTE CONTRO L’ARGENTINA: ALLO ZAFFANELLA DI VIADANA VINCONO I PUMITAS PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Lunedì 15 Giugno 2015 18:24

Giammarioli 51Q0178Viadana (MN) - Nella prima sfida della quarta giornata del campionato del mondo Under 20 lo Stadio Zaffanella di Viadana ha ospitato la sfida tra l’Italia di coach Troncon e gli argentini di Fernandez-Lobbe in un importante derby latino valevole per la semifinale del terzo gruppo di merito per i piazzamenti dal 9° al 12° posto. Gli Azzurrini, decimi al termine della fase a gironi, hanno affrontato i Pumitas undicesimi dopo le prime tre sfide della Pool A. Al contrario della stessa sfida della fase a gironi della scorsa edizione in Nuova Zelanda nel Giugno 2014, la vittoria è andata ai giovani argentini che così mantengono la categoria e lasciano agli Azzurrini la sfida da dentro o fuori contro la perdente di Samoa-Giappone sabato prossimo alle 16.30 allo Stadio Zini di Cremona.

 

World Rugby U20 Championship – Semifinale 9° posto

Argentina v Italia 46-5 (p.t. 31-0)

Marcatori:  8’ m Miotti tr Miotti (7-0); 13’ m Bazan Velez tr Miotti (14-0); 18’ m Bazan Velez (19-0); 31’ m Bartoloni tr Miotti (26-0);  43’ m Granella (31-0); s.t. 4’ m Luus (31-5); 11’ cp Boffelli (34-5); 17’ m Dominguez (39-5); 35’ m Baronio tr Boffelli (46-5);

Argentina: Boffelli, Resino, Granella, Ezcurra (cap) (17’ s.t. Ferro), Dominguez, Miotti (6’ s.t. Albornoz), Velez (15’ s.t. Baronio); Paz (14’ s.t. Gasparri), Deheza, Paolucci, Larrague, Calas (14’ s.t. Rosti), Bartoloni (14’ s.t. Bello), Calles (14’ s.t. Baldunciel), Ocello (19’ s.t. Diaz) All.Fernandez-Lobbe

Italia: De Santis, Masato, Gabbianelli, Lucchin, Beraldin (1’ s.t. Sperandio), Minozzi (7’ s.t. Azzolini), Raffaele (16’ s.t. Ferrari); Giammarioli (40’ Cornelli), Polledri, Archetti, Zanetti (24’ s.t. Ortis), Lazzaroni; Cincotto (12‘ s.t. Pavesi), Ferraro (35’ Luus), Buonfiglio (cap) (12’ s.t. Dallavalle) All. Troncon

Arbitro: Lloys Lynton (Scottish Rugby Union)

Assistenti: Carlo Damasco e Stefano Roscini (Federazione Italiana Rugby)

Calciatori: Minozzi (Italia) 0/1;  Miotti (Argentina) 3/5, Bofelli (Argentina) 2/3

Cartellini: al 9° s.t. giallo a Deheza (Argentina),

Note: cielo poco nuvoloso, temperatura 29°. Terreno in ottime condizioni. 1200 spettatori circa

La Cronaca
Subito battaglia a Viadana tra le due squadre determinate a superarsi per staccare già oggi il pass salvezza per partecipare alla prossima edizione della World Rugby U20 Championship. Al primo minuto in ruck arriva il fallo per Buonfiglio e compagni che attaccano dalla rimessa laterale con una maul e un bel multifase: Beraldin prova il break ma contiene la difesa degli argentini oggi in maglia blu. L’Italia è padrona del possesso nei primi minuti ma perde il primo ingaggio. La prima possibilità in attacco è sfruttata da Ezcurra e compagni con Miotti che va in meta sfruttando l’ottimo riciclo di Boffelli. Faticano ancora gli Azzurrini in mischia chiusa ma dimostrano grande reattività sui punti d’incontro recuperando l’ovale. Riparte ancora dalla rimessa l’attacco italiano che lancia Lucchin ma il seguente gioco al piede non è efficace ed è recuperato dalla linea arretrata albiceleste che trova il break in contrattacco con Bazan Velez che s’ivola sull’out sinistro per segnare. Reagisce subito la formazione di Troncon col break di Gabbianelli che innesca Lazzaroni: sui 10 metri sfuma lo sforzo offensivo azzurro che porta solo ad una rimessa. Il drive seguente perde però il possesso e l’azione si sposta rapidamente sul versante opposto con gli argentini a mostrare buone mani: è ancora il mediano di mischia ad andare in meta in supporto del guizzo di Granella questa volta sull’ala destra. L’indisciplina argentina permette agli Azzurrini un piazzato sui 30 metri al 21° che Minozzi spedisce in rimessa: è ottima la difesa argentina che contiene nuovamente la maul italiana prima del water break. Si riparte con una pregevole azione alla mano italiana che trova spazio sull’out sinistro: l’attivo Beraldin prova a superare l’ultimo avversario con un chip ma non riesce a controllare l’ovale. Dopo uno scambio di pedate tra i due triangoli allargati risale il campo l’Italia che trova un altro fallo per un placcaggio non chiuso. La touche azzurra non riesce a creare pericoli ai sudamericani che si ripropongono in attacco in avanzamento. De Santis porta fuori Resino a pochi passi dalla meta ma la rimessa di Ferraro è lunga e viene raccolta da Bartoloni che segna la quarta meta ospite. L’Italia non ci sta e continua a premere coi propri avanti lanciati contro la linea argentina ma il controllo dell’ovale è spesso difficoltoso e innesca ancora il veloce contrattacco argentino. Cresce la mischia chiusa italiana nel finale di tempo ma è ancora Argentina in meta con Granella al largo dopo due veloci punti d’incontro.

La ripresa inizia con l’Argentina che non difende la maul italiana e subisce il break di Luus: i raccogli e vai costringono Ezcurra e compagni al fallo vicino alla linea di meta. Minozzi fallisce il calcio passaggio al largo poi decide per la touche. Questa volta la spinta è efficace ed arriva la meta di Luus. La battaglia tra gli avanti si sposta nei 22 italiani dove arriva il turn-over contro il drive argentino che subisce anche il giallo a Deheza. In inferiorità numerica Boffelli decide di calciare ai pali il fuorigioco azzurro sui 30 metri e porta i parziale sul 34-5. Gli Azzurrini trovano territorio in attacco ma non riescono a segnare cadendo ancora nell’indisciplina in difesa ma stavolta la pedata dell’estremo argentino sul piazzato è larga. Alll’ora di gioco l’Italia prova a risalire il campo con profitto ma subisce nuovamente le veloci ripartenze argentine: inutile la rincorsa di Masato sul veloce Dominguez che segna la sesta meta. Esauriti i cambi per entrambe le panchine sono gli Azzurrini a tenere viva la gara frustrando però i loro sforzi su errori di controllo dell’ovale. Arginata un’altra sgroppata solitaria dei trequarti sudamericani è la touche l’arma scelta dal XV di Troncon per superare la difesa argentina che si erge però sui 20 metri e recupera l’ovale. A cinque minuti dal termine nuova importante azione del numero 11 argentino che questa volta decide di superare l’ultimo difensore italiano con un calcetto per il compagno Baronio che raccoglie e segna. Difesa ospite ancora sugli scudi a pochi minuti dal termine a negare la segnatura alla mano all’Italia che saluta Viadana con una sconfitta.

Le parole dell’head coach dell’Italia Alessandro Troncon in sala stampa nel post-partita :”E’ stata una gara sicuramente difficile. Abbiamo fatto poco di quello che abbiamo lavorato. Senza il possesso ogni squadra ha difficoltà nel proporre il proprio gioco, è quello che è successo a noi quest’oggi. L’Argentina ha giocato difendendo bene ed attaccando sui nostri errori; l’anno scorso abbiamo vinto noi oggi invece è stata più brava vincendo meritatamente”.

Il focus dell’ex numero nove azzurro è sulla prossima decisiva sfida di sabato allo Zini di Cremona :”Abbiamo ancora un’ultima gara che può salvare il nostro mondiale e il nostro anno. Il nostro obiettivo è rimanere nel gruppo elite ma sarà comunque difficile, nessuna gara è vinta prima di essere giocata. Ho detto ai ragazzi nello spogliatoio poco fa che dobbiamo essere più efficaci e giocare meglio a rugby, giocando come oggi sarà difficile contro chiunque. Dobbiamo limitare gli errori di trasmissione, di possesso, sui placcaggi: la precisione dev’essere un’esigenza individuale che devono aver tutti i giocatori. Dobbiamo tornare ad essere capaci di proporre quanto di buono fatto in questo mondiale nell’ultima opportunità che avremo sabato”.

Il capitano degli Azzurrini Paolo Buonfiglio sprona i suoi compagni in vista del prossimo spareggio :”Anche oggi abbiamo avuto un approccio giusto, siamo stati bravi i primi minuti come in ogni gara in questo mondiale dove eravamo passati in vantaggio per primi. Oggi non è successo; eravamo a pochi metri dalla meta mentre loro al primo pallone hanno segnato: dobbiamo risolvere questo aspetto, a questo livello bisogna concretizzare. Contro Samoa o Giappone sabato non avremo molte occasioni e dovremo essere più cinici“.

Fernando Gauteri, coach degli avanti argentini :”Partita iniziata bene per l’Italia, loro volevano giocare con gli avanti noi volevamo mettere in campo il rugby che stiamo lavorando da un po’ dinamico e palle fuori ma sapevamo di dover difendere bene le fasi statiche. Ci siamo preparati bene e siamo riusciti a lanciare il nostro gioco”.

Patricio Baronio: ”Grazie ad una mischia solida siamo riusciti a mettere le basi per il nostro gioco avanzante con e senza palla mettendo in difficoltà l’Italia: nostro obiettivo”.

 
MONDIALI U20, A CALVISANO LE FUTURE STELLE DEL RUGBY SI GIOCANO UN POSTO NELLA FINALE IRIDATA PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Domenica 14 Giugno 2015 15:35

 

MP150610X 0023 James ChisholmBrescia – Mancano 24 ore alle due semifinali che decideranno quali saranno le squadre che sabato 20 giugno giocheranno la finalissima allo stadio “Zini” di Cremona, dalla quale uscirà la nazionale Campione del Mondo Under 20 “2015”.

A contendersi lo scettro domani a Calvisano, dalle 18.30, saranno in quattro: Nuova Zelanda, Francia, Sudafrica e Inghilterra.

I “Baby Blacks” che se la vedranno con la Francia al “San Michele” alle 18.30 (differita Sportitalia il 16/6 alle ore 08.00), inseguono il quinto titolo su sette edizioni disputate dal 2008 (quattro vittorie di fila e una volta rispettivamente secondi, terzi e quarti). Il cammino dei neozelandesi nella Pool C è stato caratterizzato da tre vittorie, una arrivata nei minuti finali con un calcio piazzato contro l’Argentina e un’altra che ha fatto registrare il record di punti segnati finora in un match di questa edizione dei Mondiali U20 (68-10 con la Scozia); i “Bleus”, che possono anche loro vantare tre vittorie su tre match che li hanno proiettati al vertice del girone A, hanno come imperativo almeno quello migliorare la quarta piazza conquistata nel Mondiale italiano del 2011, unica volta in cui i galletti sono riusciti a qualificarsi per le semifinali.

Al titolo 2015 punta decisamente anche il Sudafrica che da quando si disputano i Mondiali U20 ha mancato solo una volta le semifinali, nel 2011, vincendo un titolo nell’edizione casalinga dell’anno successivo, vicecampione nel 2014 e arrivando ben quattro volte terzo (2008, 2009, 2010 e 2013). I “Junior Springboks” arrivano alle semifinali dopo un girone vinto a mani basse con risultati che sono andati sempre oltre i quaranta punti realizzati e mai sotto i trenta, accreditandosi come una delle maggiori pretendenti alla vittoria finale. Lunedì alle 20,30 a Calvisano (differita Sportitalia il 17/6 alle ore 08.00), i verdeoro si troveranno di fronte i campioni uscenti dell’Inghilterra, giunta alle semifinali qualificandosi come miglior seconda della Pool A a causa della sconfitta patita con la Francia.

Dunque, domani a Calvisano dalle 18.30 si giocherà per staccare il biglietto della finalissima di Cremona, dove le due sconfitte di domani si contenderanno terza e quarta piazza.

I biglietti per assistere alle semifinali sono disponibili, al prezzo di partenza di 1€, presso le rivendite TicketOne oppure ai botteghini degli stadi di Viadana e Calvisano.

Queste le formazioni che scenderanno in campo.

 

Calvisano (BS), stadio “San Michele” - lunedì 15 giugno 2015, ore 18.30
Semifinale World Rugby U20 Championship “Italia 2015”
NUOVA ZELANDA v FRANCIA

(aggiornamenti sul sito www.fir.it e www.worldrugby.org)

  

Calvisano (BS), stadio “San Michele” - lunedì 15 giugno 2015, ore 20.30
Semifinale World Rugby U20 Championship “Italia 2015”
SUDAFRICA v INGHILTERRA

Sudafrica: Warrick Gelant, Khanyo Ngcukana, EW Viljoen, Daniel Du Plessis, Leolin Zas, Brandon Thomson, Ivan Van Zyl, Hanro Liebenberg (Cap.), Jean Luc Du Preez, Rikus Bothma, RG Snyman, Jason Jenkins, Thomas Du Toit, Joseph Dweba, Ox Nche
A disposizione: Jan Van Der Merwe, Mzamo Majola, Frans Van Wyk, Hyron Andrews, Dan Du Preez, Marco Janse Van Vuuren, Tinus De Beer, Malcolm Jaer
Allenatore: Dawie Theron

Inghilterra: Aaron Morris, George Perkins, Nick Tompkins, Max Clark, Howard Packman, Rory Jennings, James Mitchell, James Chisholm, Will Owen, Lewis Ludlam, Charlie Ewels (Cap.), Will Witty, Paul Hill, Jack Walker, Ellis Genge
A disposizione: Jack Innard, Seb Adeniran-Olule, Ciaran Parker, Kieran Treadwell, Sam Skinner, Will Homer, Lloyd Evans, Piers O'Conor
Allenatore: Jon Callard

Arbitro: Brendon Pickerill (New Zealand)

 

 
MONDIALI U20, SCELTA L’ITALIA CHE AFFRONTA L’ARGENTINA PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Domenica 14 Giugno 2015 12:06

Infografica ARGvITA MondialiU20 2015IL DERBY LATINO DOMANI 16.30 ALLO ZAFFANELLA DI VIADANA, DIRETTA RAI SPORT 2

Brescia – Alessandro Troncon, responsabile tecnico della Nazionale Italiana U20, ha ufficializzato la formazione che domani alle 16.30 affronterà l’Argentina allo Stadio “Luigi Zaffanella” di Viadana nella semifinale 9°/12° posto dei Mondiali U20.

L’incontro sarà trasmesso in diretta su Rai Sport 2 e sul portale www.raisport.rai.it

Per gli Azzurrini e per i Pumitas, quello di Viadana è un derby latino fondamentale per la permanenza nell’elite internazionale giovanile: la vincitrice della sfida dello “Zaffanella” infatti si garantirà da subito la permanenza nel World Rugby U20 Championship per la stagione a venire, mentre la perdente dovrà necessariamente passare per il play-out del 20 giugno contro la perdente di Samoa v Giappone per garantirsi la salvezza.

Buonfiglio e compagni approcciano la gara di domani dopo aver chiuso a fondo classifica la propria Pool, con due prestazioni di carattere contro Sudafrica ed Australia ed una sconfitta da dimenticare contro Samoa che li ha condannati alla parte bassa del tabellone ed alla lotta-salvezza.

Per il derby latino di domani allo Zaffanella, Troncon ripropone dal primo minuto De Santis ad estremo, conserva la mediana Minozzi-Raffaele e punta su un pack di grande sostanza per reggere l’impatto con i Pumitas, apparsi in difficoltà in questa fase nella gara contro la Scozia ma protagonisti di grandi prestazioni nella prima fase del torneo: Archetti torna in terza linea, con Lazzaroni spostato in seconda insieme a Zanetti, che rientra dal primo minuto.

Confermata in toto la prima linea vista contro Samoa con capitan Buonfiglio a sinistra, Ferraro tallonatore ed il sandonatese Cincotto a destra.

I biglietti per la partita con l’Argentina, che daranno diritto ad assistere anche alle altre due gare di giornata (ore 18.30 Samoa v Giappone, ore 20.30 Irlanda v Galles) sono disponibili nei punti vendita TicketOne e saranno in vendita ai botteghini dello Zaffanella dalle 14.30 di domani.

Questa la formazione dell’Italia U20:

15 Giacomo DE SANTIS (Cammi Calvisano)*

14 Lorenzo MASATO (Rugby VeneziaMestre)*

13 Matteo GABBIANELLI (Pesaro Rugby)*

12 Enrico LUCCHIN (Marchiol Mogliano)*

11 Tommaso BERALDIN (Valsugana Padova)

10 Matteo MINOZZI (Valsugana Padova)*

9 Riccardo RAFFAELE (L’Aquila Rugby)*

8 Renato GIAMMARIOLI (Rugby Città di Frascati)*

7 Jake POLLEDRI (Bristol Rugby)

6 Matteo ARCHETTI (Rovato Rugby)*

5 Davide ZANETTI (Cammi Calvisano)*

4 Marco LAZZARONI (Benetton Treviso)*

3 Andrea CINCOTTO (Lafert San Donà)

2 Edoardo FERRARO (Marchiol Mogliano)*

1 Paolo BUONFIGLIO (Marchiol Mogliano)* - capitano 

a disposizione

16 Luhandre LUUS (Accademia FIR)*

17 Dino DALLAVALLE (Rugby Viadana 1970)*

18 Federico PAVESI (Cammi Calvisano)*

19 Samuele ORTIS (Rugby VeneziaMestre)*

20 Matteo CORNELLI (Marchiol Mogliano)*

21 Matteo FERRARI (Cammi Calvisano)*

22 Maicol AZZOLINI (Pesaro Rugby)*

23 Luca SPERANDIO (Marchiol Mogliano)

 

 
MONDIALI U20, A CALVISANO IN CAMPO LE PRIME 4 PER LA FINALISSIMA DI CREMONA PDF Stampa E-mail
Nazionali Azzurre
Sabato 13 Giugno 2015 15:27

MP150606 0071 RG Snyman 1Brescia – Il World Rugby U20 Championship “Italia 2015” entra nella fase calda della competizione. Lunedì 15 giugno, a Viadana e Calvisano, le 12 squadre partecipanti si daranno battaglia sul campo per raggiungere le finali.

Sarà proprio Calvisano ad ospitare le semifinali “clou” del Torneo: nella cittadina bresciana le prime quattro della classe scenderanno in campo per staccare il biglietto per la finalissima che si giocherà allo stadio “Zini” di Cremona sabato 20 giugno.

Dunque, le nazionali di Nuova Zelanda, Francia, Sudafrica e Inghilterra scaldano i motori in vista del gran finale.

Le prime ad affrontarsi, alle 18,30 (differita su Sportitalia il 16/6 ore 8.00), saranno Nuova Zelanda e Francia. Percorso netto fin qui per i “Baby Blacks”, mai fuori dalle prime quattro dall’anno di istituzione del Mondiale U20 (2008), che hanno chiuso al primo posto nella Pool C, non a punteggio pieno (14 pt.) ma con il primato del miglior attacco (125 i punti segnati nella fase di qualificazione) e il giocatore con più mete all’attivo (3) nel corso del torneo: Tevita Li, ala del North Harbour in ITM Cup e con i Blues nel Super Rugby, primato condiviso con il mediano di mischia inglese Stuart Townsend che però, purtroppo, non potrà insidiare il record del neozelandese a causa dell’infortunio al ginocchio patito nel match con il Galles che lo ha costretto al rientro anticipato in patria.

La Francia ha fin qui mantenuto la promessa fatta all’inizio della competizione, quella di essere sbarcata in Lombardia per vincere il Mondiale U20. Intanto i galletti sono riusciti a consumare la vendetta ai danni dell’Inghilterra che gli sbarrò l’accesso alla finalissima nell’altro mondiale italiano del 2011 e, dopo aver vinto la Pool A, per gli incroci maturati alla fine della fase a gironi, potrebbero incontrare di nuovo la nazionale della Rosa in una delle due finali di Cremona.

CLICCA QUI PER IL CALENDARIO DEI MONDIALI U20
CLICCA QUI PER LA BIGLIETTERIA DEI MONDIALI U20

L’altra semifinale, alle 20,30 (differita su Sportitalia il 16/6 ore 8.00), vedrà scontrarsi le due finaliste della passata edizione, nonché miglior prima classificata (15 pt.) e miglior seconda della prima fase: Sudafrica e Inghilterra. I “Junior Springboks” sono apparsi in gran forma finora riuscendo a conquistare il bonus offensivo in tutti gli incontri e impressionando soprattutto nell’ultima partita in cui hanno regolato la “pratica-Australia” con un rotondo 46-13. Nella squadra verdeoro milita anche l’attuale miglior realizzatore del Torneo, il mediano di apertura Brandon Thomson, che guida la classifica dei top scorers con 38 punti.

I campioni uscenti dell’Inghilterra arrivano alla semifinale di lunedì prossimo grazie alla differenza punti: secondo posto nella Pool A a quota 10 come l’Australia che, per il secondo anno consecutivo, viene esclusa dalla lotta per le prime quattro posizioni. L’imperativo per i sudditi di Sua Maestà è quello di bissare il successo del 2014 in Nuova Zelanda infilando il terzo titolo Under20 di fila, ma l’ostacolo sudafricano è sicuramente quello più difficile da superare.

Appuntamento, dunque, per lunedì 15 al “San Michele” di Calvisano dove, oltre alle semifinali 1°-4° posto, alle 16,30 Australia e Scozia apriranno la giornata, mentre a Viadana, dopo l’incontro degli Azzurrini contro l’Argentina (ore 16,30 diretta Raisport 2), sarà la volta di Samoa v Giappone e Irlanda v Galles.

I biglietti per vedere le future stelle del rugby mondiale, al costo di partenza di 1€, sono in vendita presso i punti TicketOne oppure ai botteghini degli stadi.

 

Calendario del turno di semifinale dei Mondiali U20 di lunedì 15 giugno:

Viadana, lunedì 15 giugno

ore 16.30 – Semifinale 9°/12° posto

Argentina v Italia

ore 18.30 – Semifinale 9°/12° posto

Samoa v Giappone

ore 20.30 – Semifinale 5°/8° posto

Irlanda v Galles


Calvisano, lunedì 15 giugno

ore  16.30 – Semifinale 5°/8° posto

Australia v Scozia

ore 18.30 – Semifinale 1°/4° posto

Nuova Zelanda v Francia

ore 20.30 – Semifinale 1°/4° posto

Sudafrica v Inghilterra

 


Pagina 3 di 96

facebook bar2 Facebook Twitter Google plus YouTube Sound Cloud Rss Feed Dailymotion

  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR
  • Sponsor FIR

biglietti_hospitality_2

keep_rugby_clean
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito