Joom!Fish config error: Default language is inactive!
 
Please check configuration, try to use first active language

PROGETTO CARCERI, PROSEGUE L'IMPEGNO DI FIR PER LA PRATICA DEL RUGBY NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI
PROGETTO CARCERI, PROSEGUE L'IMPEGNO DI FIR PER LA PRATICA DEL RUGBY NEGLI ISTITUTI PENITENZIARI PDF Print E-mail
CSR
Wednesday, 15 March 2017 15:36
There are no translations available.

cantoniRoma - Si è tenuto sabato l’incontro tra  Stefano Cantoni, Consigliere Federale FIR responsabile del “Progetto Carceri”, ed i rappresentanti delle associazioni e delle società sportive  attive all’interno delle case circondariali italiane per la pratica del rugby.

“Un momento di confronto” - come sottolinea Stefano Cantoni -  “per far emergere le esigenze di coloro che già operano all’interno degli istituti penitenziari e far sì che il progetto già avviato possa essere declinato tenendo conto delle necessità sia delle squadre che partecipano al campionato che di quelle che non prendono parte a competizioni agonistiche”.

L’intento è quello di predisporre, con il coinvolgimento del  il Ministero di Giustizia ed il Coni, una strategia comune che possa sostenere queste realtà e che favorisca il processo di inserimento del rugby in altri istituti penitenziari italiani, con il fine di renderlo sempre più un momento di socializzazione prima e di reinserimento sociale poi per i detenuti.

Altro aspetto di rilievo nella progettazione sarà il coinvolgimento delle autorità scolastiche per realizzare occasioni d’incontro e di ascolto tra la popolazione studentesca e i detenuti rugbysti, così come già avviene in alcune delle esperienze del territorio.

Il Progetto Carceri, quindi un “percorso in&out”, con un duplice obiettivo:  opportunità per chi è dentro le mura, ma anche per chi è fuori. Un racconto di errori finalizzato alla sensibilizzazione dei giovani, coinvolti in un sempre più preoccupante corto circuito, su comportamenti che possono portare conseguenze gravi e inimmaginabili .    

CLICCA QUI PER VEDERE L'INCONTRO TRA I RAGAZZI DELL'ACCADEMIA DI TORINO E LA SQUADRA DE "LA DROLA"

In virtù della crescente importanza che il Progetto sta assumendo all’interno delle iniziative di responsabilità sociale sviluppate da FIR, grazie al contenuto valoriale che lo caratterizza,si manifesta l’esigenza di individuare ulteriori partner con lo scopo di sostenere quegli istituti che non dispongono di strutture e materiale idonei per la pratica del rugby.

 
 

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito